POSTA! - DOPO QUELLO CHE SI SENTE SU "OXFAM", LE ONG HANNO UNA BELLA FACCIA TOSTA PER CONTINUARE A CHIEDERE SOLDI - SOLO IN ITALIA: SE SIETE ANZIANI VI TOLGONO I FIGLI, SE SIETE MAFIOSI NO - LA RAI PRESENTA LA CRESCITA ALL'1,5% DEL PIL 2017 COME UN TRIONFO MA NASCONDE IL FATTO CHE IN EUROPA SIAMO ULTIMI! 

-

Condividi questo articolo

case chiuse case chiuse

Riceviamo e pubblichiamo:

 

Lettera 1

Gentile dago, come erano davvero le case chiusa? Forse meglio, oggi senza case, lungo le strade in mezzo alle mondezze. Siamo l'Africa europea.

Davide

 

Lettera 2

Caro Dago, genitori italiani, attenti! Come ha stabilito la Cassazione, un "combinato disposto" di assistenti sociali e giudici può togliervi per sempre i vostri figli, e voi non potrete farci niente. Ma attenzione: può accadervi solo se siete troppo anziani, se il marito è succube della moglie o se quest'ultima è "chiusa in un processo narcisistico"; se invece siete tossici, alcolisti, mafiosi o se portate con voi il vostro neonato (magari sedato perché non strilli) quando chiedete l'elemosina al gelo o sotto il sole cocente, potete stare tranquilli: nessuno ve li porterà via. Perché questa è l'Italia, patria del diritto.

GENITORI NONNI GENITORI NONNI

Federico Barbarossa

 

Lettera 3

Caro Dago, migliore battuta comica di Carnevale è, senz'altro, la richiesta di Renzi ai 5 Stelle di avere una lista di truffatori.

BarbaPeru

 

Lettera 4

Daghissimo, commovente come i politici che da sempre si tengono tutto il malloppo puntino il dito contro quei 10 cani sciolti del M5S per i “mancati rimborsi”, quindi non furti... Ma ad accusare il partito che più fa paura alle elezioni di disonestà sono soprattutto quei “politici” di troppo lungo corso che vorrebbero ancora stare sulla mangiatoia. Loro sì che non ci devono dimostrare davvero più nulla: va bene così!

ERDOGAN MATTARELLA ERDOGAN MATTARELLA

Paul Tiglia

 

Lettera 5

Hanno ragione i figli: lasciatelo in pace, con la sua Francesca che se lo coccola, amorevole. È stanco. Farfuglia. Parla di “mille lire” anzichè un milione, o mille euro, chi sa cosa intendesse. Pronuncia parole distorte, frasi sconnesse. Non ce la fa più! Tra l’altro, deve fare campagna elettorale per elezioni per cui non può candidarsi.  non può nemmeno votare! E dai, ma non vi fa pena?!

Giuseppe Tubi

 

Lettera 6

Caro DAGO, nell'intrpretazione turca sul gas, il comportamento di Erdogan mostra solo che e' un presidente che ha a cuore le energie alternative. Alternative a quelle europee.

Andrea Nahles con Schulz Andrea Nahles con Schulz

Saluti, Labond

 

Lettera 7

Caro Dago, Martin Schulz dovrebbe baciare i piedi a Berlusconi per l'immeritata popolarità di cui ha goduto in questi anni. Per un omuncolo così, quello che allora sembrava un insulto, "kapo", oggi appare addirittura come un complimento!

Pino Valle

 

Lettera 8

Caro Dago, la Rai presenta la crescita all'1,5% del Pil 2017 come un trionfo. Ma nasconde il dato che sarebbe apparso nei titoli dei Tg se invece del Pd a governare fosse stato il centrodestra: in Europa siamo ultimi!

Ice Nine 1999

 

marek hamsik e giuseppe sala marek hamsik e giuseppe sala

Lettera 9

Caro Dago, capisco che il "Corriere" e il sindaco Sala debbano fare propaganda anti razzista e pro migranti, ma nel video in cui un diciottenne italiano salva con un gesto "eroico" il piccolo africano di due anni caduto sui binari della metro di Milano, il treno che starebbe arrivando, dov'è? In costruzione?

Spartaco

 

Lettera 10

Caro Dago, dopo quello che si sente sulla Ong "Oxfam", bisogna avere una bella faccia tosta per continuare a chiedere soldi come stanno facendo con spot Rai quelli di "Save the children". Ma chi credono di prendere in giro?

Carlo Gradi

 

Lettera 11

Dago, gli invasori africani con provvedimento di espulsione sono i più feroci come se volessero fare il peggio possibile fintanto che riescono a gabbare i giudici a spese di anziani, donne e bambini, ma compatiti e difesi da giudici e da chi accuratamente può evitarli; come dice Feltri, chi ha soldi e potere li frequenta solo in quanto domestici.

Roberto

 

Lettera 12

IL MANIFESTO ELETTORALE DI GIORGIA MELONI IL MANIFESTO ELETTORALE DI GIORGIA MELONI

Dago darling, mi sembrava di ricordare che in democrazia, nel rispetto di tutti, ognuno ha il diritto di esprimere i propri pensieri e le proprie opinioni e chiunque ha il diritto di ascoltare e valutare suddette idee per potersi fare la propria. Quando poi si hanno le proprie idee, le sopraccitate opinioni possono essere condivise o criticate in totale libertà, in quel circolo virtuoso che si chiama appunto “Democrazia”.

 

Ma forse ricordavo male….Non mi sembra, infatti che gli esponenti dei centri sociali, che si definiscono antifascisti e quindi baluardi della democrazia, abbiano avuto un comportamento molto democratico nei confronti della Meloni e delle sue (discutibilissime, per carità) idee politiche. Mi riferisco ai fatti avvenuti ieri a Livorno, ovviamente.

 

Il paradosso di questi atteggiamenti estremi è che chi si crede antifascista e democratico, ha lo stesso modus operandi delle squadracce del “mascellone” o di quei gentil signori suoi contemporanei che un po’ più a nord dicevano “In questo negozio è vietato l’ingresso a 'questi' o a 'quelli' ”.

GIORGIA MELONI ATREJU 1 GIORGIA MELONI ATREJU 1

 

In generale, gli stessi comportamenti di tutti gli adepti fanatici (per convinzione o convenienza) delle dittature e dei totalitarismi che insanguinano la storia.

E guai a far notare a questi individui che si comportano alla stessa stregua dei loro “nemici”, cioè in maniera antidemocratica: potrebbero purgarvi con litri di olio di ricino…. rigorosamente contenuto in bottiglie dall’etichetta rossa con sopra stampate falce e martello. Evviva l’Italia, terra di santi, poeti, fascisti neri e fascisti rossi!

Timbrius

 

Lettera 13

Quando i "Grillini" decisero che le parole d'ordine alla base della loro attività politica fossero e sarebbero state "Onestà, Onestà, Onestà!", avrebbero dovuto immaginare che se le sarebbero viste ritorte contro ogni qualvolta qualcosa non fosse andata liscia.

Luigi Di Maio - LinkCampus- Luigi Di Maio - LinkCampus-

 

Poveri smemorati, non avevano tenuto conto di parlare in un Paese in cui è la disonestà a farla da padrona e non perché i disonesti rappresentino la maggioranza, ma semplicemente perché mansuetudine e silenziosità sono le caratteristiche prevalenti degli italiani "onesti".

 

L'ultima vicenda relativa ai mancati versamenti da parte di alcuni cialtroni del Movimento 5 Stelle, rappresenta e testimonia meravigliosamente l'aspetto grottescamente perbenista del mondo politico e mediatico italiano dove si sfotte e si critica chi di notte urla "al ladro !!" solo perché quelle urla sfasciano la mansuetudine dei dormienti e la silenziosità delle camere da letto.

Santilli Edoardo

 

Lettera 14

TRIBUNALE TRIBUNALE

Carissimo Dagomagic, leggo che ai 2 anziani hanno definitivamente tolto la bambina e nonostante ciò che scrivano i giudici, questo è stato fatto per un unico e solo motivo: la loro vecchiaia! Nelle stesse ore è uscita un'altra notizia che si collega alla prima: un pluri-pregiudicato albanese, con precedenti per spaccio di chilogrammi di cocaina ed eroina, ha avuto annullata l'espulsione dall'Italia da un altro tribunale, il tar del veneto se non erro e nulla, sai perché non può essere espulso? No, be', allora te lo dico io: il trafficante di morte ha moglie e figli in Italia e siccome i bimbi hanno 4 e 6 anni, il tribunale dice che non può esserne allontanato!

 

Dagomagic, quindi, se ho capito bene funziona così: se sei vecchio ti fregano i figli, mentre se spacci eroina, i figli te li lasciano e te li fanno utilizzare pure come motivo per non essere espulso dal Belpaese(forse una volta lo era...)! Mi sa che c'è un grosso problema di giustizia in Italia: certi giudici a me fanno solo trasalire la rabbia!

Ciao Dagomagic, ci sentiamo presto!

Francesco l'Etrusco

 

Lettera 15

TURISMO OMOSESSUALE1 TURISMO OMOSESSUALE1

Caro Dago, ci tenevo a ringraziare, è il minimo che possa fare, il lettore “Luciano” per la bella lettera di ieri, di cui condivido in pieno il contenuto. Ora, pur apprezzando molto il tuo sito (per fare un esempio la rubrica “America fatte a Maglie” ci fornisce una visione degli eventi americani che su altri siti sarebbe solo impensabile) devo anche io registrare, con molta amarezza, che oramai hai abbracciato in pieno il “frocialismo” imperante di questi tempi. E’ la moda del momento.

 

Se da un lato è evidente che persone con tendenza omosessuale siano sempre esistite, dall’altro è oramai palese a tutti che l’omosessualità venga trattata come la moda del momento (basta vedere la eco mediatica che l’accompagna). Ma come tutte le mode è destinata miseramente ed inevitabilmente a passare anche questa.

 

omosessuale e fico omosessuale e fico

Ovviamente chi non si allinea alla moda del momento è oggetto di derisione e viene bollato come il classico “bigotto”. Inoltre, di recente, è stato inventato i l neologismo “omofobo” per zittire subito chiunque dica qualcosa di non politicamente corretto, ma per questo necessariamente offensivo, sull’universo “lgbt”. In conclusione mi preme sottolineare due cose.

 

Fermo restando l’assoluto rispetto che si deve a persone con tendenza omosessuale, tuttavia con altrettanta chiarezza e onestà bisogna ricordare che gli atti omosessuali, malgrado il tentativo dei media (tra cui anche il tuo sito, vedi gli articoli di Barbara Costa) di sdoganarli facendoli passare per un atteggiamento naturale quando non lo sono (e non lo saranno mai!!!!), restano uno dei peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio.

 

affreschi sesso gay pompei affreschi sesso gay pompei

Sarebbe quanto mai opportuno, visti i tempi, rileggere quanto scriveva il mistico Dante Alighieri nel XV canto della sua Divina Commedia per capire come la pratica della sodomia, qualora non ci si penta per tempo, porti alla dannazione eterna. Molte bandiere sono state issate e ammainate nel corso dei secoli: stessa sorte tocche rà anche alla bandiera arcobaleno. E questo è poco, ma molto sicuro!!!!

Gianpaolo Martini

 

Lettera 16

Caro Dago,

FILIPPO FACCI FILIPPO FACCI

Rimango stupita dal modo con cui il signor Facci, che considero una persona intelligente, abbia ridicolizzato l'esternazione di Nadia Toffa a Le Iene sulla sua malattia e sulla sua guarigione. Parlo per esperienza diretta: il cancro non esiste in una unica forma e quand'anche si trattasse della stessa tipologia, la guarigione e quindi la terapia di attacco, cosi come l'iter medico, dipende anche da quanto si sia stati capaci di intervenire rapidamente ed ad uno stadio primordiale della patologia.

 

Ad ognuno tocca il proprio tumore, che è a se rispetto a tutti gli altri, anche per le conseguenze fisiche e psicologiche che si porta dietro. Nadia Toffa ha detto questo: avevo un tumore mi sono curata e sono guarita. Il suo cancro era operabile e probabilmente circoscritto e le terapie successive sono state - come ha detto chiaramente lei stessa - finalizzate ad una prevenzione che coprisse il 100% del risultato di salvezza.

 

filippo facci filippo facci

Mi sembra che questo sia un apprezzabile e degno messaggio di speranza e di sprone per tutti anzi soprattutto, per chi è giovane e puo' essere colpito ahimè da questa malattia.

Non c'è nelle Sue parole - come sostiene Facci - una esigenza di ergersi paladina del cancro con prontuario allegato. Nadia Toffa ha semplicemente manifestato la Sua felicità dopo aver affrontato un mostro. Senza gridarlo, poiché il Suo è stato quasi un sussurro, dettato anche dalla (giustificatissima) emozione.

 

Se poi dopo questa esperienza Nadia Toffa abbia cambiato idea sulle cure del tumore rispetto ai ciarlatani che ha intervistato, tanto di cappello. Solo chi è cretino non cambia idea, se poi lo si fa soffrendo sulla propria pelle è ancor piu' meritevole di attenzione.

NADIA TOFFA NADIA TOFFA

 

Voglio dire a Facci che esistono medici umani e capaci che, assieme alle colonne portanti degli ospedali (mio padre medico chiamava cosi gli infermieri), fanno della delicatezza e della sensibilità positiva gli strumenti indispensabili per aiutare il paziente ad affrontare una diagnosi complicata e a stimolarne la guarigione.

Forse, come i medici ed infermieri che hanno aiutato Nadia Toffa; e dai quali Facci dovrebbe apprendere una lezione di comunicazione, lui che è giornalista.

Laura

 

Lettera 17

Caro Dago, come si era previsto, lo “scandalo” dei rimborsi del M5s, ha attizzato i sensi famelici degli schieramenti avversari. Aveva visto lungo Sciascia nel catalogare lo zoo umano in categorie ormai stranote. Uomini, mezzi uomini e via discorrendo. In questi giorni, si stanno evidenziando gli ultimi, i quali, a piè sospinto, rimarcano come la morale e l’onestà non sia di casa nel M5S.

 

Anzi, se rubano i soldi che promettono di devolvere, chissà cosa sarebbero capaci di fare, una volta al potere. Ribadire che son soldi dei deputati, sarebbe inutile, anche se a vedere in giro, qualcuno confonde le carte. Naturalmente si sono elevati a censori coloro i quali, degli affari propri e della conduzione nebulosissima politica e non, nella loro vita, ne han fatto un marchio.

silvio berlusconi al matrimonio della sorella di francesca pascale silvio berlusconi al matrimonio della sorella di francesca pascale

 

Abbiamo il maimortoperdavvero, Silvio da Arcore, condannato in via definitiva per cifre pari alle centinaia di milioni (368 per essere pignoli), per evasione fiscale; abbiamo Matteo da Firenze che nel corso della sua carriera ha scaricato spese personali sull’amministrazione guidata del momento, escludendo il contesto da primo ministro che aprirebbe una voragine sulla quale disquisire per giorni. E questi, appena si è aperta questa crepa nella campagna elettorale dei grillini, ci si sono buttati a capofitto, come le mosche sulla….

