IL CINEMA DEI GIUSTI - UN ALTRO GIGANTE DEL CINEMA DI GENERE SE NE VA. HOLLYWOOD E IL MONDO DELLA “BLAXPLOITATION” PERDONO BERNIE CASEY, 78 ANNI, ATLETA, STAR DEL RUGBY, POETA E PITTORE, CON UN FISICO IMPRESSIONANTE, 1,98 M PER 100 CHILI, CHE LO PORTÒ NATURALMENTE ALLO SPORT E AL CINEMA

-

Condividi questo articolo

BERNIE CASEY BERNIE CASEY

Marco Giusti per Dagospia

 

Un altro gigante del cinema di genere se ne va. Hollywood e il mondo della Blaxploitation perdono Bernie Casey, 78 anni, atleta, star del rugby, poeta e pittore, con un fisico impressionante, 1,98 m per 100 chili, che lo portò naturalmente allo sport e al cinema. Anche se il pubblico più giovane lo ricorderà come il primo Felix Leiter nero della saga di James Bond in Mai dire mai, o in film più recenti, come La rivincita dei nerds, Trappola in alto mare, Il seme della follia di John Carpenter, la sua grande stagione è quella della Blaxploitation negli anni ’70.

BERNIE CASEY BERNIE CASEY

 

Lì, con pettinatura afro, vestiti assurdi, la pistola sempre in mano e battute pesantissime, “Kiss my ass, funky faggot!”, fu protagonista di piccoli capolavori del genere come Hitman, diretto da George Armitage, sorta di rapido remake nero di Get Carter, dove recita a fianco di un’altra superstar nera come la prosperosa Pam Grier, o Cleopatra Jones di Jack Starrett, che lo vede come uomo di Tamara Dobson, o nel ben più delirante Dr Black and Mr Hyde di William Crain, dove si sdoppia da scienziato a vampiro albino.

 

BERNIE CASEY BERNIE CASEY

Anche se i registi della Blaxploitation sono quasi tutti bianchi, è difficile trovare nel cast attori bianchi, se non in piccole parti di cattivi. In realttà Bernie Casey, nato a Wyco, Virginia, nel 1939, avrebbe preferito studiare, dipingere, è stato un buon pittore, e scrivere poesie, riuscirà anche a pubblicare dei libri, piuttosto che praticare sport e fare cinema. Ma gioca, pagatissimo, sei stagioni da professionista nel football americano, 1961-66, nei San Francisco 49ers, e altre due nei Los Angeles Rams.

BERNIE CASEY BERNIE CASEY

 

Smette quando lo chiama Hollywood. Prima nel western Le pistole dei magnifici 7 di Paul Wendkos, dove è uno dei sette a fianco di George Kennedy, poi nel notevole tick… tick… tick… esplode la violenza di Ralph Nelson, uno dei primi film sugli scontri razziali negli anni ’60, a fianco della star nera Jim Brown, anche lui ex campione sportivo trasferito di peso al cinema.

BERNIE CASEY BERNIE CASEY

 

Nessuno ha mai visto il curioso Black Charlot di Robert Goodwin, che lo vede protagonista, e che dovrebbe essere un piccolo film d’impegno civile, mentre lo ricordiamo bene in un ruolo di vittima dei vigilanti fascisti nel capolavoro di Martin Scorsese, America 1929: sterminateli senza pietà o Boxcar Bertha, prodotto da Roger Corman.

 

Sono i fratelli Corman, Roger e Gene, a portarlo nel genere dilagante della Blaxploitation dove fa un po’ di gavetta, in Pistola nera spara senza pietà di Robertg Hartford-Davis con Jim Brown, per poi diventare protagonista in Hitman di George Armitage come il killer Tyrone Tackett.

BERNIE CASEY BERNIE CASEY

 

E’ questa la sua grande stagione. Quando finirà il genere, lo ritroveremo in ruoli più o meno riusciti in qualche buon film, come L’uomo che cadde sulla terra di Nicolas Roeg con David Bowie o Trappola in alto mare o Il seme della follia.

 

O nella curiosa parodia dei tempi della Blaxploitation I'm Gonna Git You Sucka, diretto e interpretato nel 1988 da Keenen Ivory Wayans, dove vengono richiamati molti dei divi del genere, come Isaac Hayes, Antonio Fargas e Jim Brown, e dove Bernie Casey ha un ruolo importante, il vecchio boss John Slade. Ma quel mondo, anche riletto dai giovani registi neri, è già davvero lontano. 

BERNIE CASEY BERNIE CASEY BERNIE CASEY BERNIE CASEY

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal