“CARLO ERA UNO DI NOI” – ENRICO VANZINA E LA STRUGGENTE LETTERA CHE GLI HANNO CONSEGNATO DUE “PERSONE DEL POPOLO”: "PER ME UNA COSA DEL GENERE VALE PIU’ DI UN ROMANZO DI PROUST. L' EMOZIONE COLLETTIVA CHE HA PROVOCATO LA NOTIZIA DELLA SCOMPARSA DI MIO FRATELLO MI È STATA DI GRANDE AIUTO MA NON SO SE RIUSCIRÒ MAI AD ELABORARE IL DISTACCO DALLA PERSONA PIU’ IMPORTANTE DELLA MIA VITA"

-

Condividi questo articolo

enrico vanzina enrico vanzina

Enrico Vanzina per il Messaggero

Ho sentito spesso parlare della elaborazione di un lutto. In questi giorni, dopo la dolorosa scomparsa di mio fratello Carlo, questa elaborazione mi tocca da vicino.

 

Ma cosa significa? Significa che molti di noi negano la scomparsa di una persona amata, non l' accettano, vengono invasi da tristezza, rabbia e non riescono a ritrovare l' equilibrio necessario per affrontare il futuro. Altri, invece, tendono a rimuovere il dolore mostrandosi forti, oppure non esprimendo affatto questo dolore, tenendolo congelato dentro.

 

La elaborazione di un lutto, quindi, è un processo complesso perché spesso noi non accettiamo la morte e la consideriamo una nemica da evitare e da rimandare il più possibile.

 

sordi carlo enrico vanzina sordi carlo enrico vanzina

Invece, bisognerebbe comprendere che morire non è la fine della vita, ma fa parte della vita e anche il lutto è un vissuto naturale e non va trasformato in un' esperienza patologica. Queste considerazioni riguardano soprattutto la psicologia. Ma la vita non si spiega solo con la psicologia. Esistono altri fattori che regolano l' equilibrio dell' esistenza. Il più importante è quello delle emozioni. Nel mio caso, per esempio, l' emozione collettiva che ha provocato la notizia della scomparsa di Carlo mi è stata di grande aiuto.

Intorno a lui, al suo ricordo, si è stretta una immensa comunità di persone, a livello nazionale, che mi ha testimoniato la sua profonda tristezza e sofferenza con lettere, messaggi vocali, telegrammi, sms, whatsap.

enrico e carlo vanzina con steno enrico e carlo vanzina con steno

Migliaia di messaggi.

 

Rispondere a tutti mi è stato impossibile e approfitto della rubrica per ringraziare queste persone con commozione e affetto. Poi c' è stata la grande narrazione fatta dalla carta stampata, dalle televisioni, dalle radio. Anche qui il coinvolgimento dei miei colleghi mi ha emozionato.

 

Infine, tutti i giorni, Carlo viene ricordato in tutta Italia con rassegne dei nostri film. Tutto ciò, lo ripeto, mi è di grande aiuto. Sono cose che fanno e faranno vivere mio fratello per sempre. Ho tenuto per ultima la cosa più emozionante di tutte.

L' affetto della gente. Del popolo.

enrico e carlo vanzina enrico e carlo vanzina

 

Delle persone semplici che continuano a fermarmi per strada, ad abbracciarmi, a dirmi all' orecchio parole di vero conforto. Ne ricordo due, in particolare. Mentre uscivo prestissimo da casa si è fermato un automezzo dell' Ama. Sono scesi due operatori in divisa.

Due romani veri, schietti. Li vedo spesso la mattina e li saluto sempre con simpatia. Ma quella mattina mi hanno consegnato una letterina. L' ho letta davanti a loro. Diceva. Signor Vanzina, suo fratello era uno di noi. Uno che lavorava onestamente e faceva lavorare tanta gente. In più era anche un fenomeno nel suo lavoro. Ci ha fatto ridere e adesso ci sta facendo piangere.

Enrico e Carlo Vanzina Enrico e Carlo Vanzina

Per me una lettera così vale più di un romanzo di Proust. Certo, questa coda emotiva che non si ferma ha anche dei lati negativi.

 

Ogni volta che qualcuno mi avvicina dentro di me si riapre quella ferita dovuta alla consapevolezza dell' assenza definitiva della persona più importante della mia vita. No so se riuscirò mai ad elaborare questa amputazione. Ma questo succede a tutti quelli che perdono le persone amate. E come tutti mi piego di fronte al doloroso mistero dell' esistenza

enrico vanzina e gigi proietti enrico vanzina e gigi proietti Paolo Genovese con Enrico e Carlo Vanzina Paolo Genovese con Enrico e Carlo Vanzina enrico vanzina con la moglie enrico vanzina con la moglie enrico vanzina enrico vanzina enrico e carlo vanzina con roberto d agostino enrico e carlo vanzina con roberto d agostino steno la mostra carlo e enrico vanzina foto andrea arriga steno la mostra carlo e enrico vanzina foto andrea arriga carlo verdone e enrico vanzina carlo verdone e enrico vanzina steno con i figli carlo ed enrico vanzina steno con i figli carlo ed enrico vanzina carlo verdone con enrico vanzina foto andrea arriga carlo verdone con enrico vanzina foto andrea arriga enrico vanzina enrico vanzina verdone, cecchi gori, carlo e enrico vanzina foto andrea arriga verdone, cecchi gori, carlo e enrico vanzina foto andrea arriga cristian de sica e enrico vanzina cristian de sica e enrico vanzina Enrico Vanzina Enrico Vanzina

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

CONTRO LA MORTIFICAZIONE DELLA CARNE E L'AVVILIMENTO DELLO SPIRITO C’E’ SOLO CAFONAL - “EYES WIDE SHUT” ALL’AMATRICIANA ALL’EXCELSIOR DI VIA VENETO PER LA FESTA DI MARIA FRANCESCA PROTANI, COMPAGNA DEL RE DELLE FARMACIE ROMANE, VINCENZO CRIMI - TRECENTO INVITATI. TUTTI IN MASCHERA, PIZZO E MERLETTI COME NEL FILM HOT DI KUBRICK: BONAZZE RIGONFIE, MILF D’ASSALTO, MANDRILLONI INCRAVATTATI, SCOSCIATISSIME PISCHELLE: DALLA BERLUSCHINA FRANCESCA IMPIGLIA A LILIAN RAMOS, DALLA 51ENNE KATIA NOVENTA A GIOVANNA DEODATO