CARNE DA REALITY - L’APPELLO DISPERATO DEL’EX GIEFFINA TRANS REBECCA DE PASQUALE: “DOPO LA TV SONO SENZA LAVORO. SAREI DISPOSTA A CAMBIARE ANCHE I PANNOLONI AGLI ANZIANI. LAVORO DA QUANDO AVEVO TREDICI ANNI E OGGI ACCETTEREI QUALSIASI PROPOSTA. FAREI ANCHE LA LAVAPIATTI, LA COLF E NON AVREI ALCUN PROBLEMA A…”

-

Condividi questo articolo

Alessio Poeta per www.gay.it

 

rebecca de pasquale rebecca de pasquale

In un momento storico come questo, dove sui social va di moda “l’ostentazione della vita che vorrei, ma che in realtà non ho”, spunta l’ex gieffina Rebecca De Pasquale con un appello piuttosto inusuale. Infatti, davanti ad una platea di quasi trenta mila follower, su Instagram, la seconda o terza trans più famosa dell’etere, ammette di essere alla disperata ricerca di un lavoro.

 

E poco importa di che natura sia, perché Rebecca passerebbe dai fornelli, ai pannoloni senza alcun problema. Ma cosa spinge un personaggio che nell’immaginario collettivo dovrebbe fingere di essere sotto il sole cocente di Formentera o in uno stabilimento qualsiasi a Fregene, a chiedere aiuto in questo modo?

rebecca de pasquale a ciao darwin rebecca de pasquale a ciao darwin

 

Che succede Rebecca?

È un periodo dove ho bisogno di gridare i miei momenti “no.” Prima del Grande Fratello, avevo le mie certezze. Lavoravo come corista al TeatroVerdi di Firenze. Poi, una volta fatto il reality sono iniziate le prime difficoltà.

 

Pensi che sia colpa della tua sessualità, del precariato o del tuo passato televisivo?

La sessualità, grazie a Dio, non è più un problema e, se vogliamo, non lo è neanche mai stato.

 

In che senso?

Ho sempre lavorato da Rebecca e mai nessuno mi ha discriminata. Grazie al GF ho fatto tante serate, ma non ho mai avuto un manager serio. Poi, a dire il vero, in tv chiamano sempre le stesse facce, rifatte e non. Dovevo andare a I fatti vostri, da Magalli, a parlare del triste episodio di bullismo ad Eboli, ma poi saltò tutto per il caso del nostro connazionale liberato in Mauritania. Chiamai anche Masterchef per essere presa come concorrente. Sembrava fatta, mi avevano detto che ci saremmo risentiti a fine aprile ma, ad oggi, non si è più fatto vivo nessuno. Sono molto triste per questo periodo, ma dentro, credimi, ho ottimismo da vendere.

rebecca de pasquale rebecca de pasquale

 

E che tipo di lavoro cercheresti?

Mi piacerebbe lavorare nella ristorazione, quello sì, ma sarei disposta a cambiare anche i pannoloni agli anziani. Lavoro da quando avevo tredici anni e oggi accetterei qualsiasi proposta. Farei anche la lavapiatti, la colf e non avrei alcun problema a pulire le scale dei condomini.

 

È così difficile trovarlo?

Difficilissimo. In molti, a dire il vero, non credono neanche che io abbia bisogno di lavorare.

 

In molti, tra i tuoi follower, si son stupiti di come un personaggio pubblico ammetta di essere alla ricerca di un posto di lavoro…

Lo credo bene. In questo mondo di finzione non siamo più abituati a percepire il bisogno delle persone. La gente mi scrive tante cose carine e c’è persino qualcuno che mi sta aiutando a mandare e portare in giro il mio curriculum.

rebecca de pasquale rebecca de pasquale

 

Sono indiscreto se ti chiedessi che fine han fatto tutti i soldi guadagnati al GF?

Il GF non fa guadagnare, ma ti fa vivere una bella esperienza. I soldi li ho finiti vivendo. Non ho mai comprato vestiti da duecento euro, ma ho sempre cercato di spendere il tutto per riempire le dispense di casa. Preferisco dedicarmi da sempre all’essere, e non all’apparire. Ho collaborato per due anni buoni, assieme al mio compagno, alle spese di casa. Oggi, invece, faccio fatica. Paga tutto lui. L’affitto di casa e le rate della macchina.

 

Una ragazza che volesse emulare la tua esperienza che cifre dovrebbe aspettarsi?

Nessuna.

 

Quindi, coi reality e con tutto il suo carrozzone, non si diventa ricchi?

paolo bonolis e rebecca de pasquale paolo bonolis e rebecca de pasquale

Ma quali ricchi e ricchi…

 

A quanto ammontava il prezzo per averti ospite in un locale una volta uscita?

Una volta uscita partecipavo come madrina ai nuovi casting e lì, in totale, avrò guadagnato sui mille, mille e cinquecento euro. Invece, per le ospitate, prendevo anche cinquecento euro. Non sono mai stata una venale, anzi. Già immagino le critiche dopo quest’intervista, ma a me non frega nulla. Io chiedo solo un piccolo aiuto.

 

I reality sono realmente fabbriche di illusioni?

Nel mio caso nessuna fabbrica d’illusione, anzi. Tutto dipende da te, da come sei e da quello che ti aspetti. Il momento di gloria può durare anche un giorno o forse anche meno. Molto meno.

 

Tu che aspettative avevi una volta uscita?

il provino di rebecca de pasquale il provino di rebecca de pasquale

Nessuna. Prima di entrare nella casa più spiata d’Italia mi son detta, più volte, che mi sarei abbandonata alla fortuna. Mi aspettavo solo di essere chiamata in programmi di cucina e, invece, niente di niente.

 

Hai più sentito qualcuno della tua edizione?

Ultimamente sì. Ci siamo sentiti tutti su WhatsApp, per pagamenti sospesi…

 

Stai per caso dicendo che non siete stati ancora pagati dal Grande Fratello?

No, no, assolutamente.

barbara durso e rebecca de pasquale barbara durso e rebecca de pasquale

 

La gente è pronta a farti notare la tua assenza dal video al fine di screditarti?

No, questo no, anzi. La gente mi riconosce ancora e, al massimo, mi chiede bonariamente il perché della mia assenza dal video. Vado forte al supermercato…

 

Tra pochi mesi partirà l’Onda Pride. Da ex figura religiosa come vivi una manifestazione come quella?

Non mi piace affatto. Non mi piace tutto quel folclore. Il Pride è volgare. Io ci sono stata. Mi vestii da spagnola, ma a tutto c’è un limite. Vada per le piume, ma quei costumi alla Sodoma e Gomorra, proprio no. Tutto quel silicone, poi, per carità…

rebecca de pasquale rebecca de pasquale

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

ATTENTI AI NARCISISTI, SONO DEI DISTURBATI MENTALI - MELANIA RIZZOLI: “IL NARCISISMO RIVELA ELITARISMO E INDIFFERENZA NEI CONFRONTI DEGLI ALTRI - INCLUDE L'EGOCENTRISMO, INDICA VANITÀ E PROBLEMI NEGLI SCAMBI INTERPERSONALI, NEL MANTENERE RELAZIONI SODDISFACENTI, IPERSENSIBILITÀ ALLE CRITICHE E INCAPACITÀ DI VEDERE IL MONDO DA UN PUNTO DI VISTA DIFFERENTE. IL NARCISISTA CREDE DI ESSERE PIÙ IMPORTANTE DI QUANTO LO SIA REALMENTE, SI VANTA DEI SUOI RISULTATI SPESSO ESAGERANDOLI, DETESTA COLORO CHE NON LO AMMIRANO”