“FAR RIDERE A SANREMO E’ DIFFICILISSIMO” - NINO FORMICOLA, IN ARTE GASPARE, CHIAMA RAI RADIO2: "GIU' LE MANI DA VIRGINIA RAFFAELE E CLAUDIO BISIO, SONO DUE BRAVI VERI, MA I COMICI A SANREMO FATICANO SE DEVONO FARE I CONDUTTORI - IO L'HO FATTO SANREMO, SO COSA VUOL DIRE. TU LAVORI CON UNA PLATEA CHE È IN MOVIMENTO, CON LA GENTE CHE SI ALZA, VA E VIENE. TU DEVI DIMENTICARTI DEL PUBBLICO E…”

-

Condividi questo articolo

Da “I Lunatici - Radio2”

nino formicola vince l isola dei famosi nino formicola vince l isola dei famosi

 

Nino Formicola, Gaspare, chiama i Lunatici di Rai Radio2 quando mancano pochi minuti alle 4.30 del mattino e difende Claudio Bisio e Virginia Raffaele dalle critiche ricevute da alcuni critici per le loro performance nella sessantanovesima edizione del Festival di Sanremo.

 

"Ciao, sono Nino, ma il mio nome d'arte è Gaspare", esordisce il comico. Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio lo riconoscono, gli danno il benvenuto, lui prosegue: "Chiamo per difendere i comici che sono stati protagonisti di questo Sanremo. Virginia Raffaele e Claudio Bisio sono stati massacrati, e invece sono dei grandi. Il comico che deve fare il conduttore va in crisi. Non è facile. Anche io ho fatto Sanremo, so cosa vuol dire. Pio e Amedeo mi hanno fatto molto ridere, ma loro hanno rotto gli schemi, non erano i conduttori. Se penso a loro e ripenso a Grillo che sputò sulla platea o a Benigni che fece la migliore satira su Berlusconi mai vista in televisione, ci sono delle differenze.

 

NINO FORMICOLA NINO FORMICOLA

La comicità è sempre riferita al momento storico in cui viene effettuata e oggi il momento storico della comicità va bene con Pio e Amedeo. Quello che hanno fatto mi è piaciuto, mi ha divertito, loro sono stati gradevoli, ma uno dai comici si aspetta sempre una stoccata. Io quando ho partecipato a Sanremo mi sono spaventato. Poche cose mi hanno fatto paura in carriera. Sanremo è terrificante. Sanremo e il galà dei Telegatti sono due situazioni allucinanti. La platea se ne frega di quello che fai.

 

Tu lavori con una platea che è in movimento, con la gente che si alza, va e viene. Tu devi dimenticarti del pubblico e parlare a quelli a casa. Per un comico è difficilissimo. Credetemi, è difficilissimo far ridere a Sanremo. Bisio e la Raffaele sono due bravi veri, bisognava lasciargli la briglia più sciolta, non fargli fare i conduttori. Un comico non può fare il conduttore. E poi Baglioni ha dato molto spazio alle canzoni".

 

Condividi questo articolo

media e tv

CARRA': "TORNO SU RAI3 CON UN PROGRAMMA DI INTERVISTE MA HO PAURA CHE IL PUBBLICO DOPO UN’ORA IN CUI NON MI VEDE CANTARE, BALLARE E CAZZEGGIARE DICA “CHE PALLE”- BONCOMPAGNI? MI MANCA MOLTO, AVREI VOGLIA DI PARLARGLI, ANDARE DA LUI - SINATRA? NON MI PIACEVA. NON VOLEVO ESSERE LA PUPA DEL GANGSTER. ECCO CHE FINE FECE LA SUA COLLANA – CON ME E JAPINO FURONO MOSTRUOSI. ECCO PERCHE' - ''A FAR L’AMORE COMINCIA TU'' NON L’AVEVO NEANCHE CAPITA. A BRACARDI DISSI: “ANCORA UN’ALTRA SAMBINA?”- VIDEO

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute