PRESIDENZIALI FATTE A MAGLIE - TRUMP E' IL 45° PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI, ADDIO HILLARY RANCOROSA E INCAPACE DI ACCETTARE LA SCONFITTA FINO ALL'ULTIMO, SALVO TELEFONARE FUORI TEMPO MASSIMO - CROLLINO LE BORSE, SVENGANO I FUTURES, TREMI LO YEN, LA RIVOLUZIONE È ARRIVATA. E QUESTO PICCOLO E DISGRAZIATO SITO (DA SOLO) LO DICEVA DA UN ANNO, CON GLI ARTICOLI DI MARIA GIOVANNA MAGLIE, CHE I GIOCHI NON ERANO FATTI, CHE ERA UN CANDIDATO VINCENTE - HA VINTO IL VOTO POPOLARE E QUELLO ELETTORALE HA SFONDATO IL MURO BLU DEGLI STATI SICURI DEI DEMOCRATICI, HA VINTO TUTTI GLI STATI REPUBBLICANI DIMOSTRANDO CHE L'OSTILITÀ DEL PARTITO NON LO HA TOCCATO. IN BARBA AI SOLDI DI HILLARY, AI SONDAGGI E AI MEDIA

TRUMP VINCE PURE IN PENNSYLVANIA MA LA CLINTON NON CONCEDE LA SCONFITTA. JOHN PODESTA PARLA AI DEPRESSI SOSTENITORI DELLA CLINTON: 'MANCANO ANCORA VOTI DA CONTARE, BISOGNA ASPETTARE. ANDATE A DORMIRE E DOMATTINA VI DIREMO COME E' ANDATA' - I ‘MISERABILI’ DI TRUMP URLANO ‘CHIUDILA IN PRIGIONE!’ E GIA' FESTEGGIANO LA VITTORIA. I MERCATI E IL DOLLARO AFFONDANO, PREPARATEVI A UNA LUNGA GUERRA SU CORTE SUPREMA, OBAMACARE, TRATTATI INTERNAZIONALI. IL PARTITO DEMOCRATICO A PEZZI, NON SA COSA FARE

NOTTE DI TERRORE PER HILLARY: TRUMP E' A UN PASSO DALLA VITTORIA. UN GIGANTESCO 'VAFFANCULO' DEGLI AMERICANI AL 'SISTEMA' E LA DISFATTA TOTALE DI STAMPA E SONDAGGI - PER LA CNN, LA PENNSYLVANIA E' PRATICAMENTE PERSA PER LA CLINTON. SE COSI' FOSSE, DATE IL BENVENUTO AL PRESIDENTE TRUMP, CHE VINCE WISCONSIN E FORSE MICHIGAN - SONO BIFOLCHI, BIANCHI E RAZZISTI? MADDECHE'! QUATTRO ANNI FA HANNO VOTATO IN MASSA UN NERO PROFESSORE DI HARVARD. E' CHE TRUMP HA CAPITO CHE CON LA 'RUST BELT' AVREBBE CONQUISTATO L'AMERICA. E HILLARY E' STATA UN CANDIDATO-CIOFECA SIN DALL'INIZIO, NONOSTANTE QUELLO CHE I GIORNALI VI HANNO PROPINATO PER MESI (NON DAGOSPIA)

FANTAPOLITICA: CHE SUCCEDE SE I DUE CANDIDATI PAREGGIANO? VE LO SPIEGHIAMO NOI - C'È UNA (MICROSCOPICA) POSSIBILITÀ CHE HILLARY E TRUMP SI FERMINO SOTTO LA FATIDICA QUOTA DI 270 GRANDI ELETTORI. O PAREGGIANDO 269 A 269, O PERCHÉ UN TERZO CANDIDATO GLI SOFFIA LA MAGGIORANZA ASSOLUTA - A QUEL PUNTO, ALCUNI GRANDI ELETTORI HANNO LA POSSIBILITA' DI CAMBIARE CASACCA - SE NON LO FANNO, LA PALLA PASSA AL CONGRESSO: LA CAMERA DECIDE IL PRESIDENTE E IL SENATO IL VICE. CON UN VOTO SUPER-FEDERALISTA