DI MALAYSIA IN PEGGIO -  DAL PICASSO RESTITUITO DA DI CAPRIO ALLE COLLANE DI MIRANDA KERR FINO ALL'OSCAR VINTO DA MARLON BRANDO: ECCO TUTTI I REGALI SEQUESTRATI AD ATTORI E MODELLE PERCHÉ ACQUISTATI (DA ALTRI) TRUFFANDO LA MALAYSIA

-

Condividi questo articolo

Leonard Berberi per il Corriere della Sera

DI CAPRIO DI CAPRIO

 

 

Quadri di Picasso, Monet e Basquiat, una storica locandina di una pellicola da 1,2 milioni, uno scatto famoso, un maxi-yacht da 250 milioni. E ancora: otto milioni in gioielli donati alla modella Miranda Kerr, incassi e diritti di trasmissione di film come The Wolf of Wall Street con Leonardo DiCaprio (392 milioni nei cinema), Scemo & + scemo 2 con Jim Carrey e Jeff Daniels (170 milioni) e Daddy' s home con Mark Wahlberg e Will Ferrell (243 milioni), appartamenti lussuosi a Beverly Hills, New York e Londra. C' è persino una statuetta Oscar del 1955 donato a DiCaprio.

Miranda Kerr Miranda Kerr

 

Tutti beni da sequestrare e da restituire ai legittimi proprietari, i 30 milioni di abitanti della Malaysia, perché ottenuti in modo illecito e con l' intermediazione di società più o meno occulte, conti in Svizzera, Lussemburgo, Singapore e Dubai, figliastri e confidenti di primi ministri. Ci sarebbe materiale per un film hollywoodiano se non fosse che in questa storia ci è finita davvero mezza Hollywood. Coinvolta - ufficialmente a sua insaputa - in uno dei più vasti casi di sottrazione di soldi pubblici (almeno 3,7 miliardi).

 

marlon brando marlon brando

Un passo indietro. Nel 2009 la Malaysia istituisce il fondo 1MDB (1Malaysia Development Berhad) per sostenere gli investimenti nel Paese. Nel 2015 diverse inchieste sospettano che da 1MDB siano stati dirottati miliardi di dollari verso conti del primo ministro malaysiano Najib Razak e persone a lui vicine. Tutti negano.

 

Ma intanto si scopre che almeno tre film - The Wolf of Wall Street , Scemo & + scemo 2 e Daddy' s home - sono stati prodotti dalla Red Granite Pictures, società creata da Riza Aziz, figliastro di Razak, «tirata su con denaro sottratto da 1MDB» è l' accusa.

 

La procura statunitense fa causa per recuperare 540 milioni di dollari - su un totale di 1,6 miliardi di asset reclamati - mettendo nel mirino anche i diritti delle pellicole.

In parallelo sotto accusa finisce pure Jho Low, vicino a Razak, che nel 2009 diventa amico di Leonardo DiCaprio. Alla star fa diversi regali con denaro «sottratto al fondo statale».

 

PICASSO PICASSO

Tra i doni: l' Oscar vinto da Marlon Brando per il ruolo in Fronte del porto , una tela di Picasso, una foto scattata da Diane Arbus e un collage di Jean-Michel Basquiat. La statuetta, spiega un portavoce dell' attore, è stata restituita. Tra poco toccherà anche al Picasso.

 

Sempre Low viene accusato di aver speso 8,1 milioni di dollari di denaro preso da 1MDB in collane e orecchini per l' allora fidanzata Miranda Kerr, da poco moglie di Evan Spiegel, fondatore di Snapchat. Di Low è pure lo yacht di 91,5 metri «Equanimity» che gli americani hanno sequestrato.

 

«Tutto questo era legale?

Assolutamente no», dice Leonardo DiCaprio-Jordan Belfort in The Wolf of Wall Street.

Chissà se lo pensano anche Jho Low e compagni.

DI CAPRIO DI CAPRIO

YACHT YACHT

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal