1. IL CAVALIERE ALL’ASSALTO DI VIALE MAZZINI, MA IL PD SCHIERA IN VIGILANZA I NOVELLINI 2. IL BANANA DOPO RAIUNO VUOLE LA DIREZIONE GENERALE E IL TG2: PESI MASSIMI PDL IN VIGILANZA. GUBITOSI ASSEDIATO ATTOVAGLIA MAU-VIZIO GASPARRI E PAOLO ROMANI 3. IL PD FA I CONTI CON I FANTASMI DI GHERARDO COLOMBO E BENEDETTA TOBAGI IN CDA (CHI LI HA VISTI?) E SULLA VIGILANZA CI RIPENSA: PRESSIONI PER IL RITORNO DI GENTILONI 4. A BERLUSCONI NON BASTANO I TRADIZIONALI EQUILIBRISMI DI CUI I DIRIGENTI DELLA TV DI STATO SONO MAESTRI. VUOLE GENTE DALLA FEDELTÀ A PROVA DI BOMBA, UOMINI SUOI 5. RENZI HA RAPPORTI INESISTENTI PROPRIO CON LA DIRETTRICE DEL TG3, BIANCA BERLINGUER

1. L'EX DI BANCA DRESDNER, ANTONIO RIZZO, INCASTRA CON UN VIDEO LA “BANDA DEL 5%” 2. UN FILMATO RUBATO A TAVOLA DEL DIALOGO AVVENUTO NEL DICEMBRE 2007 TRA DUE BANCHIERI DI DRESDNER, ANTONIO RIZZO E MICHELE CORTESE CHE SVELA L'ESISTENZA ALL'INTERNO DEL MONTE DEI PASCHI DI SIENA DELLA BANDA DEL 5%, CAPEGGIATA DALL'EX DIRETTORE FINANZIARIO GIANLUCA BALDASSARI. ALL'EPOCA DRESDNER ERA CONTROPARTE DI MPS SUL DERIVATO TOSSICO ALEXANDRIA: "CON BALDASSARRI C'ERA UNO CHE GLI FACEVA IL LAVORO SPORCO, SI CHIAMAVA CANTARINI. DENTRO MPS LI CHIAMAVANO LA BANDA DEL 5%. PIGLIANO STECCHE DA ANNI, È RISAPUTO" 3. MA LA BANCA TEDESCA DECIDE DI FARLO FUORI: "URGE TROVARE UNA MOTIVAZIONE URGENTE PER LICENZIARLO - SI LEGGE IN UNA MAIL - LO DICE ANCHE L'AVVOCATO TRIFIRÒ"

1. BAMBOLI, NON C’È UNA LIRA. TRA UNA SETTIMANA L’ITALIA DOVREBBE USCIRE DALLA PROCEDURA D’INFRAZIONE SUL DEFICIT, MA L’EUROPA CI PREPARA UN NUOVO INCRAVATTAMENTO ALLA TEDESCA SULLA POSSIBILITÀ DI SPESA. LA VERITÀ, PER UNA VOLTA, SCAPPA AL MINISTRO GIOVANNINI CHE AI SINDACATI CONFESSA: I FAMOSI 12 MILIARDI DA SPENDERE NON CI SONO. ALTRO CHE BLOCCO DELL’AUMENTO IVA, ALTRO CHE INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI DEI GIOVANI. GIÀ TANTO SE CI SONO I SOLDI PER LA CASSA INTEGRAZIONE 2. INTANTO LETTAENRICO FA FINTA DI TORNARE DA BRUXELLES VINCITORE, CON LA COLLABORAZIONE DEI GIORNALONI DI LOR SIGNORI. E IL FATTO CHE A FINE VERTICE LA MERKEL LO ABBIA IGNORATO VIENE SOTTOLINEATO SOLO DAL MESSAGGERO E DAL GIORNALE. FOSSE CAPITATO AL CAVALIER BANANA, ERA SU TUTTE LE PRIME PAGINE 3. LO SPORT PREFERITO DEI NOSTRI PARTITI: FAR FINTA DI CAMBIARE LA LEGGE ELETTORALE

1. ATTACCO TERRORISTICO A LONDRA: AL GRIDO "ALLAH AKBAR", DUE UOMINI DI COLORE SI SONO SCAGLIATI CONTRO UN SOLDATO E LO HANNO SBUDELLATO A COLPI DI MACHETE 2. A WOOLWICH, PERIFERIA MULTIETNICA DEL SUD-EST DI LONDRA, SEDE DI UNA CASERMA 3. MOLTI TESTIMONI PARLERANNO POI DI UN CORPO "DECAPITATO", RACCONTANDO DI UN'AGGRESSIONE FEROCE E CRUENTA, PERPETRATA DA DUE INDIVIDUI - DI ORIGINE AFRICANA - CHE AVREBBERO INVESTITO LA VITTIMA CON UNA VETTURA PRIMA DI MASSACRARLA 4. I DUE UOMINI (NIGERIANI?), BRACCATI DALLA POLIZIA, SONO STATI ALLA FINE FERITI, CATTURATI E TRASPORTATI IN DUE DIVERSI OSPEDALI: UNO DI LORO È IN GRAVI CONDIZIONI

1. CRESTE, BORCHIE, TATUAGGI E ABITI DI LATEX. COME OGNI ANNO A PARTIRE DAL 1991, LIPSIA SI TINGE DI NERO, DIVENENDO DAL 17 AL 20 MAGGIO TEATRO DEL WAVE GOTIK TREFFEN 2. IL RADUNO DEI DARKETTONI DI TUTTA EUROPA E’ UNA CARNEVALATA DAL LOOK ALQUANTO AGGRESSIVO - CHE VA DAL FETISH AL NEOMEDIEVALE, DAL MILITARY-FASHION ALLE PIÙ ESPLOSIVE RIVISITAZIONI DELLO SFARZO RINASCIMENTALE, ROCOCÒ E VITTORIANO 3. UN HAPPENING ARTISTICO. UN FESTIVAL MUSICALE. UN PARADISO DELL’ESIBIZIONISMO. UNA PASSERELLA DOVE LA FRASE PIÙ RIPETUTA È “CAN I TAKE A PHOTO, BITTE?”. PERCHÉ IL LEITMOTIV DEL TREFFEN È “IO FOTOGRAFO TE, TU FOTOGRAFA ME”

1. 29 ANNI DOPO RIESPLODE IL GIALLO DELLA MORTE DI ENRICO BERLINGUER: MORI' DAVVERO A CAUSA DI UN ICTUS? FATALITÀ O TRAFILA DI ERRORI DELL’APPARATO PCI E MEDICI? 2. UN LIBRO CHOC OSA L’INOSABILE: RIMETTERE IN DISCUSSIONE IL MALORE CHE COLPÌ IL LEADER COMUNISTA. IL MISTERO DELL'ULTIMO BICCHIERE D’ACQUA: COSA C’ERA DENTRO? 3. PERCHÉ NON FU CHIAMATA SUBITO L’AMBULANZA E SI ASPETTÒ LA FOLLIA DI DUE ORE? 4. “TROPPE BUGIE CI SONO STATE RACCONTATE”, DICE L’AUTORE DI “STORIA SEGRETA DEL PCI”, ROCCO TURI. CHE LEGA LA MORTE DI BERLINGUER CON QUELLA DI ALDO MORO

1. TEMPESTA ALL’INCROCIO MPS-BERTONE-AGNELLI: INTERDETTO L’AVVOCATO BRIAMONTE 2. IL LEGALE CHE FU PERQUISITO CON IL SEGRETARIO DI TARCISIO BERTONE È ACCUSATO DI INSIDER TRADING NEL CASO MPS PER LA FUGA DI NOTIZIE SULL’AZIONE CONTRO NOMURA 3. NON SOLO: SAREBBE STATO LUI LA “CERNIERA” TRA DAVID ROSSI E I VECCHI MANAGER DELLA BANCA, CADUTI IN DISGRAZIA. E CI AVREBBE PARLATO PER ULTIMO PRIMA DEL SUICIDIO 4. BRIAMONTE AVREBBE CHIESTO PROTEZIONE A BERTONE, MA IL NUOVO PAPA HA FATTO CAPIRE AL CARDINALE CHE IL SUO TEMPO, E I SUOI AFFARI IN VATICANO, SONO PROSSIMI ALLA SCADENZA. COSÌ COME QUELLO DEI “LAICI” CHE RONZANO INTORNO ALLO IOR 5. LO IOR È STATO “SEGNALATO” PER OPERAZIONI DI RICICLAGGIO, COME RIVELA OGGI L’ISPETTORE BRUELHART, CHE “HA AVVIATO SCREENING SUI CORRENTISTI” (MO SO’ CAZZI)

1. SORRENTINO: “ALL’ESTERO MI CAPISCONO DI PIÙ”. COME NO, INFATTI TI STRONCANO 2. "LIBERATION": “DA EFFETTI MANCATI PER TROPPA GRANDILOQUENZA (L'IRRUZIONE DI UNA GIRAFFA) AGLI OMAGGI LACRIMOSI (UN'APPARIZIONE FANTOMATICA DI FANNY ARDANT), SORRENTINO PENA A TROVARE LA DISTANZA GIUSTA. A VOLTE, SI LANCIA IN UN DISGUSTO CIECO VAGAMENTE REAZIONARIO, CONSEGUENZA INTIMAMENTE LEGATA ALLA NOSTALGIA” 3. MARIOROSA MANCUSO: “LA GRANDE FUTILITÀ DI SORRENTINO E LA MACCHIETTA SEMPRE UGUALE DI TONI SERVILLO” CON UN BEL PARADOSSO, IL FILM CHE VUOLE BATTERSI CONTRO LA SUPERFICIALITÀ È IL PIÙ FUTILE TRA QUELLI FINORA PASSATI IN CONCORSO” 4. FERILLI E VERDONE, ATTORI DEL FILM, PARLANO DI “FUOCO AMICO” E GIUDIZI “NON LIBERI”

1. ‘’L’ACCUSA PIÙ GRAVE CHE MUOVO A BERLUSCONI È DI AVER INTRODOTTO LA MONTA TAURINA DEL GRANDE FRATELLO. NEL 1913 VENNERO CENSURATE LE CAVIGLIE DI ELEONORA DUSE, OGGI SIAMO ARRIVATI ALLA ENDOVAGINOSCOPIA IN PRIMA SERATA” 2. “QUANDO LO SCIÀ DI PERSIA ATTERRÒ A VENEZIA, PRIMA DI RECARSI ALL’HOTEL, ESORDÌ CON UNA BIZZARRA RICHIESTA AL PREFETTO: “MI PROCURI UNA BELLA SIGNORA STANOTTE” 3. ‘’QUANDO CHARLIE CHAPLIN ARRIVÒ A ROMA PER PRESENTARE AL SISTINA ‘LUCI DELLA RIBALTA’, VENNE ACCOLTO DA INSULTI, UOVA, FRUTTA MARCIA E CONTESTAZIONI’’ 4. “UMBERTO D. DAVA L’IDEA CHE L’ITALIA FOSSE UN PAESE DI MISERABILI IN ASSOLUTO. NON CHE CI FOSSE GENTE CHE NON AVESSE MOLTO BISOGNO DI AIUTO, MA LÌ SI ESAGERAVA’’

1. E SE DOPO L’ITALIA RIGOR MORTIS PORTASSE SFIGA ANCHE ALLA BOCCONI, L’ATENEO DEI SAPIENTONI, LA CUI CREDIBILITA’ CONTINUA A CROLLARE NELLE CLASSIFICHE UNIVERSITARIE? 2. STAVOLTA A RIMEDIARE UNA GRAN BRUTTA FIGURA SONO I BOCCONI BOYS ALESINA-ARDAGNA 3. LE LORO TESI ASTRUSE SULL’AUSTERITY (CADUTE A PEZZI ALLA PRIMA VERIFICA) BOCCIATE SENZA APPELLO DA PAUL KRUGMAN: IL NOBEL SI CHIEDE PERCHE’ DEGLI STUDI “GIA’ AMPIAMENTE SCREDITATI DA TEMPO” CONTINUINO A GUIDARE LE POLITICHE EUROPEE 4. LA RISPOSTA DI KRUGMAN: “IL MORALISMO DI ANGELA MERKEL E GLI INTERESSI DEI CREDITORI”

1. MENTRE IL PALAZZO SI TRASTULLA CON L’INELEGGIBILITÀ DELL’ELETTO BERLUSCONI E I PROVVEDIMENTI PER LA SALVEZZA DI DELL’UTRI, LA FIAT SI PREPARA ALLA FUGA FISCALE 2. SUL PIANO DELLE TASSE, NON C’È MOLTO DA ASPETTARSI DA UNA FAMIGLIA CHE ANCORA LITIGA SULL’ENORME TESORO OFFSHORE DI NONNO GIANNI E CHE SI È AFFIDATA A UN MANAGER COME MARPIONNE, LA CUI RESIDENZA È RIMASTA TRA I MONTI DEL CANTONE DI ZUGG 3. ORA CHE DI FABBRICA ITALIA E DEI SUOI 20 MILIARDI MANCO SI PARLA PIÙ, SI SCOPRE CHE LA FLESSIBILITÀ CHE AVEVANO IN MENTE A TORINO ERA DI TIPO FISCALE. CHAPEAU! 4. SE NE VANNO A LONDRA E I GRANDI GIORNALI COPRONO LA FUGA. SILENZIO TOTALE SULLA ‘’REPUBBLICA’’, MENTRE IL ‘’CORRIERE’’ SE LA CAVA CON UN PEZZO TECNICO IN ECONOMIA