BUFERA SU BURUMA: “SONO IO IL NUOVO BERSAGLIO SOCIAL", DOPO L'ADDIO, PARLA L'EX DIRETTORE DELLA "NYRB", NEI GUAI PER L'ARTICOLO DI UN PRESUNTO MOLESTATORE: "VOLEVO DEDICARE UNA COPERTINA AL CASO DEGLI UOMINI CHE SULL'ONDA DEL MOVIMENTO METOO, ANCHE SE NON SONO STATI CONDANNATI DALLA LEGGE, SONO STATI FALCIATI DAI SOCIAL. E HO SUBITO LA STESSA SORTE: STANNO METTENDO ALLA GOGNA ANCHE ME"….

-

Condividi questo articolo

Anna Lombardi per la Repubblica

 

 

buruma buruma

Non è ironico? Volevo dedicare una copertina al caso degli uomini che sull' onda del movimento MeToo, anche se non sono stati condannati dalla legge, sono stati falciati dai social. E ho subito la stessa sorte: stanno mettendo alla gogna anche me».

 

A 24 ore dall' abbandono della direzione della New York Review of Books, Ian Buruma affida a un giornale, olandese come lui, le uniche dichiarazioni. Parla a Vrij Nederland - storica rivista culturale, nata durante l' opposizione nazista - non per campanilismo, ma perché una sua intervista era già in programma ed era necessario aggiornarla. Poche battute dopo le polemiche per quella copertina intitolata La caduta degli uomini: dove il pezzo più contestato è dell' ex conduttore radiofonico Jian Ghomeshi, che in Canada 24 donne avevano accusato anche di percosse. In otto lo avevano denunciato: ma era stato prosciolto.

 

La scelta di dargli la parola era stata discussa in redazione e decisa, dice Buruma, col consenso dell' editore Rea S. Hederman. Che nel frattempo ha cambiato idea: «Non mi ha licenziato» chiarisce l' ex direttore «mi sono dimesso io. Ho capitolato davanti alle pressioni dei social e degli editori universitari che minacciavano di boicottare la rivista».

Ian Buruma Ian Buruma

 

(...)

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute