QUESTIONI DI LANA CAPRINA – LANA DEL REY RINUNCIA A SUONARE A ISRAELE: “VERRÒ QUANDO POTRÒ CANTARE ANCHE IN PALESTINA” - È SOLO L’ULTIMA A DARE ASCOLTO ALLA PROPAGANDA DEL MOVIMENTO BDS, CAPEGGIATO DALL’EX PINK FLOYD ROGER WATERS – MA NON POTEVA DIRLO PRIMA DI ORGANIZZARE IL CONCERTO? ROLLING STONES, RIHANNA, RADIOHEAD, BRITNEY SPEARS, ECCO CHI INVECE HA DETTO SÌ ALLO STATO EBRAICO

-

Condividi questo articolo

Davide Frattini per il “Corriere della Sera”

 

lana del rey lana del rey

Già l' estate di quattro anni fa Lana Del Rey aveva cancellato all' ultimo momento il concerto previsto a Tel Aviv. Allora la scusa erano stati i cinquantuno giorni di guerra tra Israele e Hamas, la paura che le sirene antimissile risuonassero durante il suo spettacolo.

 

Questa volta la cantante americana ha dato ascolto alle sirene che l' hanno supplicata di annullare la partecipazione al festival musicale organizzato da un kibbutz in Galilea, dove avrebbe dovuto esibirsi il 7 settembre.

 

roger waters roger waters

Anche se assicura che la decisione non è politica - «verrò quando potrò salire sul palco sia in Israele sia in Palestina» - ha finito con il dare ascolto ai propagandisti del movimento BDS (Boicottaggio Disinvestimento e Sanzioni).

 

ROGER WATERS ROGER WATERS

Roger Waters da ex bassista dei Pink Floyd è tra i volti più celebri della campagna internazionale contro lo Stato ebraico e ha lanciato un appello a Lana Del Rey attraverso Facebook.

met gala 2018 lana del rey e jared leto met gala 2018 lana del rey e jared leto

 

Le sue pressioni e quelle dei gruppi pro-palestinesi in passato hanno convinto a cassare gli show anche Lorde, Elvis Costello, Natalie Imbruglia, Gil Scott-Heron. Spesso la giustificazione fornita è tecnica, a volte le date annunciate e sparite sono il risultato di incomprensioni, pochi sfruttano l' incidente per dichiarazioni politiche. In ogni caso il movimento BDS dichiara vittoria.

 

britney spears 9 britney spears 9

Quello che irrita di più i fan israeliani sono le esitazioni. O come l' ha messa John Lydon in stile Sex Pistols prima di un concerto a Tel Aviv: «Promettere lo spettacolo e poi scappare è disgustoso. Israeliani vi amiamo, quanto al vostro governo che vada...».

 

rihanna lingerie rihanna lingerie

Come lui altre star non hanno mai fatto marcia indietro - malgrado gli avvertimenti, le petizioni e per qualcuno le minacce di morte: tra gli altri Paul McCartney, Madonna, i Rolling Stones, i Radiohead, Elton John, Rihanna, Britney Spears, Justin Bieber, i Depeche Mode, i Chainsmokers.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute