CHE PARACULI: SAPETE PERCHÉ HANNO LICENZIATO BRIAN SYNGER DAL FILM SU FREDDY MERCURY A TRE SETTIMANE DALLA FINE DELLE RIPRESE? È STATO SCELTO COME REGISTA PRIMA DEL CASO WEINSTEIN. SE TRA UN ANNO (QUANDO DEVE USCIRE IL FILM) ARRIVA UN RAGAZZO MOLESTATO (E CE NE SONO), SALTA TUTTO, E GLI STUDIOS PERDONO CENTINAIA DI MILIONI. MEGLIO SILURARLO ORA CON LA SCUSA DELL’IRREPERIBILITÀ (ERA A CURARE UN GENITORE MALATO)

-

Condividi questo articolo

 

Il regista Bryan Singer accusato di molestie su minori Il regista Bryan Singer accusato di molestie su minori

1. MI HANNO CACCIATO PERCHÉ ERO A CURARE UN GENITORE MALATO!

Da www.movieplayer.it

 

Dopo l'estromissione dalla regia di Bohemian Rhapsody , Bryan Singer interviene pubblicamente diramando un comunicato per mezzo del suo avvocato Andrew B. Brettler. Il regista attacca Fox accusando la compagnia di non avergli concesso il tempo per occuparsi di un parente malato.

 

Bryan Singer accusato di molestie sessuali su minori Bryan Singer accusato di molestie sessuali su minori

"Bohemian Rhapsody è il mio progetto del cuore. Con meno di tre settimane alla fine della riprese, ho chiesto a Fox un po' di tempo per tornare negli USA e occuparmi dei problemi di salute di uno dei miei genitori. Questa difficile esperienza ha avuto conseguenze sulla mia stessa salute. Sfortunatamente lo studio ha deciso di licenziarmi. Questa non è stata una mia decisione e va oltre il mio controllo".

 

Di recente erano circolati rumor che volevano Bryan Singer dimissionario per via delle liti col protagonista Rami Malek, ma il regista insiste specificando che ogni dissidio era stato risolto.

 

 

2. DIO SALVI I QUEEN E IL FILM SU MERCURY

Marco Molendini per “il Messaggero”

 

Lunga storia di un film senza fine: Bohemian Rhapsody, biopic su Freddie Mercury, la voce che fece volare i Queen, scandaloso protagonista di una vita tormentata, spezzata dall' Aids a 45 anni.

 

In cantiere da dieci anni, fra stop and go, ha ora subito un' altra brutale frenata, proprio quando sembrava che ormai il traguardo fosse in vista, con tanto di uscita annunciata per il prossimo anno.

Il regista Bryan Singer su Instagram Il regista Bryan Singer su Instagram

 

Bryan Singer, regista irrequieto almeno quanto il personaggio che doveva raccontare, è stato licenziato l' altro ieri dalla Fox. Secondo la casa di produzione, il motivo sta in una serie di assenze ingiustificate e nelle tensioni all' interno del set, a cominciare da quelle con il protagonista, l' attore, Rami Malek, noto per la serie di film Una notte al museo e per la serie tv Mr Robot: i due sarebbero arrivati a lanciarsi contro degli oggetti, segnale non proprio di assoluta concordia.

 

LE DENUNCE

Fatto sta che, appena un mese fa, Singer (regista dei film I soliti sospetti, vincitore di due Oscar di cui uno a Kevin Spacey, e di X Men) è stato coinvolto nel gigantesco polverone di accuse sulle molestie sessuali a Hollywood, con una serie di denunce da parte di giovani attori sui social network (e il regista, per questo motivo, avrebbe chiuso il suo account Twitter). Non ci sono prove per collegare le due cose, ma sta di fatto che le assenze sul set di Bryan Singer si sono moltiplicate e si è arrivati, così, allo showdown.

bryan singer bryan singer

 

Il regista, che ha negato di aver litigato con Malek, pur ammettendo alcune divergenze con lui, ha risposto al licenziamento riversando la responsabilità della rottura sulla Fox, colpevole di essersi rifiutata di dargli tempo per risolvere guai di salute suoi e di uno dei suoi genitori.A questo punto, comunque, il film uscirà. Alla fine delle riprese mancherebbero solo tre settimane e la ricerca di un regista in grado di completarle è già iniziata.

 

bryan singer not directing x men first class bryan singer not directing x men first class

A dicembre 2018 la tribolata biografia di Freddie Mercury dovrebbe in ogni caso vedere la luce, chiudendo una gestazione cominciata nel 2008, quando Brian May e Roger Taylor, gli altri due storici componenti dei Queen, affidano allo sceneggiatore Peter Morgan (autore di The Queen e di Frost/Nixon) la stesura di un primo progetto.

 

Nel 2010 entra in pista Sacha Baron Cohen e l' idea di film si fa più concreta, con l' impegno di cominciare le riprese entro l' anno. Si pensa come regista a David Fincher (Gone Girl, The Social Network), mentre non si realizza l' ipotesi di scritturare Katy Perry nel ruolo dell' amica di Freddie, Mary Austin (la donna che il cantante definì «l' unico amore della mia vita» e che si è incaricata si spargere le sue ceneri nella natia Zanzibar). Proprio mentre tutto sembra procedere per il meglio, scoppia violentissima la polemica.

 

RAMI MALEK NEI PANNI DI FREDDY MERCURY NEL BIOPIC BOHEMIAN RHAPSODY RAMI MALEK NEI PANNI DI FREDDY MERCURY NEL BIOPIC BOHEMIAN RHAPSODY

Il regista e attore di Borat accusa gli ex Queen di non voler raccontare la verità sulla morte del collega (avvenuta dopo una vita condotta sul filo del rischio, quanto a comportamenti sessuali). «Sacha ha fatto lo stronzo» è la replica di May che aggiunge: «Siamo forse i tipi di persone che cercano di nascondere la verità? Non mi pare».

 

Bohemian Rhapsody viene riesumato dopo un paio di anni di stop e, per dare nuovo impulso al soggetto, viene scritturato Anthony McCarten (La teoria del tutto). Sul fronte del cast, in un primo tempo l' ipotesi è di puntare sull' attore Dominc Cooper (Preacher), poi sull' inglese Ben Whishaw (Cloud Atlas, The Danish Girl e Skyfall), mentre il nuovo regista viene individuato in Dexter Fletcher (Kick-Ass).

rami malek rami malek

 

Ma non è l' ultimo giro di valzer, nel 2016, infine, entrano in gioco Singer e Malek, che insieme con Ben Hardy, Joe Mazzello and Gwilym Lee nella parte degli altri Queen cominciano a girare il film. Dalle riprese, alcune clip girano sul web, la somiglianza di Malek con Mercury è strepitosa. Basterà a ripagare la produzione delle enormi spese già affrontate?

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal