IL CINEMA DEI GIUSTI - COSTRUITO COME UNA MACCHINA PERFETTA PER CATTURARE UN PUBBLICO DI ADOLESCENTI CRESCIUTO CON “AMICI” E “TWILIGHT”, “DIECI REGOLE PER FARE INNAMORARE” È UN POPCORN POST-MOCCIANO CHE CI METTE DAVANTI UNA SCHIERA DI NUOVISSIMI ATTORI CHE CI FA CAPIRE SUBITO CHE LA VOGLIA DI FACCE MAI VISTE NEL CINEMA È LA STESSA CHE ABBIAMO IN TV E IN POLITICA - MEGLIO PUNTARE ALLORA SULL’INEDITO GUGLIELMO SCILLA, CRESCIUTO NEL WEB COL NOME DI WILLWOOSH…

Condividi questo articolo

"Dieci regole per fare innamorare" di Cristiano Bortone. Esce venerdì 16 marzo con duecento copie.

DIECI REGOLE PER FARE INNAMORAREDIECI REGOLE PER FARE INNAMORARE MARCO GIUSTIMARCO GIUSTI

Marco Giusti per Dagospia

Costruito come una macchina perfetta per catturare un pubblico di adolescenti cresciuto con "Amici" e "Twilight" da un team che vede riuniti Cristiano Bortone, regista del ben più impegnativo "Rosso come il cielo" e produttore del ben più politico "Samir", Fausto Brizzi in veste di soggettista e sceneggiatore assieme al regista e alla scrittrice Pulsatilla, produttori storici di film di genere come Luciano Martino, Poccioni e Valsania, una distribuzione con la puzza sotto il naso come quella della Lucky Red, presentato in pompa magna davanti a un pubblico di giovinastri a Napoli e a Roma (ma perché c'era Willer Bordon?), "Dieci regole per fare innamorare" è un popcorn post-mocciano più interessante di quanto si potrebbe pensare e un oggetto di una certa originalità in una stagione soffocata da troppa commedia poco riuscita e la quasi totale assenza di film d'autore.

DIECI REGOLE PER FARE INNAMORAREDIECI REGOLE PER FARE INNAMORARE SALEMME SCILLA DIECI REGOLE PER FARE INNAMORARESALEMME SCILLA DIECI REGOLE PER FARE INNAMORARE

Girato da Bortone come se avesse per le mani non un copione da teen movie, ma un testo di Flaiano e Pinelli, ci mette davanti una schiera di nuovi e nuovissimi attori che ci fa capire subito che la voglia di facce mai viste nel cinema è la stessa che abbiamo in tv e in politica. Ormai, si sa, la Quattrociocche e Scamarcio sono dei ruderi, la Capotondi fa la commedia perbenista alla De Luigi, e la Chiatti è finita a far la moglie di Calabresi per Marco Tullio Giordana (è così).

Meglio puntare allora sull'inedito Guglielmo Scilla, una specie di Jack Black mascellone romano cresciuto nel web col nome di Willwoosh, dicono popolarissimo (boh?), sulle fresche Enrica Pintore, una sorta di gattamorta sarda già vista nei "Cesaroni" (come passato basta e avanza), una ben più pimpante Fatima Trotta, napoletana attiva in tv tra "Made in Sud" e "Un posto al sole", il bellone antipatico Giulio Berruti, ha fatto "Elisa di Rivombrosa 2", i giovani Piero Masotti e Piero Cardano, inutilmente freschi di accademia.

GUGLIELMO SCILLA DIECI REGOLE PER FARE INNAMORAREGUGLIELMO SCILLA DIECI REGOLE PER FARE INNAMORARE

E uniamo a queste facce nuove un attore esperto come Vincenzo Salemme, che ha girato qualcosa come cinque commedie quest'anno, e una storiellina da telefilm americano un po' vecchiotta, ma funzionante.

DIECI REGOLE PER FARE INNAMORAREDIECI REGOLE PER FARE INNAMORARE

Lui, Guglielmo Scilla, che avrebbe dovuto studiare astrofisica, ma ha lasciato l'università e fa il maestro all'asilo, si innamora della bella studentessa Enrica Pintore, ricca, francese e tennista, già puntata da un bellone sciupafemmine, Giulio Berruti.

Per farla innamorare e vincere sull'odiato rivale, Scilla ha bisogno dell'aiuto degli amici che dividono la casa con lui e delle regole dettate dal padre, Salemme, espertissimo nell'arte della conquista. Come quasi tutti i film italiani di questa stagione (con l'eccezione di "Scialla" e poco altro), a un certo punto anche questo si perde per strada (o se ne va la nostra attenzione...), anche perché il soggetto è veramente esile, ma Bortone e Brizzi riescono a dare alla commedia una sua identità e una sua dignità.

SALEMME DIECI REGOLE PER FARE INNAMORARESALEMME DIECI REGOLE PER FARE INNAMORARE

I due protagonisti, Scilla e Pintore, sembrano un po' delle figurine, ma il cast dei ragazzi di supporto, capitanati da Fatima Trotta nel ruolo di una ragazza scopatrice che se ne fa uno a sera, è particolarmente fresco e coinvolgente, dimostrando che forse si poteva osare di più. E Salemme, qui al suo miglior ruolo della stagione, ha tempi perfetti e dimostra che nel giusto contesto è un grande comico. Niente di eccezionale, ma un prodotto ben fatto con qualche faccia nuova in bella mostra.

 

 

Condividi questo articolo



media e tv

Feltri: “Gli illusi militanti del buonismo nazionale ne prendano atto. Informarsi e aggiornarsi fa bene all'anima anche di chi non ce l'ha. Nel suo complesso, “La corsa verso il nulla” di Sartori è un manuale di sopravvivenza tra le fole che ci vengono propinate dalla pubblicistica in voga, densa di luoghi comuni fuorvianti”…

politica

UN IMBROGLIO CHIAMATO EUROPA - BERLUSCONI SPARA SULL’ESTREMISTA TSIPRAS MA RIVIVE I GIORNI DELLA CONGIURA CHE LO COSTRINSE A LASCIARE PALAZZO CHIGI - FU LA MERKEL, SPALLEGGIATA DA SARKOZY, LA REGISTA DEL COMPLOTTO CHE LO SPINSE ALLE DIMISSIONI

Nella lunga lettera pubblicata ieri dal Giornale, Berlusconi ricorda che fu lui, quand'era a palazzo Chigi, a chiedere di ridiscutere a fondo le regole di convivenza in Europa: “Fu proprio questa una delle ragioni per le quali alcuni ambienti europei, agendo in modo miope oltre che scorretto, lavorarono per far cadere il governo da me presieduto” ...

business

Fra i pochi spunti positivi, da segnalare il rialzo di Mediaset (+0,54%) e Telecom (+0,61%) dopo che le due societa' hanno annunciato di essere vicine ad un accordo commerciale per un'offerta congiunta di contenuti e servizi. Debole Fca (-1,08%) che ha pagato la debolezza delle immatricolazioni in Brasile…

cronache

ANIME NERE DALLA JIHAD - NON SOLO MARIA GIULIA SERGIO, CI SONO ANCHE LA SUOCERA E LA ZIA DEL MARITO TRA LE SEGUACI DEL CALIFFO IN ITALIA - UNA TESTIMONE RACCONTA L’INFATUAZIONE PER LA GUERRA SANTA DEL CLAN FEMMINILE GUIDATO DA LADY JIHAD

Secondo la volontaria maremmana è la suocera ricercata di Maria Giulia Sergio, “l'anima nera” di questa storia - Alla sorella diceva addirittura di non lavorare nelle vigne perché raccogliere l'uva, con la quale si fa il vino, è peccato» - Il clan esultava al telefono per l'attacco alla redazione di Charlie Hebdo a Parigi,: «Dio è grande (…) hanno fatto bene, che Allah li ricompensi»....

sport

cafonal