“IL MAIALE TRA I RIFIUTI A ROMA? SI CHIAMA CLARETTA PETACCI” - BUFERA SU GENE GNOCCHI, INSORGE LA "DUCIONA" MUSSOLINI: “UNA MERDATA CHE SOLO UNO STRONZO POTEVA PARTORIRE. GNOCCHI VERME!”  - E CORSARO CHIAMA IN CAUSA LA BOLDRINI – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Elena Barlozzari per www.ilgiornale.it

gnocchi maiale gnocchi maiale

 

Il maiale della Romanina, il porcello paparazzato tra i rifiuti della Capitale, adesso ha un nome e cognome.

 

“Si chiama Claretta Petacci”, per il comico Gene Gnocchi che, ieri, nel salotto di Floris ha paragonato la povera Petacci - morta ammazzata senza aver commesso alcun crimine se non quello di aver amato Benito Mussolini - ad un suino. Alla gag di Gnocchi, il conduttore di “Di Martedì” ha risposto con una risatina divertita e la trasmissione è andata avanti, come se nulla fosse.

 

MUSSOLINI PETACCI MUSSOLINI PETACCI

Viene da domandarsi: dove sono le donne indignate che si battono contro il femminicidio? E la folla forcaiola di attrici e soubrette che, in questi mesi, ha denunciato le molestie (vere o presunte) di registi e produttori? Non pervenuta nemmeno la sinistra radical-chic sempre pronta a stigmatizzare le battute maschiliste di Berlusconi.

 

In queste ore, però, l’hashtag #GeneGnocchi è tra i topic trend di Twitter e centinaia di persone comuni ed esponenti politici stanno cinguettando tutto il loro sdegno. La prima è la nipote del duce, l’eurodeputata di Forza Italia Alessandra Mussolini, che dal suo account ufficiale scrive: “Gene Gnocchi, tu sei un verme! Paragonare il maiale che gira per Roma alla Petacci è una merdata che solo uno stronzo come te poteva partorire”.

 

MUSSOLINI PETACCI MUSSOLINI PETACCI

Da Fratelli d’Italia, l’ex senatore Marcello De Angelis cita i “Cantos” di Ezra Pound: “Manes fu conciato e impagliato/ così Ben e Clara a Milano/ che vermi mangiassero il tortello morto/ ma il due volte crocefisso/ dove lo trovate nella storia?”. Il deputato ex An, ora fittiano, Massimo Corsaro chiama in causa la Boldrini: “Signora Presidente, nulla da dire sulla performance di Gene Gnocchi e Floris?”. 

 

Simone Di Stefano, vicepresidente di CasaPound Italia, ha postato il famoso scatto che ritrae la Petacci, ormai esanime, appesa a testa in giù a piazzale Loreto e commentato: “Claretta Petacci, donna innocente, innamorata, uccisa, stuprata, appesa e maciullata dai partigiani. Goditi il frutto del tuo odio. Ne sarai orgoglioso, vigliacco”. Anche l’ex modella croata Nina Moric, entrata a pieno titolo nelle file di CasaPound, ha espresso solidarietà ad Alessandra Mussolini. Mentre secondo il numero uno di Forza Nuova, Roberto Fiore: “L’infelice battuta di Gene Gnocchi su Claretta Petacci non rappresenta altro che la triste retorica di chi, come i sinistroidi, non ha altre argomentazioni da proporre se non offese”.

alessandra mussolini alessandra mussolini

 

Nel frattempo, dall’associazione no profit “Campo della Memoria”, che si è occupata del restauro della tomba monumentale della Petacci al Verano di Roma, Alberto Indri fa sapere: “Stiamo raccogliendo le firme per chiedere l’allontanamento di Gnocchi dalla trasmissione”.

gnocchi gnocchi

 

Petacci - Piazzale Loreto Petacci - Piazzale Loreto LA TOMBA DI CLARETTA PETACCI. LA TOMBA DI CLARETTA PETACCI. PETACCI PETACCI CLARETTA PETACCI A RICCIONE CLARETTA PETACCI A RICCIONE CLARETTA PETACCI CLARETTA PETACCI IL CADAVERE DI CLARETTA PETACCI IL CADAVERE DI CLARETTA PETACCI

 

CLARETTA PETACCI CLARETTA PETACCI CLARETTA PETACCI CLARETTA PETACCI

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal