L'ANNO IN CUI MARILYN FU FELICE - IN UN NUOVO LIBRO LA VITA DELLA MONROE A NEW YORK, DOVE FREQUENTAVA BRANDO, SINATRA, CAPOTE E PRENDEVA LEZIONI PRIVATE DA STRASBERG, SENTENDOSI FINALMENTE ARTISTA E NON 'UNA VACCA SEXY DA MUNGERE' - MA POI SPOSO' MILLER, FALLI' DI NUOVO IN AMORE E COMINCIO' A FARE COLAZIONE CON IL BLOODY MARY, PILLOLE PER DORMIRE E PILLOLE PER RIALZARSI

Condividi questo articolo

Caroline Howe per “Daily Mail

 

nuovo libro sulla monroe nuovo libro sulla monroe

Una donna di nome Zelda Zonk a novembre del 1954 si imbarcò su un volo da Los Angeles a New York, avvolta in un impermeabile nero, con occhiali da sole Ray-Ban

e una parrucca nera. Ha fumato una sigaretta e si è mangiata le unghie, poi a bordo dell’aereo si è tolta la parrucca, rivelando la chioma bionda.

 

Era Marilyn Monroe, allora 28enne, che viaggiava in compagnia del fotografo Milton Greene, e si allontanava dal suo matrimonio in pezzi con Joe DiMaggio, dal contratto con la ‘Twentieth Century Fox’, dal suo agente, dall’insegnante di recitazione, inseguendo il sogno di diventare una vera attrice e creare il suo studio, ‘Marilyn Monroe Productions’, per sottrarsi a quello di Hollywood.

 

marilyn su life marilyn su life

A raccontarlo è Elizabeth Winder nel nuovo libro “Marilyn in Manhattan: her year of joy” , in uscita a marzo, che racconta l’anno di felicità a New York, città di cui la Monroe si innamorò. Qui frequentò Marlon Brando, giocò a cuscinate con Truman Capote, sorseggiò gin con Frank Sinatra al ‘Subway Inn’ e studiò il metodo Strasberg all’Actor's Studio. Strasberg le diede lezioni privatamente. Quando Arthur Miller le fece scoprire Brooklyn, lei trovò la sua vera casa. Era al picco della carriera e non aveva alcuna intenzione d tornare a Los Angeles.

marilyn con milton greene marilyn con milton greene

 

Era stufa dei ruoli sexy e combatteva l’anemia con massicce dosi di vitamina B. Si sentiva come una vacca da mungere per mantenere in vita i suoi produttori e sognava di essere presa sul serio. Si affidò al fotografo Greene, che le tolse il trucco e la ritrasse al naturale, realizzando gli scatti più iconici della Monroe. Ebbero una relazione, ma poi la moglie di lui comunicò di essere incinta e la storia con la star finì. Marilyn tornò da DiMaggio, noioso, poco propenso a capire la sua necessità di indipendenza. A quel punto Green, rimastole amico, le consigliò di partire e trasmise agli avvocati il contratto da schiava che la legava alla Fox, investì tutto sul nuovo progetto.

 

marilyn con truman capote marilyn con truman capote

La Monroe si trasferì per 29 giorni a casa Greene, diventò amica anche della moglie del fotografo, Amy, che la aiutò a cambiare look, ad evitare vestiti troppo corti o attillati per strizzare le curve, la invitò a smettere di imbottirsi il reggiseno. Il 7 gennaio la Monroe si mostrò in pubblico e annunciò la creazione della sua casa di produzione ‘MMP’. Partì alla volta di New York. Con Brando sembravano la coppia perfetta: intensi, perfezionisti, lettori compulsivi di Kant, Rousseau, Locke, Nietzsche, Melville. Ma poi lei si innamorò di Arthur Miller e lo sposò nel 1956.

 

marilyn con miller marilyn con miller

Ai Greene la Monroe preferì gli Strasberg, la sua nuova famiglia, che le fece scoprire la East Coast. Amy Green disprezzava Miller, che usava le insicurezze della Monroe, soprattutto facendo leva sulla sua mancanza di cultura. Il matrimonio infatti fu un disastro e il divorzio arrivò di lì a poco. La ‘MMP’ fu storia chiusa. Altri fallimenti, altre pillole per dormire e piccole per alzarsi. La Monroe crollò. Non si svegliava prima di mezzogiorno, per colazione prendeva Bloody Mary e non apriva mai le tende della stanza. Per riattivare la sua carriera, dovette tornare a Los Angeles, dove la situazione peggiorò. Tra antidolorifici, barbiturici, delusioni amorose e professionali, non ce la fece e fu trovata morta nel suo letto il 5 1962.

marilyn con dimaggio marilyn con dimaggio marilyn con brando marilyn con brando milton greene nel 1954 milton greene nel 1954 scattata da milton grene nel 1955 scattata da milton grene nel 1955 the last sitting the last sitting marilyn1952 marilyn1952 greene fotografa marilyn greene fotografa marilyn bert stern marilyn bert stern marilyn la monroe annuncia il divorzio da miller la monroe annuncia il divorzio da miller marilyn a new york marilyn a new york marilyn con frank sinatra marilyn con frank sinatra

 

Condividi questo articolo

media e tv

DIO PERDONA, FELTRI NO: “SELVAGGIA LUCARELLI, FORMIDABILE SCRITTRICE CHE SI DISTINGUE PER NON DIRE NIENTE DI INTELLIGENTE, SCRIVE CHE SONO UN NONNO RINCOGLIONITO. PER OFFENDERE UN ANZIANO BASTA RAMMENTARGLI DI ESSERLO. UNA TECNICA MISERABILE. C'È CHI SI RIFÀ LA REPUTAZIONE E CHI SI RIFÀ LE TETTE. LA LUCARELLI NON È IN GRADO DI RIFARSI LA PRIMA PERCHÉ NON L'HA MAI AVUTA, LE TETTE SE LE È GIÀ RIFATTE CON RISULTATI MEDIOCRI. SUL SUO CERVELLO NON MI ESPRIMO, NON L'HO SCOVATO”

politica

business

cronache

sport

cafonal