POSTA! - DOPO I TRE NIGERIANI, IL GHANESE. E PENSARE CHE VOLEVANO FARCI CREDERE CHE PAMELA MASTROPIETRO FOSSE MORTA DI OVERDOSE - IN SEI HANNO PESTATO A SANGUE UN DIRIGENTE DI FORZA NUOVA. COME MAI LA BOLDRINI NON CHIEDE LO SCIOGLIMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI ANTIFASCISTE?

-

Condividi questo articolo

Riceviamo e pubblichiamo:

 

Lettera 1

Mark Goldring Mark Goldring

Caro Dago, pur di influenzare le importantissime elezioni italiane, ora i Russi manderanno anche il Burian.

BarbaPeru

 

Lettera 2

Caro Dago, "Noi sappiamo cosa fare per salvare un bambino", recita lo spot. A quanto pare, forse ispirandosi a Oxfam, Save the Children sa fare molto di più...

Fabrizio Mayer

 

Lettera 3

Ha ragione Di Battista sugli italiani. Non basta neanche leggere le sentenze sul Berlusca per far capire che guaio sarebbe se questo signore verrebbe al Governo. Che popolo strano gli italiani!

Valter Bomba

 

Lettera 4

Non credo che sia stato Clooney a pensare di candidarsi a Presidente USA ma sia stata sua moglie a farcelo pensare ; una donna che tra le altre cose sarebbe, lei si, un ottimo Presidente

Giuseppe

 

LUIGI DI MAIO LUIGI DI MAIO

Lettera 5

I figli di De Luca, i figli di di Pietro, i figli di Bossi, i parenti di di Maio, gli amici della Raggi, gli amici ed i parenti di chiunque inclusi il cognato della zia di mia sorella (si fa per dire), i plurindagati seduti in Senato, Razzi che si lamenta per non essere ri-candidato pur offrendo reni per Berlusconi, Salvini noto economista e poliglotta, Casini che si candida con il PD a Reggio Emilia, la Boschi che sta imparando il tedesco, Berlusconi che firma un nuovo contratto con gli Italiani . A chi attribuire le colpe?

 

di maio di maio

Quando sono "seduti", ovvio, a "quelli" che c'erano prima e che hanno provocato tanti disastri, Italianiiiii! Popolo dalla scarsa memoria. Tanto abbiamo l'sola dei famosi con il quaranta e rotti percento di share superata dal festival di Sanremo con uno share ancora superiore. Liberissimo il quaranta percento di guardare e credere in ciò che vuole, altrettanto libero io di esprimere il mio parere. Conclusione: il 4 Marzo per chi c...andremo a votare?

Forse, e ribadisco forse ha ragione Pansa (che non mi sta particolarmente simpatico) siamo sfortunatamente arrivati all'ingoverbanibilità. E non me lo auguro. 

Cordialmente, 

P. Valsecchi

 

Lettera 6

Dagovski,

Una traccia di DNA di Bossetti era prova schiacciante. Due trolley con una ragazza a pezzi sono solo un indizio. 

BOSSETTI GIALLO BOSSETTI GIALLO

Aigor

 

Lettera 7

Caro Dago, dopo i tre nigeriani, il ghanese. E pensare che volevano farci credere che Pamela Mastropietro fosse morta di overdose...

Antonello Risorta

 

Lettera 8

Caro Dago, George Clooney dona soldi per le marcette contro le armi, ma è grazie ai grandi film di Hollywood che gli americani imparano ad usarle!

Ranio

 

Lettera 9

Caro Dago, a proposito della criptovaluta Venezuelana: è dal 2015 che gli americani hanno la loro, si chiama Tether, ed è sempre ancorata al dollaro...perchè nessuno ne parla?

Mohr

 

Lettera 10

MASSIMO URSINO MASSIMO URSINO

Caro Dago, moltissime donne amano essere menate, senza ammetterlo. Le prefiche nerovestite di #Me Too, invece, amano menare per il naso e te lo dicono in faccia.

Giorgio Colomba

 

Lettera 11

Caro Dago, in sei hanno pestato a sangue un dirigente di Forza Nuova. Come mai la Boldrini non chiede lo scioglimento delle organizzazioni antifasciste? Preferisce aspettare che qualcuno venga ucciso?

Rob Perini

 

Lettera 12

Caro DAGO, che gestisce pressoché in esclusiva la violenza politica di piazza è ingiustamente accostato ai manganellatori del ventennio. Infatti non risulta che la sinistra usi con gli oppositori la pratica dell'ingestione forzata dell'olio di ricino. C'e' una bella differenza, no? saluti

BLUE NOTE

 

Lettera 13

ursino pestaggio ursino pestaggio

Caro Dago, la Commissaria Ue su Embraco: "I fondi dovrebbero essere usati per creare nuovi posti, non per spostarli da un Paese all'altro". Idem per i migranti: usare i fondi per aiutarli a casa loro non per farli spostare in altri Paesi!

Camillo Geronimus

 

Lettera 14

Insostituibile Dago, fra gli effetti collaterali delle imminenti elezioni politiche (quasi tutti letali per il bilancio dello Stato e per la salute mentale del popolo italiano), ve n'è uno estremamente positivo: gli arrivi dal terzo mondo sono praticamente cessati, sintomo di grande attenzione di trafficanti e scafisti per le sorti della maggioranza uscente. Scommettiamo che passata la festa, gabbato lo santu? In attesa che venga introdotto il reato di "naufragio volontario", porgo distinti saluti Gianluca

 

Lettera 15

boldrini boldrini

Caro Dagomagic, i nostri eroi della politica ci stanno martellando con il pericolo fascista, allora io gli domando: ma dove cazzo sono tutti sti fascisti? Cioè, che me lo dicano, perché io proprio non li vedo! In realtà io un pericolo all'orizzonte lo vedo pure, ma non è di colore nero, è più tendente al rosso: il pericolo è un certo tipo di antifascismo e di antifascisti, perché nella realtà dei fatti, questi sono più fascisti dei veri fascisti! Perché la boldrinova non attacca certa feccia dei centri sociali, sempre pronta a menare e a distruggere?! Perché grasso non proferisce parola sulle bestie che stanotte hanno vandalizzato la lapide della scorta a Moro?! Il 4 marzo io voterò contro questi politicanti!

Ciao Dagomagic!

Francesco l'Etrusco

 

Lettera 16

laura boldrini laura boldrini

Caro Dago, finalmente il furore ideologico della Boldrini e dei suoi amici "democratici e antifascisti" sta dando i suoi frutti. A Perugia e Palermo ci sono stati i primi accoltellati e pestati perché appartenenti ad altri movimenti. A furia di parlare di inesistente fascismo, lei, Renzi, Gentiloni e  compagnia bella, stanno resuscitando i movimenti di estrema sinistra che rappresentano il vero pericolo per la democrazia, l'ordine pubblico e la convivenza civile. Chissà se la Boldrini avrà il coraggio civico di chiederne lo scioglimento.

FB

 

Lettera 17

migranti migranti

Ciao Dagomagic, scusami per il nuovo disturbo, ma vorrei porre una domanda a te, o a qualunque altro possa rispondermi! Vorrei sapere questo: ma se tutti quelli che arrivano coi barconi sono profughi che fuggono dalla guerra, qualcuno mi può spiegare il perché i profughi sono tutti giovani maschi in salute?

 

Cioè, da che mondo è mondo, io so che i primi a scappare in caso di guerra: sono vecchi, donne e bambini, quindi qualcuno è capace di spiegarmi questa cosa?! L'unico modo in cui io riesco a spiegarmelo è uno: nei paesi dei nostri profughi, i giovani maschi in salute disertano e vecchi, donne e bambini invece imbracciano i mitra e combattono! Misteri della fede!

migranti pallone migranti pallone

 

p.s. Ho anche un'altra domanda: vedo questi profughi che girano per le strade e sono tutti ben vestiti, col cellulare ultimo modello, in molti casi hanno proprio l'Iphone: ma glieli danno in omaggio in Libia i trafficanti di esseri umani? No, perché se è così vado a farlo pure il il profugo per mestiere!

Saluti Dagomagic, il tuo Francesco l'Etrusco

 

Lettera 18

Gentil Dago, il movimento 5 stelle, dopo le dimissioni di Roberto De Luca, 34 anni, dalla giunta di Salerno, ha sollecitato quelle di don Vincenzo De Luca, 69 anni, eletto Governatore dalla maggioranza dei campani. Per collocare su quella poltrona don Luigino Di Maio, 31 anni, che alle elezioni per il Consiglio comunale di Pomigliano d'Arco ha incassato 57 voti? Lo stesso Di Maio è stato severissimo, come Fico e Di Battista, martedì, sulle reti Rai e "La 7", senza contraddittorio, fino al dileggio, nei confronti degli avversari politici. Ma non è stato altrettanto severo, nè attento, controllore, nella selezione dei candidati del M5S alle elezioni. Democrazia o "Grillocrazia"?

Ossequi.

Pietro Mancini

 

Lettera 19

piazza san pietro piazza san pietro

Buonasera, questa mia per sollevare un po' di polvere all'italiana, come del resto ci hanno abituato a subire. Da giugno 2017 più volte per lavoro, ho attraversato piazza San Pietro con la mia valigetta, e mai dico mai, sono stato illuminato da qualche militare o chicchessia che mi abbia fermato, fatto domande, visionato l'interno della mia valigetta, ma soprattutto all'interno del colonnato di San Pietro, non ho mai visto delle sentinelle, dei guardiani, nonostante le migliaia di persone in fila per visionare la basilica stessa , con code interminabili fino a metà di via della conciliazione.

 

controlli di sicurezza a piazza san pietro dopo gli attentati di parigi controlli di sicurezza a piazza san pietro dopo gli attentati di parigi

Pazzesco!!!! Aggiungo inoltre che tutte le volte che passò di li ci sono molteplici metal detector fuori servizio con tanto di copertina per non prendere freddo. Si passa tutti sotto il colonnato in diversi passaggi senza l'ombra di un poliziotto, carabiniere, militare e via di seguito. 

 

A sto punto vorrei capire che sicurezza è? Quanto costa a noi contribuenti questa presa per il culo, e quanto ci sono costati i molteplici metal detector, e soprattutto la motivazione del perché non siano attivi. Troppe file? La gente se ne va e il vaticano perde il business? Se non c'è sicurezza non dovremmo avere neanche costi giusto? Quanto ci costa questa pseudo sicurezza?

controlli di sicurezza a piazza san pietro dopo gli attentati di parigi controlli di sicurezza a piazza san pietro dopo gli attentati di parigi

 

È vergognoso, soprattutto perché neanche 2 mesi fa sotto le festività natalizie di urlava a gran voce che stavamo blindando Roma, e tutte le città italiane, Piazza navona, piazza San Pietro, Colosseo....ma dopo due mesi non c'è più protezione? Passata la paura? L'isis o qualsiasi attentatore è diventato nostro socio? Nella mia valigetta potevo portare qualsiasi ordigno...o iniziare a sparare proiettili sulla folla...Sono veramente disgustato....

Scusate lo sfogo volevo farvi solo presente in che mondo schifoso amministrato da schifosi che viviamo...

Fabio Maccari

 

Lettera 20

franco con berlusconi franco con berlusconi

Caro Dago, ce lo dobbiamo dire, il maimortoperdavvero, al secolo scorso, Silvio da Arcore, ci mancava. Senza di lui, questa bruttissima campagna elettorale, sarebbe stata ancora peggio, di una schifezza inenarrabile. Invece, un vento antico, sta spazzando le idee e le proposte, alcune nuove, con il sistema usato sicuro.

 

Silvio da Arcore da settimane ci sta seppellendo, tra una comparsata e l’altra in tv e radio (mancano il mago Athenus e Cerberus ed abbiamo coperto tutte le possibilità di trasmissione via etere e spirituale), di come i grillini o cinquestelle, che dir si voglia, siano inaffidabili, pericolosi o peggio. Da un paio di giorni però, probabilmente in seduta dal restauratore, il nostro, ha intravisto uno spiraglio.

berlusconi chi berlusconi chi

 

I famosi impresentabili che i grillini si sono ritrovati nelle liste (massoni o presunti tali, furbetti che hanno fotoscioppato i pagamenti promessi ed invece trattenuti), son diventati di colpo, appetibili. La sua materia grigia (anche se le leggende parlano di fondotinta color terra di Maracaibo anche lì), ha focalizzato una possibilità: se questi impresentabili, venissero malgrado tutto, comunque eletti, perché non accoglierli nella grande casa del mio partito? D’altra parte, forza Italia, è un coacervo di tutto lo scibile umano, quindi perché essere schizzinosi proprio adesso, soprattutto se portano voti e numeri?

 

A questa valutazione immediata, ne è comparsa una in seconda battuta. La possibilità di far entrare nel proprio partito, deputati o senatori, gratis!

 

Dopo la faccenda De Gregorio, Scilipoti o Razzi, che è costata quel che è costato, si valutano simili operazioni con parsimonia. Non è pensabile, visto il periodo di crisi economica, spendere quattrini propri, senza avere la certezza del bene acquisito.

 

BERLUSCONI BERLUSCONI

Quindi Silvio da Arcore, ha trovato la quadratura del cerchio, o come direbbe lui, la combinazione della cassaforte: invogliare gli eventuali eletti, nella casa madre, con una semplice proposta. Venite a me, terrete tutti i soldi che la vostra posizione di deputati o senatori, vi accredita! Bellissimo. Tipicamente italiano.

 

Da che la storia è tale, non si ricorda una guerra combattuta dalla nostra nazione, finita con gli stessi alleati di partenza; quindi perché stupirci se i politici son figli di questa comune “malformazione genetica”? Perciò, se un candidato con il M5S, viene eletto e decide di cambiare casacca, confluendo nella casa del Padre, cosa lo impedisce? L’educazione, la correttezza, cosa? Siamo troppo abituati per sorprenderci di certe cose e, purtroppo, non ci indigniamo più!

 

IL MEME SULLE PROMESSE ELETTORALI DI BERLUSCONI IL MEME SULLE PROMESSE ELETTORALI DI BERLUSCONI

D’altra parte, il vincolo di mandato è scritto nella Costituzione. I padri costituenti (amiamo riempirci la bocca di questi termini, dandogli una valenza che forse non esiste), avevano immaginato che l’eletto potesse godere della libertà di operazione, una volta in Parlamento. Pensavano, ingenuamente o forse no, che la coscienza ed educazione morale, impedisse cambi di opinione oppure peggio, poveri illusi. Incrociamo le dita.

Benvenuti in Italia, terra di santi, poeti e morti resuscitati che indicano la via. Saluti

Pegaso Nero

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal