CARLO CONTI STORY: ‘IL MIO BABBO MORÌ QUANDO AVEVO 18 MESI. MIA MADRE NON AVEVA UNA LIRA, SPESE TUTTO IN CURE SPERIMENTALI, INUTILI. AVREBBE POTUTO GETTARSI DALLA FINESTRA CON ME IN BRACCIO. INVECE TORNATA DAL FUNERALE, TROVÒ NELLA CASSETTA DELLA POSTA…’ - SI COMMUOVE QUANDO PENSA AL MOMENTO IN CUI SI RESE CONTO DI NON AVERE AVUTO UN PADRE: ‘AVEVO 22 ANNI E GIOCAVO A TENNIS COL MIO MIGLIORE AMICO, LEONARDO PIERACCIONI’ - SANREMO, GRILLO, RENZI CHE HA SMARRITO IL TOCCO, BERLUSCONI GRANDE IMPRENDITORE