L’EDITORIA TUTTI GLI EMENDAMENTI PORTA VIA - SPARISCE IL TAGLIO AI FINANZIAMENTI PUBBLICI AI GIORNALI. PER VITO CRIMI, CHE NE HA FATTO UNA BANDIERA, ‘L’EMENDAMENTO SARÀ RIPRESENTATO AL SENATO PERCHÉ SUL TEMA C’È BISOGNO DI ULTERIORE APPROFONDIMENTO’. MA COME? SONO ANNI CHE CI SFRACASSANO LE BALLE, DEPOSITANO UN EMENDAMENTO FIRMATO M5S E POI LO TOLGONO PERCHÉ ‘NON SONO PRONTI’? POI PER PORTARLO AL SENATO DOVE I NUMERI SONO STRETTI…

-

Condividi questo articolo

Da ‘Il Messaggero

 

VITO CRIMI VITO CRIMI

Il dietrofront arriva nella notte.

A sorpresa sparisce la modifica che i Cinquestelle avrebbero voluto inserire nella legge di bilancio per abolire il finanziamento all' editoria.

L' emendamento, presentato dal deputato pentastellato siciliano Adriano Varrica, prevedeva la cancellazione a partire dal 2020 del finanziamento pubblico all' editoria e modificava dal 2019 criteri ed entità dei contributi. In particolare sarebbero stati colpiti dai tagli Avvenire (per 5,9 milioni), Italia Oggi (4,8 milioni), Libero quotidiano (3,7 milioni), Il manifesto (3 milioni), Il Foglio (800mila euro), oltre ai settimanali cattolici e alle testate delle minoranze linguistiche.

 

VITO CRIMI E ROBERTA LOMBARDI VITO CRIMI E ROBERTA LOMBARDI

Ma, come anticipato, il testo è stato ritirato in Commissione Bilancio. «L' emendamento Varrica - ha chiarito il sottosegretario all' Editoria Vito Crimi - sarà ripresentato al Senato perché c' è bisogno sul tema di un ulteriore approfondimento», rimodulando «la progressività delle riduzioni». «Nessun passo indietro», insomma, spiega il M5s. Esultano per il momento la Fnsi e l' ordine dei giornalisti secondo i quali è necessario lavorare «perché il tema venga definitivamente tolto dal tavolo».

crimi vito crimi vito GRILLO Lombardi e Vito A ROMA GRILLO Lombardi e Vito A ROMA VITO CRIMI CON IL MEGAFONO VITO CRIMI CON IL MEGAFONO

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute