IL CINEMA DEI GIUSTI - IL MARITO È ROZZO E VIOLENTO, LA MOGLIE LO TRATTA CON UN MISTO DI PAURA E FREDDEZZA, IL FIGLIO LO DETESTA - OTTIMO SOCIAL DRAMA CHE PUNTA AL THRILLER QUESTO “L’AFFIDO - UNA STORIA DI VIOLENZA” CHE A VENEZIA OTTENNE LEONE D’ARGENTO PER LA MIGLIOR REGIA E OPERA PRIMA - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Marco Giusti per Dagospia

 

L AFFIDO - UNA STORIA DI VIOLENZA L AFFIDO - UNA STORIA DI VIOLENZA

Il marito è rozzo e violento. La moglie lo tratta con un misto di paura e freddezza. E fa bene. Il figlio lo detesta. Ovviamente. Magari lui cerca solo un po’ d’affetto. Ma è pericoloso. Ottimo social drama che punta decisamente al thriller questo L’affido-Una storia violenta (Jusqu’à la garde) del francese Xavier Legrand, che a Venezia ottenne doppio premio, Leone d’Argento per la miglior regia e Leone del Futuro come Opera Prima.

L AFFIDO - UNA STORIA DI VIOLENZA L AFFIDO - UNA STORIA DI VIOLENZA

 

Legrand, in pratica, allarga a film un corto che aveva girato quattro anni prima e che gli aveva aperto le porte del cinema. Nelle nostre sale arriva col caldo di giugno in pieni mondiali, coi mariti che sono tutti di fronte ai televisori. Meglio. Così lo vedranno le mogli e capiranno che non sono affatto facili i divorzi dai mariti violenti che cercano in tutti i modi di star dietro ai figli e ritornare a casa non per amore, ma perché non ci stanno ai giochi della legge e vogliono far da padroni anche quando le cose sono finite.

 

L AFFIDO - UNA STORIA DI VIOLENZA L AFFIDO - UNA STORIA DI VIOLENZA

Siamo nel sud della Francia, Miriam, Léa Drucker, e Antoine, Denis Ménochet, si sono lasciati malamente. Lui non accetta di veder così poco il figlio undicenne Julien. Ma il figlio non vorrebbe proprio vederlo. E cerca di proteggere la madre, che si sente assalita. Lui va a vivere dal vecchio padre per poter stare vicino al figlio e tormentare l’ex moglie. Tutto è visto dall’altezza del ragazzo, che ci offre una visione spietata di un dramma familiare, purtroppo, ricorrente. Bel film. In sala da giovedì 21 giugno.

L AFFIDO - UNA STORIA DI VIOLENZA L AFFIDO - UNA STORIA DI VIOLENZA L AFFIDO - UNA STORIA DI VIOLENZA L AFFIDO - UNA STORIA DI VIOLENZA

 

Condividi questo articolo

media e tv

“BELEN È STATA IL MIO PIÙ GRANDE AMORE” - FABRIZIO CORONA SI CONFESSA A “VERISSIMO”: “IO E SILVIA PROVVEDI NON SIAMO MAI STATI UNA COPPIA. SIAMO DUE PERSONE DIVERSE CHE NON C’ENTRANO NULLA L’UNA CON L’ALTRA: SEMBRIAMO DUE ESTRANEI - NINA MORIC? È LA PERSONA PIÙ BUONA CHE ESISTA MA È ANCHE UNA PERSONA MOLTO PROBLEMATICA. E MOLTI PROBLEMI NASCONO PER COLPA MIA. IO E MIA MADRE NON CI PARLIAMO DA MOLTO TEMPO PER ORA NON VOGLIO UN RAPPORTO NÉ CON LEI NÉ CON I MIEI FRATELLI”

politica

business

cronache

sport

cafonal

CONTRO LA MORTIFICAZIONE DELLA CARNE E L'AVVILIMENTO DELLO SPIRITO C’E’ SOLO CAFONAL - “EYES WIDE SHUT” ALL’AMATRICIANA ALL’EXCELSIOR DI VIA VENETO PER LA FESTA DI MARIA FRANCESCA PROTANI, COMPAGNA DEL RE DELLE FARMACIE ROMANE, VINCENZO CRIMI - TRECENTO INVITATI. TUTTI IN MASCHERA, PIZZO E MERLETTI COME NEL FILM HOT DI KUBRICK: BONAZZE RIGONFIE, MILF D’ASSALTO, MANDRILLONI INCRAVATTATI, SCOSCIATISSIME PISCHELLE: DALLA BERLUSCHINA FRANCESCA IMPIGLIA A LILIAN RAMOS, DALLA 51ENNE KATIA NOVENTA A GIOVANNA DEODATO