CARMEN LLERA MORAVIA AL GUINZAGLIO DI “DOGMAN” – “DA VITTIMA A CARNEFICE IL PASSO È BREVE. CE LO RACCONTA MAGNIFICAMENTE MATTEO GARRONE - FINALMENTE VERO CINEMA, IL TALENTO NARRATIVO DEL REGISTA CI TIENE INCOLLATI ALLO SCHERMO. DALLA PRIMA INQUADRATURA (UN GROSSO CANE) ALLO SGUARDO ALLUCINATO DEL PROTAGONISTA DOPO IL MASSACRO’’

-

Condividi questo articolo

CARMEN LLERA MORAVIA CARMEN LLERA MORAVIA

Carmen Llera Moravia per Dagospia

 

Da vittima a carnefice il passo è breve. Ce lo racconta magnificamente Matteo Garrone in “Dogman”.

Finalmente vero cinema, il talento narrativo del regista ci tiene incollati allo schermo. Dalla prima inquadratura (un grosso cane) allo sguardo allucinato del protagonista dopo il massacro.

Empatia totale

Non è la vera storia del canaro ma le assomiglia molto credo, almeno nella parte fondamentale.

 

DOGMAN DOGMAN

Un uomo mite, gentile, fisicamente sgraziato,  chiama "amore" ogni cane che incontra e adora la figlia Alida di 7 anni. Un padre, un lavoratore, un vicino amato da tutti.

Un luogo-non luogo, degradato certo ma che Garrone rende  poetico come lo stesso protagonista l'attore Marcello Fonte 

Geniale.

DOGMAN DOGMAN

La sceneggiatura potrebbe essere di Guillermo Arriaga, la Magliana o il Messico, poco cambia, ricorda il Bunuel de “Los Olvidados”.

Fra spacciatori e piccoli delinquenti, furti e droga, violenza e degrado.

 

L'uomo gentile dai grandi occhi picassiani sopporta le violenze dell'amico ex pugile Simone che lo trascinerà in una spirale di violenza senza fine. Non lo denuncerà e si farà un anno di galera.

Ne uscirà cambiato.

Garrone Fante Garrone Fante

 

Quando torna nel suo quartiere nessuno lo vuole, lo cacciano dal bar chiamandolo "infame".

Solo la piccola Aida e gli amati cani riescono a consolarlo.

Ma la vendetta non si farà attendere, programmata nei minimi dettagli, intrappolerà Simone, lo chiuderà in una gabbia e lo ucciderà a martellate, ne farà a pezzi il corpo... questo ci dice la cronaca ma il regista si ferma prima...

Alle luci dell'alba vediamo l'assassino seduto, solo, ultima inquadratura sullo sguardo perso.

Merita molti premi.

CARMEN LLERA CON MORAVIA CARMEN LLERA CON MORAVIA dogman dogman

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute