BARBERA E CHAMPAGNE! – IL DIRETTORE DELLA MOSTRA DI VENEZIA RISPONDE ALLE CRITICHE SULLE POCHE DONNE IN GARA: “I FILM SI SCELGONO PER LA QUALITÀ INTRINSECA E NON PERCHÉ SONO FATTI DA DONNE. I FILM BRUTTI LI FANNO TUTTI – NELL’ARTE LE QUOTE ROSA NON HANNO SENSO. LA COSA PEGGIORE DELL’ARTICOLO DI ‘HOLLYWOOD REPORTER’ È IL PREGIUDIZIO CULTURALE ANTI ITALIANO, AL LIMITE DELLA DIFFAMAZIONE”

-

Condividi questo articolo

Estratto dell’articolo di Arianna Finos per “la Repubblica”

 

(…)

 

alberto barbera 2 alberto barbera 2

L'"Hollywood Reporter" la accusa di "maschilismo tossico" perché c' è solo una regista in concorso e poche donne in generale. Lei ha twittato di non sapere se ridere o piangere.

«Le polemiche c' erano già state a al festival di Cannes, sotto attacco per settimane perché c' erano pochi film di donne in concorso ed erano tre».

 

Dopo la Montée des Marches delle registe a Cannes il film di Eva Husson "Les filles du soleil", è sembrato debole e deludente. Ci si è chiesti se giovasse alla causa.

«Credo sia una riflessione condivisa. Ed è il motivo per cui io ostinatamente ripeto che i film si scelgono per la qualità intrinseca e non perché sono fatti da donne.

 

le donne della giuria di cannes 2018 presieduta da cate blanchett le donne della giuria di cannes 2018 presieduta da cate blanchett

Non possiamo fare l' errore di ragionare in termini di condiscendenza nei confronti del lavoro femminile: ci sono grandissime registe che vanno valorizzate in quanto tali e non perché donne, altrimenti diventa offensivo, umiliante, e in qualche caso, come quello che lei ha citato, controproducente».

 

A Cannes c' erano molti film brutti di maschi.

«Questa è la dimostrazione che i film brutti, come quelli belli, li fanno tutti. Il nostro lavoro è cercare di scegliere i film migliori indipendentemente dalla casa di produzione, dal genere dei registi, dal cast che hanno. Nell' arte le quote rosa non hanno senso, come invece è giusto ad esempio nella politica. Ed è anche vero che c' è un problema di accesso nell' industria del cinema, che è maschilista».

 

alberto barbera alberto barbera

Quante donne alla Biennale College?

«Quest' anno due registi, sui tre scelti, sono donne.

È la dimostrazione che non solo non c' è pregiudizio: quando c' è una qualità intrinseca al progetto siamo i primi a riconoscerlo».

 

E quanto è bello "The Nightingale", il film dell' unica donna in concorso Jennifer Kent?

THE NIGHTINGALE THE NIGHTINGALE

«Bello e forte. Ambientato all' inizio del 1800, ma con un sottotesto rivolto al presente.

Un film radicale, violento nella denuncia dell' oppressione subita dalle donne».

 

"Hollywood Reporter" ha ripreso l' espressione "maschilismo tossico", coniata dal "New York Times" qualche mese fa a proposito delle polemiche sollevate dal MeToo.

L'HOLLYWOOD REPORTER ACCUSA DI MASCHILISMO IL FESTIVAL DI VENEZIA L'HOLLYWOOD REPORTER ACCUSA DI MASCHILISMO IL FESTIVAL DI VENEZIA

«È un termine disturbante perché come tutte le definizioni radicali e tranchant, non fa distinzioni.

 

La cosa peggiore dell' articolo è il pregiudizio culturale anti italiano, che fa di ogni erba un fascio, e che è inaccettabile da parte di un giornalista che fa seriamente il suo mestiere.

 

L' articolo francamente mi è sembrato sostanzialmente in mala fede e al limite della diffamazione: nel momento mi cui mi si accusa di scegliere i film sulla base del nome del regista e del suo prestigio invece che della qualità, si mette in discussione il fondamento stesso del mio lavoro. Cosa che non posso accettare».

guillermo del toro guillermo del toro

 

Bella l' idea del madrino maschio. Ma era una delle poche occasioni che le donne del cinema avevano per dire cose intelligenti.

«No, ma l' anno prossimo probabilmente sceglieremo una donna».

 

ALBERTO BARBERA VENEZIA ALBERTO BARBERA VENEZIA

Cambiamo polemica: c' è un conflitto di interessi tra Guillermo Del Toro presidente di giuria e l' amico Alfonso Cuarón in concorso?

«Ci abbiamo pensato, però poi ci siamo detti: non possiamo non aver fiducia nelle persone che conosciamo. Ci siamo detti che valeva la pena di farlo perché Roma merita assolutamente il concorso».

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute