MERLO QUERELA TRAVAGLIO! “SCRIVE CHE QUANDO LAVORAVO IN RAI MI SI VEDEVA DI RADO IN VIALE MAZZINI. TRA LE TANTE MANIPOLAZIONI CHE DA ANNI SCRIVE PER DENIGRARMI E CHE AVEVO LASCIATO CORRERE PERCHÉ NON AMO LE QUERELE TRA GIORNALISTI, QUESTA NON LA POSSO ACCETTARE PERCHÉ SIGNIFICHEREBBE LASCIAR PASSAR L’IDEA DIFFAMATORIA CHE RUBAVO LO STIPENDIO. HO DATO INCARICO AL MIO AVVOCATO DI PROCEDERE”

Condividi questo articolo

Mail di Francesco Merlo a Dagospia

 

Caro Dagostino, leggo nel titolo che hai dato all’ennesimo testo di Marco Travaglio contro di me che quando lavoravo in Rai mi si vedeva di rado in Viale Mazzini. Tra le tante, incredibili manipolazioni e falsità che da anni  lui scrive per denigrarmi e che avevo lasciato correre perché non amo le querele tra giornalisti, questa non la posso accettare perché significherebbe lasciar passar l’idea diffamatoria che rubavo lo stipendio. Andavo al lavoro tutti i giorni, quasi sempre dalle 9 alle 21. Ho dato incarico al mio avvocato di procedere.

Francesco Merlo

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

QUANDO PENSI CHE IL CASO DI DON CONTIN NON POSSA ESSERE PIÙ INCREDIBILE DI COSÌ, ARRIVA UNA NOTIZIA DA SBALLO: ALLE ORGE C'ERA ANCHE DON CAVAZZAN, IL PRETE FIGACCIONE - IL PARROCO DEI COLLI EUGANEI ERA IL CONFESSORE DI BELEN RODRIGUEZ MA POI SI RIFIUTÒ DI CELEBRARE IL MATRIMONIO: ''TROPPO MEDIATICO''. MA INTANTO SCOPAVA COME UN PAZZO! - MA DON CONTIN HA APPENA INIZIATO A VUOTARE IL SACCO: ''FILMAVO LE AMMUCCHIATE. CON UNA DELLE MIE 5 AMANTI FACEVO PARTECIPARE ALTRI UOMINI, PURE DI COLORE'' (MARIO BREGA AIUTACI TU)

sport

cafonal