1- CHE DIVI METTIAMO IN COPERTINA, OGGI? UN POLITICO (BERSANI), UN CANTANTE (JOVANOTTI), UN CHITARROSO (VASCO ROSSI), UN’ATTRICE (MARGHERITA BUY), UN TELEVISIVO (FACCHINETTI & BELEN)? MACCHé! OGGI LA VERA STAR è DI CARTA: MARCO TRAVAGLIO! - 2- \"UNA VOLTA GRAN PARTE DEL TEMPO LA DEDICAVI A CERCARE NOTIZIE, OGGI LA PASSI A LITIGARE CON I CAPI PER FARTELE PUBBLICARE - HO SCRITTO UN LIBRO SULLE TANGENTI DELLA FIAT E MI SONO BRUCIATO OGNI CHANCE DI LAVORARE ALLA STAMPA - 3- \"CON SANTORO LITIGO SOLO SU ISRAELE. LUI È PIÙ FILOPALESTINESE, IO PIÙ FILOISRAELIANO. LUI PIÙ LIBERTARIO, IO PIÙ GIUSTIZIALISTA: SE UNO RUBA, VADA IN GALERA\" - 4- A DAR RETTA AI GIORNALI, HO AVUTO RELAZIONI CON TUTTE LE RAGAZZE DI \"ANNOZERO\": BEATRICE, MARGHERITA, RULA. BASTA CHE CI VADA INSIEME AL RISTORANTE. A LIBERO, LELE MORA HA PERSINO DETTO CHE HO UN PIED-À-TERRE A BRESCIA\" - 5- CONTRO IL COMMISSARIO DAVANZONI, \"REPUBBLICA\" ANTI-RICCI, SAVIANO E FABIO FAZIO -

Condividi questo articolo
MarcoMarco Travaglio in copertina su Vanity Fair

Sara Faillaci per Vanity Fair

A Marco Travaglio avevo chiesto di raccontare l´origine della sua crociata contro Silvio Berlusconi.
Torinese, 47 anni, esperto cronista giudiziario e politico, autore di libri inchiesta di successo, da cinque anni punta di diamante di Annozero (durante i suoi monologhi lo share si impenna), dal 24 settembre del 2009 è anche uno dei fondatori (e da pochi mesi vicedirettore) del Fatto Quotidiano, giornale diretto da Antonio Padellaro che dopo un anno e mezzo di vita vende già centomila copie. Fenomeno editoriale tanto più sorprendente perché si regge economicamente sulle proprie forze, senza dipendere da poteri forti né da partiti e senza ricevere contributi statali.

TravaglioTravaglio e Padellaro da Vanity Fair

Per le pungenti critiche al premier, e per il fatto di avere collaborato in passato a quotidiani schierati a sinistra (La Repubblica, l´Unità), viene considerato da molti riconducibile a quell´area politica. Ma la sua formazione è liberale e conservatrice, e Montanelli il suo riferimento prima ancora di diventare il suo direttore (l´ha assunto due volte, nell´92 al Giornale e nel ´94 alla Voce).

Proprio per ricordare il padre del giornalismo italiano a dieci anni dalla scomparsa (il 22 luglio del 2001), porta in teatro uno spettacolo che debutta a Bologna il 29 aprile. A lui il compito di parlare di disinformazione dei giorni nostri; all´attrice Isabella Ferrari quello di leggere i testi di Montanelli.

TravaglioTravaglio da Vanity Fair

Quindi la sua crociata contro Berlusconi ha origini sentimentali.
«Quell´episodio mi ha aperto gli occhi. A quell´epoca erano ancora in molti a credere alla rivoluzione liberale che propagandava Berlusconi. Ma le pare che un liberale butti fuori un Montanelli perché è troppo libero?».

Come ha conosciuto Montanelli?
«Era il mio mito da sempre. A vent´anni volevo fare il giornalista solo per lavorare con lui. Molestai per mesi la sua segretaria al Giornale, finché non ottenni un appuntamento. Lui mi invitò a pranzo con Giovanni Arpino, lo scrittore. Al caffè gli consegnai i miei articoli. Non ebbi notizie per sei mesi».

E poi?
«A Pasqua dell´87 mi telefonò la sua segreteria: \"Le passo Montanelli\". Pensai fosse uno dei miei amici che mi prendeva per il culo. Invece era davvero lui: mi propose di collaborare da Torino. Nel ´92 Repubblica mi offrì l´assunzione: a me, che scrivendo due pezzi al giorno guadagnavo al Giornale un milione e seicentomila lire, offrivano uno stipendio da 4 milioni e mezzo. Ma io consideravo Repubblica il diavolo: ero molto anticomunista, e allora i comunisti c´erano ancora. Avevo 28 anni, mi dovevo sposare. Andai da Montanelli e gli dissi che ero pronto a rinunciare se mi avesse assunto lui per un milione e mezzo. Ribaltò l´amministrazione pur di prendermi».

marcomarco travaglio su Vanity Fair

Ma solo due anni dopo Berlusconi decise di entrare in politica.
«Intervenne in assemblea di redazione e disse che ci sarebbero stati gli investimenti che tutti chiedevano, ma che in cambio dovevamo partecipare alla sua battaglia. Un minuto dopo Montanelli si dimise. Gli diedi una letterina di saluto: \"Ti prego, non lasciarmi qui\". E lui mi portò alla Voce».

Molti anni dopo, è stato lei a fondare un giornale.
«Da tempo, con i colleghi più vicini, ci lamentavamo di quanto fosse diventato difficile lavorare. Una volta gran parte del tempo la dedicavi a cercare notizie, oggi la passi a litigare con i capi per fartele pubblicare. Trovai allucinante poi come fu mandato via Padellaro dall´Unità: in un´intervista al Corriere, Veltroni disse che ci voleva un direttore donna. Non lavoro per un giornale che risponde alla segreteria di un partito».

marcomarco travaglio su VAnity FAir

Quindi avete deciso di auofinanziarvi.
«Su voglioscendere.it, il blog che avevo fondato con Peter Gomez e Pino Corrias, ci chiedevano: \"Perché non fate un vostro giornale?\". Da Giorgio Poidomani, ex amministratore delegato all´Unità, scoprimmo che un giornale molto piccolo si poteva reggere solo sulle vendite. Esattamente due anni fa, nel maggio del 2009, lanciammo l´esperimento su Internet: chiedevamo ai nostri internauti di abbonarsi prima dell´uscita del giornale. Entro l´estate del 2009 avevamo raccolto trentamila adesioni, che poi salirono a 40 mila».

Chi sono i vostri lettori?
«In maggioranza, giovani che non hanno mai letto giornali. E poi, gli insoddisfatti degli altri quotidiani».

marcomarco travaglio su VAnity FAir

Quanto conta Travaglio in questo successo?
«Un po´ conta. Ci sono gli 850 mila contatti della mia pagina Facebook, c´è la mia rubrica Passaparola che ogni lunedì va in diretta sul blog di Beppe Grillo, e che poi gira molto su Youtube, con 400 mila visite a settimana. Ma non penso che la gente spenda un euro e 20 solo per leggere il mio articolo, tanto più che a volte lo trova gratis in Rete».

Per strada la riconoscono?
«Sì».

Tutti fan?
«Non tutti. Qualche mese fa stavo andando al concerto di Renato Zero, sono un grande fan, e a Villa Borghese un tizio che faceva footing mi ha urlato: \"Travaglio vaffanculo\"».

TravaglioTravaglio e Padellaro con i redattori del Fatto Quotidiano

Perché piace Il fatto?
«Perché dà notizie che gli altri non danno, e le seleziona. Perché non pesa quintali e non ha quello che trovi già in Rete o in tv la sera prima. Perché separiamo fatti e opinioni e non prendiamo ordini da nessuno: è l´unico quotidiano con un editore puro che non ha altri interessi economici, insieme al manifesto».

Qual è la vostra linea politica?
«Ospitiamo firme di destra e di sinistra. Ci leggono i finiani, alcuni leghisti, gente che vota Pd ma è insoddisfatta del partito. Più che una linea politica abbiamo come riferimento la Costituzione: mandiamo a fanculo chiunque voglia smantellarla. E pochi altri valori di fondo: pulizia dentro la politica, laicità, buona amministrazione, libertà di informazione vera, allergia alla guerra per bande per cui se stai a destra o a sinistra al tuo partito le fai passare tutte».

TravaglioTravaglio Montanelli

Si definirebbe un uomo di destra?
«All´estero mi collocherei in un polo conservatore. Non a ogni costo, ovviamente. In America non mi sarei identificato in Bush perché lo reputo un cretino, ma Reagan è stato quello che ha dato la più lunga curva di prosperità agli Stati Uniti: Obama si ispira a lui. In Francia non mi ritrovo in Sarkozy ma Dominque de Villepin, che Sarkozy ha fatto fuori con un complotto giudiziario, mi piaceva tantissimo. Adoro la Merkel».

In Italia, invece?
«Non mi identifico in nessun partito della destra italiana. Mi sarebbero piaciuti Einaudi, De Gasperi. Mi è capitato di trovare in alcuni politici di centrosinistra sprazzi della destra come la intendo. Prodi, per esempio: tra lui e la Merkel, che differenza c´è?».

Fini?
«Ho molto apprezzato il suo coraggio: sapeva che, andando via dall´ombrello del Pdl, sarebbe piovuta merda, ma non si è lasciato comprare. La classe dirigente che lo circonda, però, non mi pare all´altezza del compito che si è dato: fare una destra legalitaria e antiberlusconiana».

Ha ragione, dunque, chi dice che lei è antiberlusconiano e basta?
«No. E non sono nato con Berlusconi. Sono un giornalista torinese che ha scritto un libro sulle tangenti della Fiat e che per questo si è bruciato ogni chance di lavorare alla Stampa».

montanellimontanelli

Se non è di sinistra, perché continua a lavorare in giornali e trasmissioni di quell´area politica?
«Perché, mentre gli elettori di destra sono uguali ai loro politici, gli elettori di sinistra sono meglio della loro classe dirigente. Più aperti. Santoro non ha mai cambiato una virgola dei miei interventi, anche se parlo male di Bersani. Del resto, anche lui è considerato dai vertici del Pd incontrollabile, quindi nemico».

Quindi fra lei e Santoro non c´è una gran differenza.
«Si sbaglia: c´è. Oltre che culturale, anagrafica: Michele ha 13 anni piu di me, appartiene ideologicamente al `68. Se io fossi stato grande in quegli anni, avrei finito per stare dalla parte dei celerini. Perché, come disse Pasolini, c´era molto più proletariato nella polizia che nei dimostranti. I fighetti in Ferrari che vanno a manifestare contro i baroni mi danno fastidio. Odio i radical chic».

Con Santoro litiga mai?
«Solo su Israele. Lui è più filopalestinese, io più filoisraeliano. Lui più libertario, io più giustizialista: se uno ruba, vada in galera».

AntonioAntonio Ricci

Lei è anche cattolico praticante.
«Vado a messa quando posso, ma so essere anche un mangiapreti. Mi va benissimo quando parlano di fede, ma quando mi dicono per chi devo votare, quanti embrioni posso impiantare, violano il Concordato: avere privilegi fiscali comporta che da certi temi debbano astenersi».

Suo padre che mestiere faceva?
«Progettista di treni. Unico stipendio in una famiglia con tre figli, tutti maschi. Io sono il primogenito. Gli schiaffoni arrivavano perché volevo sempre avere l´ultima parola».

Laureato?
«In storia. Laurea tardiva: l´ho presa solo a 32 anni, quando chiuse la Voce e rimasi disoccupato».

Voto di maturità?
«Cinquantotto. Studiavo al liceo classico dai Salesiani un terzo degli altri, ma ero abilissimo a menare il can per l´aia. Mi sapevo vendere quel poco che mi rimaneva in testa».

NATALIANATALIA ASPESI

Dai Salesiani come Berlusconi.
«Ma lui vendeva i compiti, che è una cosa diversa».

Che tipo di ragazzo era?
«Abbastanza sulle mie, molto timido con le ragazze».

Piaceva, però.
«L´ho capito anni dopo, e mi sono reso conto di aver perso molte occasioni».

A che età la prima ragazza?
«La bambina che mi piaceva quando facevo le elementari: Elisa. Mia figlia si chiama come lei in onore suo».

Sarà contenta sua moglie.
«Tanto lo sa. È stato un amore platonico».

Amori meno platonici?
«Tre o quattro ragazze in vacanza, al mare. Ma mi sono messo con mia moglie molto presto, stiamo insieme da quasi 25 anni».

Ha molto successo tra il pubblico femminile.
«Anche tra quello maschile».

FazioFazio e Saviano

Vanitoso?
«Molto, ma è vanità professionale, non da seduttore».

Eppure ha quella fama. Le hanno attribuito diversi flirt. Persino con Ana Laura Ribas, la showgirl brasiliana.
«Me la trovai a cena una sera di due anni fa, con Massimo Fini e altri amici, dopo un mio spettacolo al Teatro Smeraldo di Milano: prima non l´avevo mai vista. Molto simpatica. A dar retta ai giornali, ho avuto relazioni con tutte le ragazze di Annozero: Beatrice, Margherita, Rula (Borromeo, Granbassi, Jebreal, ndr). Basta che ci vada insieme al ristorante. A Libero, Lele Mora ha persino detto che ho un pied-à-terre a Brescia».

GiuseppeGiuseppe D\'avanzo

Però la Borromeo l´ha anche assunta al Fatto.
«L´ha assunta Padellaro. Certo, sono stato io a farli conoscere. Ha iniziato qui come ultima ruota del carro. Sa scrivere, è umile ed è una spugna: impara in fretta».

Il suo fidanzato, Pierre Casiraghi, l´ha conosciuto?
«Quest´inverno, a New York. Ero andato per parlare del Fatto alla Columbia University, Beatrice era lì con lui in vacanza. Un ragazzo normale, poco più grande di mio figlio».

Che padre è?
«Molto assente. I ragazzi li segue di più mia moglie, che fa la madre e la casalinga. Io sto a Roma 4 o 5 giorni la settimana, torno a casa nel weekend e il sabato loro escono con gli amici: è come se non li vedessi. Alessandro ha 16 anni, Elisa 13».

Si espone molto: non ha mai paura per la sua famiglia?
«Mi sono arrivate anche minacce di morte. Ma se ti vogliono far fuori, di solito non te lo fanno sapere».

BerlusconiBerlusconi Montanelli

Ha avuto anche molti processi.
«Trecento, fra denunce penali e civili, in 27 anni di carriera. Ma nel penale non ho mai avuto condanne definitive. Ho perso solo sei cause civili, e non per aver detto il falso ma perché il giudice ha ritenuto che la mia critica fosse eccessiva. Del resto ho una linguaccia e, se c´è da fare una battuta, non mi trattengo».

Tre anni fa è stato attaccato da Repubblica, con cui all´epoca collaborava. Giuseppe D´Avanzo, in un articolo contro \"il metodo Travaglio\", insinuava che anche lei avesse il suo scheletro nell´armadio: una vacanza parzialmente finanziata da un ufficiale di polizia giudiziaria poi condannato per mafia.
«Come ho spiegato sul mio blog, allegando le ricevute, nessuno mi ha mai pagato una vacanza. Quell´attacco arrivava all´indomani del mio intervento su Renato Schifani da Fabio Fazio. Quello era un momento di inciucio tra destra e sinistra, il Pd aveva applaudito Schifani neoeletto presidente del Senato, e in trasmissione mi sono dichiarato stupito che i giornali di sinistra avessero omesso dalla sua biografia i due soci in seguito condannati per mafia. D´Avanzo con quell´articolo forse voleva giustificare il fatto di non averne scritto nemmeno lui. Paragonava le frequentazioni di Schifani alle mie, per via di una vacanza che avevo fatto con Giuseppe Ciuro. Ma Ciuro, che mi era stato presentato dal mio amico giudice Antonio Ingroia, all´epoca era considerato uno stimato investigatore dell´antimafia. Solo in seguito sarebbe stato condannato per aver passato informazioni sull´inchiesta a un imprenditore sospettato di collusioni mafiose. Una conoscenza occasionale contro due soci: c´è una bella differenza. Comunque poi D\'Avanzo mi ha difeso su Repubblica quando Cicchitto mi additò alla Camera come mandante morale dell\'attentato di Tartaglia, quello della statuetta».

PETERPETER GOMEZ OLIVIERO BEHA

Un altro scontro con Repubblica, più recente, è avvenuto perché lei ha preso le difese di Antonio Ricci dopo che Natalia Aspesi lo aveva accusato di aver gettato, con i suoi programmi, le basi del berlusconismo, e di fare propaganda occulta per il suo capo.
«Dire che Berlusconi sia nato grazie al Drive In, e che Ricci sia un suo propagandista, è un errore di storia della Tv, oltre che una mancanza di senso dell´umorismo. Ci si dimentica che Berlusconi voleva fare una Tv conformista, uguale alla Rai: infatti prese tutti quelli che ci lavoravano pagandoli dieci volte di più. A me Drive In piaceva molto, era un programma di rottura, svelto, spiritoso. Le donne svestite erano una parodia, esattamente come le ragazze Coccodè di Arbore. O pensano che anche Arbore lavorasse per Berlusconi?».

Ha criticato anche Saviano, dopo il programma con Fazio.
«Ho solo scritto che da Vieni via con me mi aspettavo qualcosa di meno pettinato. Sembrava un presepietto della sinistra politicamente corretta. Quando parla dei rifiuti a Napoli, mi sta bene che dia la colpa alla camorra, ma forse bisognerebbe dire che c´è anche una responsabilità dei napoletani, se continuano a eleggere dementi che non riescono neppure a organizzare la raccolta differenziata, o un ciclo integrato dei rifiuti come ce l´hanno persino a Calcutta. Mi sarebbe piaciuto sentire qualche nome di politico, invece i politici sono andati a fare la passerella. Anche quelli che tenevano il sacco ai veri responsabili della monnezza di Napoli».

CLAUDIOCLAUDIO SABELLI FIORETTI BEATRICE BORROMEO SILVIA TRUZZI

A proposito di politici vecchi e nuovi: che ne pensa del sindaco di Firenze Matteo Renzi, così critico verso i dirigenti della sinistra?
«Mi sembra più vecchio di quelli che vorrebbe rottamare. Troppo per la personalizzazione della politica, troppo mediatico. E poco furbo: si è fatto fregare da Berlusconi, che ha subito raccontato di averlo ricevuto ad Arcore. Se vuoi chiedere soldi per Firenze, non vai nella residenza privata e di nascosto, ma a Palazzo Chigi accompagnato da un addetto stampa. Altrimenti vuol dire che hai già accettato il conflitto d´interessi, non te ne frega niente. Trovo più nuovi il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, il presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti, o il sindaco di Bari Michele Emiliano».

Perché le dà fastidio che un politico sia mediatico?
«Mi dà fastidio anche Vendola quando parla della fabbrica di Niki, I cinque libri di Niki... Niki dappertutto. Terribile».

MARGHERITAMARGHERITA GRANBASSI

Non è troppo snob? Comunicare oggi è importante.
«Il mio presidente del consiglio ideale è noioso e balbetta, ma lavora. Diverso è il ruolo del leader di partito. Non ho ancora capito che cosa vogliano fare Vendola e Bersani: temo entrambe le cose, e non mi sembra giusto. I migliori premier che abbiamo avuto, Ciampi e Prodi, non avevano dietro un partito».

Se ci fossero le elezioni domani, chi voterebbe?
«L´Italia dei Valori. Proprio perché l´ho votato, se Di Pietro fa degli errori, come quello di appoggiare il pluriinquisito De Luca come governatore della Campania, lo scrivo. Di Pietro è uno dei pochi che non serba rancore».

RulaRula Jebreal

Dieci anni fa Daniele Luttazzi la ospitava nel suo programma, Satyricon, dove lei presentò il suo libro sulle origini della ricchezza di Berlusconi: da allora, non ha più lavorato in televisione.
«E dire che riempie i teatri: quello di Daniele è il caso più vergognoso».

Si sente mai in colpa nei suoi confronti?
«No. Fu un suo atto di coraggio consapevole, non un mio colpo di mano. Non ci conoscevamo nemmeno, e non eravamo in diretta, eppure mi mandò in onda senza tagli».

Parlava del Drive In: che altro ricorda con affetto, dei suoi anni Ottanta?
«La disco music: gli Abba, i Bee Gees, Gloria Gaynor».

Tutte icone gay. E prima aveva detto di Renato Zero.
«Se vuole che peggiori la mia situazione, aggiungo i Boney M. Tutte cose che si ballano, molto carine».

DriveDrive In

Manca solo la Carrà.
«La adoro. Soprattutto da quando, ospite da Fazio, ha detto che legge il Fatto tutte le mattine. Me la sarei baciata».

BOX
Il Fatto Quotidiano esce in edicola il 23 settembre 2009. Il nome è un omaggio a Enzo Biagi, conduttore del programma televisivo Il Fatto, mentre il logo del bambino con il megafono si ispira al quotidiano La Voce, fondato da Indro Montanelli. Fondatori Antonio Padellaro, Marco Travaglio, Peter Gomez e Marco Lillo, che del giornale sono anche azionisti, con quote diverse: rispettivamente 100 mila euro, 30 mila, 20 mila e 15 mila. In seguito si sono aggiunti altri soci, compresi due editori (Chiarelettere e Aliberti). Amministratore delegato è Giorgio Poidomani, ex ad dell´Unità. Il breakeven iniziale, la soglia da raggiungere per poter entrare in attivo, era di 30 mila copie. Dopo un anno e mezzo Il Fatto Quotidiano ne vende più del triplo: 100 mila, di cui 30 mila in abbonamento (3 su 4 sono abbonamenti per l´edizione online). L´utile del primo anno - 9 milioni di euro al lordo delle tasse - è stato reinvestito nell´aumento dell´organico (da 16 a 30 assunti con contratto giornalistico), nel sito diretto da Peter Gomez (settimo sito italiano e quarto tra quelli dei quotidiani) e in due inserti settimanali: Il Misfatto (satirico) e Saturno (culturale).

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

politica

TRA NORI E TRIDICO SPUNTA IL “TRAGHETTATORE”? – GUERRA FREDDA TRA LEGA E 5 STELLE PER IL VERTICE DELL’INPS, SI MEDIA SU UNA FIGURA DI BASSO PROFILO CHE NON DIVENTI AUTOMATICAMENTE PRESIDENTE MA CONSENTA LA PARTENZA DI REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100 – È SOLO UN TENTATIVO DELLA BUROCRAZIA INTERNA DI MANTENERE I RUOLI? PIÙ PROBABILE UNO SCAMBIO: TRIDICO PRESIDENTE E NORI DG, COSÌ LA LEGA SI PUÒ PRENDERE L’INAIL – MA IL TEMPO STRINGE: L’ISTITUTO RISCHIA LA PARALISI DA LUNEDÌ

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute