IL DIVISMO CHE FU - CAMILLE PAGLIA E LA GRANDEZZA DI HOLLYWOOD AI TEMPI DI LIZ TAYLOR, CHE VINSE L'OSCAR NEL 1961, DOPO LO SCANDALO FISHER, ANTICIPANDO LA RIVOLUZIONE SESSUALE - LA FINE DEL GLAMOUR E' SEGNATA DALLO SCATTO DI FAYE DUNAWAY NEL 1976

-

Condividi questo articolo

Camilla Paglia per “Hollywood Reporter

 

liz taylor su life liz taylor su life

Da bambina avevo due feste pagane per me sacrissime: Halloween e la notte degli Oscar. Crescendo nei conformisti anni ’50, le informazioni sulla cultura popolare non erano prese seriamente. Esisteva il cinema europeo, nelle piccole sale per intellettuali, e quella considerata spazzatura commerciale di Hollywood.

 

La mia principale fonte di notizie era la rivista ‘Confidential’, dove seguivo avidamente le avventure di Elizabeth Taylor. In quanto italo-americana oppressa dal culto postbellico della biondezza, ero felice che una brunetta rubasse Eddie Fisher a Debbie Reynolds. Più tardi avrei imparato ad apprezzare le bionde come Debbie Reynolds e Doris Daym ma all’epoca le consideravo tiranne. Quasi tutto il paese stava dalla parte di Debbie, la sua rivale adultera era considerata una spaccafamiglie senza scrupoli.

 

faye dunaway post oscar faye dunaway post oscar

Il momento supremo per me, agli Oscar, fu quando Liz, quasi morta per una tracheotomia, ricevette la statuetta per ‘Butterfield 8’, tre anni dopo lo scandalo Fisher.

 

L’avevano finalmente perdonata. Il suo trionfo inatteso fu uno spartiacque culturale, un’anticipazione della rivoluzione sessuale cui di lì a poco avremmo assistito. Gli Oscar, nel 1961, erano ancora in bianco e nero. La settimana dopo, Liz campeggiava sulla copertina a colori di ‘Life’, davanti a lei l’Oscar, fra una sigaretta e lo champagne. Trasudava carisma, si faceva fotografare senza collane e foulard, trasformando la sua visibile cicatrice quasi in un accessorio di moda.

 

elizabeth taylor e james dean sul set del film il gigante 1956 elizabeth taylor e james dean sul set del film il gigante 1956 liz taylor liz taylor

Era ambiguamente erotica, come la statua di una santa cattolica che esibisce i segni del martirio. E’ probabilmente la foto post-Oscar più iconica di tutte.

 

Dopo, viene quella del 1976 di Faye Dunaway che fa colazione al ‘Beverly Hills Hotel’, con i giornali attorno che riportavano la sua conquista della statuetta per ‘Network’, un Oscar che lei guardava con distacco e una certa ironia. E questo scatto mostra la nuova generazione hollywoodiana, più cinica e scaltra. La grandezza mitica della vecchia Hollywood e il suo pantheon di stelle celestiali era già scomparsa.

elizabeth taylor con eddie fisher e debbie reynolds elizabeth taylor con eddie fisher e debbie reynolds DEBBIE REYNOLDS CARRIE FISHER DEBBIE REYNOLDS CARRIE FISHER debbie reynolds liz taylor debbie reynolds liz taylor liz taylor a 19 anni 1951 liz taylor a 19 anni 1951

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal