IL COLOSSO DEI VIDEOGIOCHI CINESE, “TENCENT”, INTRODUCE IL RICONOSCIMENTO FACCIALE PER CONTROLLARE L’ETÀ DEI RAGAZZI CHE VOGLIONO GIOCARE A “HONOR OF KINGS” - IL VIDEOGAME PER SMARTPHONE, CON PIU’ DI 200 MILIONI DI UTENTI, HA CREATO DIPENDENZA IN TANTISSIMI MINORENNI

-

Condividi questo articolo

 

Estratto dell’articolo di Carlo Lavalle per www.lastampa.it

 

HONOR OF KINGS HONOR OF KINGS

Honor of Kings, uno dei videogiochi più popolari in Cina, sta testando l’uso della tecnologia di riconoscimento facciale per verificare l’età degli utenti. Tencent, l’azienda che lo ha sviluppato, ha annunciato l’adozione di questa misura di controllo su un numero limitato di migliaia di giocatori a Pechino e Shenzhen.

 

HONOR OF KINGS HONOR OF KINGS

L’iniziativa ha l’obiettivo di scoraggiare […] fenomeni di dipendenza. Honor of Kings […] è un videogioco di strategia in tempo reale per smartphone particolarmente avvincente. Ha, attualmente, più di 200 milioni di utenti (1 su 7 cinese e la metà con meno di 20 anni) ed è campione di incassi con circa 1,9 miliardi di dollari di introiti nel 2017 secondo i dati diffusi da SuperData.

HONOR OF KINGS HONOR OF KINGS

 

Nonostante la popolarità, in Cina il gioco è stato fortemente criticato da genitori e media locali perché causa di dipendenza, soprattutto tra i minori […] Tencent è stata costretta a intervenire prima imponendo restrizioni di tempo […] poi un sistema di registrazione […]

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

ATTENTI AI NARCISISTI, SONO DEI DISTURBATI MENTALI - MELANIA RIZZOLI: “IL NARCISISMO RIVELA ELITARISMO E INDIFFERENZA NEI CONFRONTI DEGLI ALTRI - INCLUDE L'EGOCENTRISMO, INDICA VANITÀ E PROBLEMI NEGLI SCAMBI INTERPERSONALI, NEL MANTENERE RELAZIONI SODDISFACENTI, IPERSENSIBILITÀ ALLE CRITICHE E INCAPACITÀ DI VEDERE IL MONDO DA UN PUNTO DI VISTA DIFFERENTE. IL NARCISISTA CREDE DI ESSERE PIÙ IMPORTANTE DI QUANTO LO SIA REALMENTE, SI VANTA DEI SUOI RISULTATI SPESSO ESAGERANDOLI, DETESTA COLORO CHE NON LO AMMIRANO”