 

E direi che il contesto giornalistico di questi giorni, complice al midollo, ha accompagnato la situazione cercando di inseguire le tracce, flebili, di una “truffa del secolo”. Ieri, non mi ricordo chi, ha parlato di tradimento morale. E tale è stata la risata che ne è conseguita, che stavo uscendo di strada con l’auto. Come vedi, la paura, ad allontanarsi dalla nebbia e dalle polveri sottili del sensazionalismo creato, si nota tantissimo.

FRANCESCA PASCALE E SILVIO BERLUSCONI FRANCESCA PASCALE E SILVIO BERLUSCONI

 

I vecchi partiti stanno cercando di tappare le falle di una lotta intestina che li sta dilaniando e che, in vista del 5 marzo, non promette nulla di buono. Approfittare di una occasione simile, di un saldo elettorale del genere, è conseguente, oltre che necessario. Nessuno ricorda più le parole di Mattarella (che non passerà alla storia per essere stato un presidente da ricordare), pronunciate pochi giorni fa.

 

silvio berlusconi francesca pascale silvio berlusconi francesca pascale

Mantenere un livello di politica degno e proporre politiche per il futuro. Come vedi, anche questa volta, le sue parole non son servite a nulla. Una cosa vorrei evidenziarla, Silvio da Arcore ha sentenziato ieri che, se vincessero i grillini, ci manderebbe una cartolina da lontano, perché lascerebbe il paese.

 

Ricordando le promesse elettorali dei periodi precedenti (Sciascia qualifica tu i personaggi che le hanno fatte), ci sarebbe solo da pregare perché i cinque stelle vincano le elezioni. Avere notizie di festini del maimortoperdavvero, su qualche spiaggia sudamericana, sarebbe fantastico. Chissà come mai, tutti i personaggi inseguiti dalla giustizia si rifugiano in sud America? In attesa di sciogliere i dubbi, incrociamo le dita.

Benvenuti in Italia, terra di santi, poeti e moralisti che rubano.

Saluti

Pegaso Nero

 

Lettera 18

Sarò brevissimo: temo che il lettore Luciano sia stato abusato da piccolo, altrimenti non si spiegano certi suoi ragionamenti se così possiamo definire quella accozzaglia di idee che esprime riguardo i gay e tutto ciò che ruota loro intorno, non solo, ma anche riguardo al sesso ed alla religione. Un consiglio caro Luciano, fatti visitare, ma da uno bravo. Grazie per lo spazio

Francesco Marzano

 

proposta di matrimonio gay a manifestazione omofoba proposta di matrimonio gay a manifestazione omofoba

Lettera 19

Forse non ho guardato bene. Forse non ho visto. Spero appunto sia superficialità mia e sola mia, ma non mi risulta che nel sito sia apparsa una parola, dico una parola, di scuse nei confronti di chi come me - e ripeto sono decine di milioni - è stato molestato da Dagospino con lancio di  parole nazi-comuniste, senza se e senza ma. Ci ha definiti beoti, ossia dementi, idioti e similia, senza tanti complimenti  e questo solo perchè incarniamo e professiamo fortunatamente una visione della vita diversa dalla sua e dei suoi accoliti.

 

Mi auguro che queste scuse - più che per me, per gli altri, giungano al più presto - all'interno di questa rubrica, come si dovrebbe secondo prassi giornalistica (stessa pagina!). In tale attesa che mi auguro di cuore non venga frustrata (sarebbe un crollo verticale della moralità già traballante di questo sito) proprio l'argomento delle molestie ha attirato la mia attenzione.E ancora una volta ci sono delle sorprese.

 

Leggevo, infatti, ieri in ansia (la più quotata (?) tra le agenzie di stampa) che in Italia sono oltre ottomilioni le donne che nel corso della loro vita hanno subito qualche forma di molestia (si badi bene molestia, non violenza).

 

matrimonio gay matrimonio gay

Titoli a caratteri cubitali e rullo di tamburi a seguire subito, ovviamente, perchè attualmente - a ruota dei maiali e scrofe hollywoodiane che si scoprono adesso puritane a modo loro, ossia ridicolo - il vero e grande sport internazionale è quello della caccia al molestatore, una specialità nuova nuova innescata dal maiale ebreo (sempre all'avanguardia questo popolo perseguitato) Weinstein, da Woody Allen etc. etc....  l'elenco si fa sempre più lungo e brizziolato.

 

Povere donne, martiri assolute, tutte o quasi molestate: roba da non credere. Ma dove cazzo ho vissuto finora io povero illuso cieco, da non accorgermi di tutte queste molestie lascive? Mah, nonostante abbia girato in lungo e in largo l'Italia, non mi sono mai accorto di questa immensa popolazione femminile dolente. Non è che siano dati pompati?; non è che ogni parolina viene presa per molestia?

 

matrimonio gay 3 matrimonio gay 3

Per carità non è che i casi  di  molestie non ci siano, siamo uomini di mondo, abbiamo fatto il CAR a Cuneo, ad Aosta, a Foligno (non so tu Dagospino, mi dai l'idea di un raccomandato, ma posso sbagliare) per cui i casi di molestia vera e propria, di scorrettezze condannabili ci sono sempre stati, eccome. Ricordo però un episodio: una signora di mezza età, molestata in tram da un tizio che faceva evidentemente la mano morta, ha mollato un tale sberlone in faccia al malcapitato da ridurlo ai minimi termini, soprattutto quanto a figuraccia di cacca di fronte a tanta gente presente in bus, plaudente alla signora con il  tizio scappato alla prima fermata.

 

matrimonio gay matrimonio gay

Roba di qualche anno fa, per dire che su cento molestie, novanta e più possono essere neutralizzate anche dalle stesse donne a sberloni. Per cui, in realtà, siamo di fronte per la stragrande maggioranza dei casi ad una caccia alle cazzate degna di miglior causa, una pompatura boldriniana che fa letteralmente cacare (vista ieri la Boldrini in tv mi domando come una donna serie possa seguire le fisime di una tipa del genere, chiaramente e totalmente ideologizzata).

 

Finito qua? Magari: l'ANSIA da brava agenzia femminista e figlia del pensiero unico nella sua epica uscita con la  notizia, evidentemente presa dalla fregola della bomba da far deflagrare (non voglio neanche pensare che l'abbia fatto volutamente , o no? direbbe il mitico Andreotti) non ha scritto invece un rigo su quella che era la vera notizia bomba, poi ritrovata su altri siti e sui giornali di oggi con mia grandissima sorpresa.

marios and steve marios and steve

 

Quale? Questa: "Per la prima volta (sottolineo per la prima volta, incredibile questa precisazione che ho letto nel documento Istat -ndr) sono state rilevate molestie a sfondo sessuale anche ai danni degli uomini: si stima che circa quattromilioni di uomini abbiano subito molestie nel corso della loro vita".

 

Sono rimasto di sasso - e incazzato nero con l'ANSIA che ha truccato le carte facendo la reticente, almeno nel primo lancio, quello più importante - e mi pare che non servano molti commenti al riguardo. Una cosa incredibile, mai un qualche ometto che si sia lamentato, mentre  la stessa cosa è stata sempre caricata e strumentalizzata per le donne.

 

lina and moe lina and moe

Qui il discorso diventerebbe interessante, ma lungo, troppo lungo e Dagospino mi toglierebbe lo spazio. Mi fermo controvoglia, ma tu Dagospino, sei mai stato molestato? e sei stato molestatore? Il pensiero mi inquieta, molto meno però della parzialità ideologica dell'ANSIA nel dare notizie. E attendo sempre tue scuse! Grazie.

Luciano.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal