IL CINEMA DEI GIUSTI - BELLO, INTENSO, PIENO DI VITALITÀ, IRONICO. SI PIANGE E SI RIDE IN QUELLO CHE SARÀ IL GAY MOVIE DELLA STAGIONE, CIOÈ “120 BATTITI AL MINUTO” DIRETTO DA ROBIN CAMPILLO - È ANCHE UN BEL FILM STORICO SULL'AIDS A CAVALLO DEGLI ANNI ’80 E ’90 E SULLE LOTTE DEL GRUPPO MILITANTE ACT UP CONTRO IL GOVERNO MITTERAND - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Marco Giusti per Dagospia

 

120 BATTITI AL MINUTO 120 BATTITI AL MINUTO

Bello, intenso, pieno di vitalità, ironico. Si piange e si ride in quello che sarà il gay movie (e non solo) della stagione, cioè 120 battiti al minuto diretto da Robin Campillo, già sceneggiatore per Laurent Cantet e regista del non dimenticato Les Revenants, fresco di Gran Premio della Giuria a Cannes, ma anche fresco di nomima come campione francese per la corsa al Miglior Film Straniero agli Oscar.

 

120 battiti è anche un bel film storico sull'Aids a cavallo degli anni ’80 e ’90 e sulle lotte del gruppo militante Act Up contro il governo Mitterand e contro le industrie farmaceutiche colpevoli il primo di non fornire la comunicazione adeguate ai ragazzini sulla prevenzione del virus e le seconde di non condividere le scoperte fatte sulle cure e di speculare così sulla malattia. Rispetto a altri celebri film sull'Aids, penso a Milk, Dallas Buyers Club, la chiave qui è la protesta militante e organizzata come un gruppuscolo politico dei ragazzi di Act Up, con tanto di discussioni con tutti i loro complessi meccanismi di dialogo che ora abbiamo perso.

 

120 BATTITI AL MINUTO 120 BATTITI AL MINUTO

Non solo. Il film punta anche sul fatto che l'età dei malati sieropositivi diventati militanti e attivisti politici è davvero bassa, sono dei ragazzini che hanno contratto l'Aids anche a sedici anni (e grazie ai loro professori) e sono cresciuti con in testa la malattia, ma anche con la coscienza di essere parte di una comunità lesbo-gay di malati che è diventata comunità politica. In pratica, non si sentono né gay né malati, ma soldati giovanissimi. Questo rende il film qualcosa di totalmente nuovo e originale rispetto a altri film lacrimosi sull’Aids.

 

120 BATTITI AL MINUTO 120 BATTITI AL MINUTO

E il riferimento continuo agli zombies, ironico nel caso di un film del regista e ideatore di Les revenants, dimostra quanto si sentano vivi i militanti di Act Up rispetto ai ragazzini non malati.

Campillo è bravissimo nel ricostruire non tanto la storia del gruppo, quanto le dinamiche della piccola comunità di ragazzini guerrieri, malati e pronti a morie.

 

E' un'ottica che nessun film sull'Aids aveva mai pensato, e che qui è necessaria per costruire un film storico, prima di Internet e dei cellulari, con dei giovanissimi che amano e muoiono quasi per una ideologia, che è quella di far capire agli altri, a tutti, il pericolo. La necessità di comunicare, di essere in contatto col mondo.

 

120 BATTITI AL MINUTO 120 BATTITI AL MINUTO

Attori bravissimi, a cominciare dal protagonista Nahuel Perez Biscayart e da Adele Haenel. Campillo non ci risparmia niente, in quanto a sesso e a morte, ma è la parte politica e politico-romantica quella più riuscita. E trionfo assoluto della musica del tempo, a cominciare da Smalltown Boy dei Bronski Beat, “Run away, turn away, run away, turn away, run away…”. In sala da giovedì. Contro Blade Runner 2049.

120 BATTITI AL MINUTO 120 BATTITI AL MINUTO 120 battiti al minuto 120 battiti al minuto

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

“NON HO PIU’ SOLDI, HO SPESO TUTTO IN VODKA, COCA E DONNE" (MANCO TANTO, CHE ME LA DAVANO GRATIS) – BOMBASTICA INTERVISTA A FLAVIO BUCCI, IL 'DON BASTIANO' DEL 'MARCHESE DEL GRILLO': “SORDI MI STAVA PROPRIO SUI COGLIONI”. ECCO PERCHE’ - "JOHN TRAVOLTA? GLI DISSERO: 'LUI È LA TUA VOCE ITALIANA'. E IO: MA SARÀ LUI CHE È LA MIA FACCIA AMERICANA” – E POI NANNI MORETTI “NOIOSISSIMO”, UGO TOGNAZZI “L’UNICO CHE SAPEVA VIVERE DAVVERO” - L’ALCOL MI HA DISTRUTTO? AVETE MAI PROVATO A UBRIACARVI? E’ BELLISSIMO. NON MI PENTO DI NIENTE, HO AMATO, HO RISO, HO VISSUTO, VI PARE POCO?” - VIDEO

politica

SCONTRO AL VERTICE DEL GOVERNICCHIO. CONTE CONVOCA UN CONSIGLIO DEI MINISTRI E SALVINI LO SFANCULA - DI MAIO BOCCIA IL CONDONO PRESUNTO FAKE (TEME CONTESTAZIONI DURE SABATO AL CIRCO MASSIMO). L’EUROPA CI DA’ 3 GIORNI PER CAMBIARE LA MANOVRA... -SALVINI IN MODALITÀ CASAMONICA: “NON CI MANDANO A CASA ANCHE SE MANDANO LE TRUPPE DI OCCUPAZIONE DA BRUXELLES"  - DI MAIO IN MODALITÀ BIBITARO: "ALL'EUROPA DICO: ABBIATE IL CORAGGIO DI DIRE AGLI ITALIANI CHE NON HANNO I DIRITTI DI TUTTI GLI ALTRI POPOLI EUROPEI" - LO SPREAD VOLA A QUOTA 327. E TUTTI ASPETTANO CON TREPIDAZIONE IL 26 OTTOBRE, DATA DELLA PROSSIMA ASTA DI BTP CHE SARÀ SEGUITA DAL GIUDIZIO SUL RATING DA PARTE DI STANDARD & POOR'S (LA GRECIA SI AVVICINA...)

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute