“PER LELE SPEDICATO SARANNO DECISIVE LE PROSSIME ORE”, IL CHITARRISTA DEI NEGRAMARO COLPITO DA EMORRAGIA CEREBRALE E’ SEMPRE IN PROGNOSI RISERVATA, PARLA IL PRIMARIO: "BISOGNA CAPIRE LA LOCALIZZAZIONE. C'E' UNA PERCENTUALE DI RECUPERI COMPLETI MOLTO SIGNIFICATIVA' - I NEGRAMARO ACCANTO A LUI: “ATTESA DIFFICILE, SAREMO FORTI E PRONTI PER IL SUO GRANDE RITORNO’

-

Condividi questo articolo

 

spedicato spedicato

IL MESSAGGIO DEI NEGRAMARO SU INSTAGRAM

Grazie a tutti per questo caloroso sostegno e questo grande affetto. Siamo certi che il nostro Lele lo stia raccogliendo tutto per tornare più forte. Serviranno ancora i vostri pensieri più positivi per i giorni che verranno. Non sarà un’attesa facile ma gli siamo tutti vicini. Saremo forti e pronti per il suo grande ritorno. #ForzaLele

 

 

LELE SPEDICATO, PARLA IL PRIMARIO

Valeria Arnaldi per www.leggo.it

 

Emorragia cerebrale. Leggo.it ha sentito il Dottor Alessandro Olivi, professore ordinario Neurochirurgia all'Università Cattolica e direttore Neurochirurgia Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli. Quali possono essere le cause di ciò che è accaduto a Lele Spedicato dei Negramaro?

 

spedicato spedicato

«Le emorragie cerebrali possono essere dovute a malformazioni arterovenose. O a ipertensione, causa che interessa di solito persone più anziane, ma non si può escludere in giovani. Anche l'angiopatia amiloide è da ricondurre ad età più avanzate. Di altre non si riesce a comprendere la causa».

 

La giovane età dell'artista inciderà sulla ripresa?

«Sicuramente è un importante fattore di potenziale recupero, ma per poterlo valutare saranno decisive le prossime ore, bisogna vedere prima i danni diretti prodotti dall'emorragia e se sta facendo o farà danni indiretti. Bisogna capire la localizzazione: se l'emorragia si trova vicino alla zona della parola può avere un effetto notevole sulla qualità della vita e sul potenziale recupero completo del paziente. Le variabili sono molte: localizzazione, appunto, volume eventuale pressione che l'emorragia esercita sull'area circostante».

spedicato spedicato

 

 

La possibilità di un recupero completo, però, c'è.

«C'è una percentuale di recuperi completi e di recuperi molto significativi. C'è sempre la speranza che l'accaduto non causi danni permanenti. Fondamentale è identificare le cause dell'emorragia, alcune potrebbero richiedere interventi per prevenire la recidiva del sanguinamento».

 

Perché non è stato sottoposto subito a intervento chirurgico?

«In alcune situazioni è valutato meno rischioso un trattamento di tipo conservativo».

Ci potrebbero essere stati segnali di avvertimento?

«Le malformazioni arterovenose non danno segno di sé fino a quando non sanguinano, a volte vengono diagnosticate prima grazie a una serie di esami per altro».

spedicato sangiorgi spedicato sangiorgi

Quanto tempo sarà necessario per capire la ripresa?

«Già adesso si possono effettuare esami neurologici, si cerca sempre di sedare i pazienti per farli stare tranquilli ma è fondamentale avere finestre per valutare la situazione neurologicamente. Ciò permette di predire pure l'evoluzione clinica».

negramaro negramaro

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

VIDEO: CORONA IN AMBULANZA! MICA L'HANNO MENATO IN VENTI, ''FURBIZIO'' RACCONTA AGLI INFERMIERI CHE I GRAFFI SE LI È FATTI SUI ROVI: ''SONO CADUTO TRA LE PIANTE''. LORO VOGLIONO PORTARLO IN OSPEDALE MA LUI VORREBBE RECUPERARE IL TELEFONO. ''MI HANNO TENUTO IN QUATTRO PUNTANDOMI IL COLTELLO ADDOSSO. HO FATTO 6 ANNI DI GALERA MA…''  - ALLORA CORONA A QUALCOSA SERVE: È IN CORSO AL "BOSCHETTO DELLA DROGA" DI ROGOREDO UN CONTROLLO DEI CARABINIERI PER ABBATTERE LE BARACCHE DEI PUSHER

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute