NOMINE-RAI/2 - VACCARONO SI È SFILATO, MA I GRILLINI NON CI STANNO: VOGLIONO IL MANAGER DI GOOGLE COME AMMINISTRATORE DELEGATO. MA IL TETTO ALLO STIPENDIO DA 240MILA LORDI E I LIMITI DI SPESA HANNO FREDDATO IL SUO ENTUSIASMO - IL M5S VOGLIONO QUALCUNO CHE SAPPIA ALLARGARE I CONFINI DELLA TV, E PER QUESTO PER IL CDA SONO STATI VOTATI PAOLO CELLINI, EX MICROSOFT E DISNEY, E BEATRICE COLETTI, EX FOX E FREMANTLE - A GABANELLI ANDRÀ FINALMENTE LA DIREZIONE DEL SITO CHE LE FU PROMESSA DA CAMPO DALL'ORTO?

-

Condividi questo articolo

 

Alessandro Barbera e Ilario Lombardo per la Stampa

fabio vaccarono google italia fabio vaccarono google italia

 

Lui sta facendo un po' di resistenza e ha lasciato filtrare che preferirebbe restarne fuori. In realtà il M5S per il ruolo di amministratore delegato della Rai punta ancora su Fabio Vaccarono, country manager di Google Italia. Un Mba alla Bocconi, un curriculum nella pubblicità del mondo editoriale, ma soprattutto una presenza d' onore sul palco della kermesse di Davide Casaleggio, organizzata a Ivrea, la cittadina che gli ha dato i natali e dove è cresciuto il rampollo del M5S.

 

Tra i 5 Stelle dicono che Vaccarono ha espresso riserve su costi e operatività. Di certo, è la figura che considerano ideale per costruire quella media company che farebbe uscire l' azienda del servizio pubblico dal tubo catodico della storia verso un futuro digitale.

 

Manager e 5G

milena gabanelli dataroom rai 8 milena gabanelli dataroom rai 8

Per gli stessi motivi però qualcuno nella Lega sembra perplesso. Come spiega una fonte vicina a Giancarlo Giorgetti, il futuro della tv si incrocerà con la fondamentale partita del 5 G, la prossima generazione della comunicazione mobile, un dossier prezioso su cui metterà le mani il ministro dello Sviluppo economico con delega alle Telecomunicazioni Luigi Di Maio. Può essere un ex Google a gestire questo passaggio epocale sulla poltrona più importante della tv pubblica?

 

milena gabanelli dataroom rai 6 milena gabanelli dataroom rai 6

Per i 5 Stelle sì: cercano un manager che sappia allargare i confini della televisione tradizionalmente intesi. Con lo stesso criterio sono stati premiati Paolo Cellini (4253 voti su 20.028 iscritti), che ha lavorato per Microsoft e Disney, e Beatrice Coletti (6577 voti), ex Fox e Fremantle, i due vincitori della cinquina sottoposta al voto online per scegliere candidati del M5S al cda.

 

Oggi Camera e Senato esprimeranno i quattro membri che spettano al Parlamento. Un altro sarà di nomina interna alla Rai, gli altri due (tra cui l' ad) toccheranno al Tesoro. Anche le alternative a Vaccarono sono manager e arrivano tutte dalle scuderie di Discovery. E sono: Andrea Castellari, oggi a capo di Viacom, Fabrizio Salini, ex direttore di La7, da gennaio nella società creata da Simona Ercolani, regista delle Leopolde renziane.

PAOLO CELLINI PAOLO CELLINI

 

Infine: Marinella Soldi, anche lei da Discovery. Non sarà né presidente né ad, invece, Milena Gabanelli. Per la giornalista ex conduttrice di Report , che il Movimento aveva corteggiato come possibile presidente della Repubblica, i grillini stanno pensando a un ruolo ad hoc.

Gabanelli se n' è andata in polemica da Viale Mazzini perché non le hanno permesso di realizzare il portale delle news? Ora potrà realizzarlo, con la qualifica di direttore.

 

(…)

 

BEATRICE COLETTI BEATRICE COLETTI

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute