media e tv

1. CARLA VISTARINI: L'AUTOBUS A ROMA PASSA QUANDO GLI VA. E' COME UN FIDANZATO CHE SI FA DESIDERARE. MA TI CONVIENE PRENDERLO PERCHE' VIVRAI UN'AVVENTURA METAFISICA UNICA - C'E' CHI TI SBATACCHIA LO ZAINO IN FACCIA, QUELLA CHE AL TELEFONO RACCONTA TUTTA LA TINTA SBAGLIATA CHE LE HA FATTO IL PARRUCCHIERE CINESE, IL TIZIO CHE S'È SCORDATO DI LAVARSI E FA UNA PUZZA DISUMANA, IL MANOLESTA, IL PRETE ECUADORIANO, LA SUORA- MONICELLI, DICEVA: SE NON PRENDI L'AUTOBUS, NON PUOI SCRIVERE FILM. ED È VERO. PERÒ..."