ALDO BUSI VIVE MALE MA SCRIVE PEGGIO - ‘’LE CONSAPEVOLEZZE ULTIME’’? UNA GRAN NOIA, UN VALZER DI PAROLE E PAROLE E PAROLE CON SFOGGIO D'ATLETISMO SU PAGINA, LUNGHI SALTI BORBOTTANTI CON CONSAPEVOLEZZA DA SOUBRETTE - VIENE FUORI TUTTA LA VOGLIA DI BUSI DI PROCESSARE L'ITALIA, SOLO CHE SEMBRA 'FORUM', UN ATTACCO A SALVE”

-

Condividi questo articolo

Marco Ciriello per il Messaggero

 

ALDO BUSI - LE CONSAPEVOLEZZE ULTIME ALDO BUSI - LE CONSAPEVOLEZZE ULTIME

Se è vero che pur di scrivere si è ridotto a vivere è anche vero che vive male, Aldo Busi, sobbarcandosi orrende cene pur di scorgere un poco di quella odiosa realtà italiana di cui si nutre. ‘’Le consapevolezze ultime’’ (Einaudi) si riducono a poco, strette come stanno nella provincia lombarda che fattura in nero, investe all' estero e non compra i suoi libri.

 

BUSI 67 BUSI 67

Tra una chiamata di prostata e la solita tirata sulle bestemmie che ormai scandalizzano solo Michele Serra viene fuori tutta la voglia di Busi di processare l'Italia, solo che sembra Forum un attacco a salve; tutta la voglia di radiografare piccolezze e vanti, solo che non diventa mai Giordano Bruno, ma rimane un arrabbiato ragazzo con una ingenuità che fa tenerezza. Se la sua scrittura conserva un ritmo gaddiano con lunghe inutili finestre radicaleggianti arricchite da rimpianti sessuali, il suo pensiero è debolissimo, come tutto il libro.

 

Frammenti di discorsi più o meno autobiografici, con sfoggio d' atletismo su pagina, lunghi salti borbottanti con consapevolezza da soubrette.

Non c' è la ricerca dell' effimero, ma la lezione di un moralista barbaro che interpreta un ruolo da colto selvaggio che massacra tutto, rivendicando purezza e scelte comuni a molti e sbandierate da pochi.

 

Aldo Busi Aldo Busi

Insomma: una gran noia, un valzer di parole e parole e parole. Nel 1963 Pasolini intervistato da Alberto Arbasino la risolveva brevemente: «Sai cosa mi sembra l' Italia? Un tugurio i cui proprietari sono riusciti a comprarsi la televisione».

Ecco, ora c' è anche il wi-fi.

ALDO BUSI EN TRAVESTI ALDO BUSI EN TRAVESTI

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

"MALETTONISMO" - MARCELLO VENEZIANI: “I BENETTON NON HANNO PRODOTTO SOLO MAGLIONI E GESTITO AUTOSTRADE MA SONO STATI LA PRIMA FABBRICA NOSTRANA DELL'IDEOLOGIA GLOBAL E TOSCANI E’ STATO IL LORO PROFETA. SOCIETÀ MULTIRAZZIALE, VIA LE BARRIERE OVUNQUE, ECCETTO AI CASELLI, DOVE SI TRATTA DI PRENDERE PEDAGGI - SI È CEMENTATO UN BLOCCO TRA UN CETO PROGRESSISTA CHE FORNISCE IL CERTIFICATO DI BUONA COSCIENZA A UN CETO AFFARISTICO DI CAPITALISTI MARPIONI. PERÒ ALLE VOLTE INSORGE LA REALTÀ…”

business

cronache

sport

VITA, PALLONE E CAMPIONI NEI RICORDI DI EUGENIO FASCETTI: “IL MIO RAMMARICO PIU' GRANDE? LAZIO-VARESE, STAGIONE 1981-82. IO ALLENAVO IL VARESE E COME DS AVEVO BEPPE MAROTTA. DOPO 20 MINUTI ERAVAMO 2-0 MA PERDEMMO 3-2. NOI ERAVAMO LANCIATI PER LA SERIE A, ACCADDERO COSE STRANE E MI FERMO QUI… - SE CASSANO AVESSE AVUTO LA TESTA DI ANTONIO CONTE SAREBBE STATO MOSTRUOSO - ALLEGRI E’ IL PIU’ BRAVO DI TUTTI - DOPO LA GUERRA, ANCHE NEL PALLONE SERPEGGIAVA UNA DERIVA SOCIALISTA E QUANDO ANDAMMO IN UNGHERIA…"

cafonal