IL CINEMA DEI GIUSTI - DA QUANTI ANNI NON VEDEVAMO UN FILM SUI PICCOLI ALLEVATORI E SULLA CAMPAGNA? UN FILM SUL LATTE E SULLE VACCHE? FORSE DAI TEMPI DI ERMANNO OLMI - ECCO, POTREBBE PIACERVI QUESTO PICCOLO, MA PERFETTO FILM FRANCESE, “PETIT PAYSAN” - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Marco Giusti per Dagospia

 

PETIT PAYSAN PETIT PAYSAN

Cosa fare se una delle vostre vacche si ammala di una incurabile febbre belga e mette a rischio tutta la mandria? Ma la vera domanda è: da quanti anni non vedevamo un film sui piccoli allevatori e sulla campagna? Un film sul latte e sulle vacche… Forse dai tempi di Ermanno Olmi.

 

Ecco, potrebbe piacere a Olmi questo piccolo, ma perfetto film francese, Petit Paysan, diretto da Hubert Charual e forte di tre premi César ottenuti in patria, miglior opera prima, miglior protagonista e miglior attrice non protagonista, che mette in scena proprio ciò che resta nella Francia più profonda, ma potrebbe benissimo essere l’Italia, dell’idea di campagna.

 

PETIT PAYSAN PETIT PAYSAN

Perché il giovane protagonista, Pierre, intepretato da Swann Arlaud, è un contadino che non si arrende, forse perché sa fare solo quello, forse perché ci crede e non vuole robottizzare la sua piccola azienda che produce latte e vuole salvare le sue vacche, che sono qualcosa di più del suo lavoro. Pierre combatte contro una perfida malattia che sembra senza rimedi, ma anche contro una piccola burocrazia locale che spinge i contadini a sopprimerle vacche senza pietà una volta che si ammalano.

 

E si scontra con la sorella infermiera, Sara Giraudeau, che non accetta il suo comportamente non rispettoso delle leggi e delle regole. Perché Pierre non si arrenda a vedere le sue vacche morire, a perdere la sua campagna e il suo lavoro.

PETIT PAYSAN PETIT PAYSAN

 

Non succede molto nel film di Charual, ma oltre a testimoniarci una situazione reale che sembra conoscere bene, visto che viene dall’Haute-Marne, il regista mette in scena con una grazia un po’ alla Olmi e con un rigore d’altri tempi un piccolo dramma che non concede nulla all’eccesso e alle stravaganze di regia. Uscito dalla Semaine de la Critique di un anno fa a Cannes, il film ha fatto un suo percorso di premi e di successi e arriva ora da noi. In sala da giovedì 22 marzo.

PETIT PAYSAN PETIT PAYSAN PETIT PAYSAN PETIT PAYSAN

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

CHI È DAVVERO DANIELA DEL SECCO D’ARAGONA? DAGOSPIA LO HA SVELATO NEL LONTANO 2013 - LA SIMPATICA DANI NON È AFFATTO UNA MARCHESA CON “DUEMILA ANNI DI STORIA FAMILIARE, DISCENDENTE DA SETTIMIO SEVERO” MA UNA VISPA ESTETISTA CHE SU UN'EMITTENTE PRIVATA LAZIALE NEGLI ANNI ‘90 TELE-VENDEVA LE SUE CREME DI BELLEZZA ESORDENDO SEMPLICEMENTE COME "SONO DANIELA DEL SECCO…" - A COLPI DI CAFONAL S’È TRASFORMATA IN “MARCHESA D’ARAGONA” TALMENTE SCIROCCATA DA DIVENTARE PIÙ VERA DELLA FICTION

viaggi

salute