LO SCONTRO SU MASTERCHEF RIACCENDE LA GUERRA TRA MEDIASET E SKY – AL BISCIONE CONVIENE SCREDITARE UN CONCORRENTE CHE ORMAI ATTENTA AL PUBBLICO FEMMINILE E GLI SOTTRAE LA PUBBLICITÀ PIÙ APPETIBILE – ED È BATTAGLIA ANCHE SUL CALCIO

Al di là dei dispetti come quello di “Striscia”, Cologno Monzese deve risolvere una volta per tutte un grande rebus: dove vanno collocati i suoi prodotti più appetibili? Sulle reti generaliste oppure su Mediaset Premium? -

Condividi questo articolo

Carlo Tecce per il “Fatto Quotidiano

 

Il patto di non belligeranza fra il gruppo Sky e Mediaset s’è indebolito. O forse le parti non l’hanno mai siglato. Il pretesto è un servizio di Striscia la Notizia che ha svelato il podio dei vincitori e una presunta scorrettezza regolamentare (smentita) di Master-chef, il programma per cuochi provetti che stasera andrà in onda su Sky, ma che la società di produzione Magnolia ha registrato mesi fa.

 

MASTERCHEF QUARTA EDIZIONE MASTERCHEF QUARTA EDIZIONE

   I telespettatori, inferociti, hanno lanciato una campagna contro Mediaset. A Cologno Monzese attribuiscono l’iniziativa e la decisione ad Antonio Ricci, un battitore libero, e non temono le ritorsioni legali di Sky e Magnolia. Ammessa l’autonomia di Ricci (Striscia di recente ha ridicolizzato pure Pomeriggio 5), a Mediaset conviene screditare Masterchef per un paio di motivi: sui canali del Biscione la cucina non riscuote un successo di queste proporzioni; il concorrente Sky, oltre ai palinsesti stracolmi di calcio, può vantare serie tv, X-Factor e Masterchef che attraggono anche il pubblico femminile.

 

FINALISTI MASTERCHEF FINALISTI MASTERCHEF

   MASTERCHEF ha un ascolto di 1,3 milioni di telespettatori, che diventano 2,1 se consideriamo le repliche, e viene conteso dagli inserzionisti pubblicitari perché raduna un pubblico giovane, dinamico, trasversale: in poche parole, che spende. In questi anni di crollo degli investimenti, i grandi marchi prediligono Sky e penalizzano la vecchia Rai e Mediaset . Non è una coincidenza.

 

Cologno Monzese ha un enorme equivoco da sbrogliare: dove vanno collocati i prodotti più appetibili? In chiaro su Canale 5 e sulle altre generaliste oppure a pagamento su Mediaset Premium? Per il momento, Mediaset è concentrata sugli sviluppi industriali più che editoriali e insiste con l’Opa in Borsa su Rai Way, l’azienda controllata da Viale Mazzini che gestisce le torri.

 

   I dirigenti di Cologno Monzese limano le strategie per i tralicci e i colleghi di Sky aspettano aprile per sperimentare l’accordo con Telecom che frutterà almeno 360 milioni di euro in 5 anni. Telecom offrirà ai propri clienti la televisione di Sky, visibile non più con la parabola, bensì con la fibra ottica. Il fastidio di montare l’antenna, di chiamare un tecnico o di superare vincoli architettonici e condominiali non sarà più un ostacolo per gli italiani che vogliono guardare Sky. L’operazione con Telecom è molto vantaggiosa per la costola tricolore dei Murdoch e, parimenti, un argine in meno per Mediaset che col digitale terrestre arriva ovunque.

mediaset presentazione palinsesti piero chiambretti e piersilvio berlusconi mediaset presentazione palinsesti piero chiambretti e piersilvio berlusconi

 

   Telecom ha spiegato così la collaborazione con Sky: “Un’ampia scelta di canali e contenuti dedicati all’intrattenimento di tutta la famiglia: il grande cinema, le serie televisive più amate, i programmi televisivi di successo, cartoni, documentari e tanto altro. Il meglio dello sport nazionale e internazionale. La possibilità di accedere all’offerta anche in mobilità”.

 

   I DISSAPORI tra i vertici di Mediaset e Sky sono ormai evidenti anche per i diritti tv per il calcio nazionale e internazionale. Con un’offerta di 690 milioni di euro in tre anni, il Biscione ha sottratto a Sky l’esclusiva per la Champions League. Spesso è accaduto che il trionfatore di un’asta poi andasse a trattare con il perdente. Stavolta Mediaset non vuole cedere il monopolio e Sky non vuole pagare per l’ennesimo inciucio. Le conseguenze sono delicate per entrambi: Mediaset dovrà assorbire l’esborso procacciando nuovi abbonati, Sky dovrà mantenere i 4,7 milioni di clienti allargando ancora la vetrina con appuntamenti tipo House of Cards o lo stesso Masterchef.

 

Con il varo di Sky Europa, cioè la britannica BSkyB che ha inglobato le filiali italiane e tedesche, Rupert Murdoch ha messo in sicurezza le province che detiene in Europa. Lo squalo potrebbe cedere Sky Europa e piazzare quel colpo del secolo che sarebbe l’acquisto di Time Warner tramite la sua 21th Century Fox, un affare da 70 miliardi di euro.

SKY ITALIA SKY ITALIA

 

   Fedele Confalonieri e Silvio Berlusconi, invece, devono pianificare il futuro di Mediaset: scegliere tra tv generalista, a pagamento e le infrastrutture. Devono rifare le mappa di un impero prima che il mondo tv cambi forma.

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

1. VITA, PIACERI E SEGRETI DI MADAME CLAUDE, LA MAITRESSE PIU' FAMOSA DEL MONDO CHE HA SAZIATO GLI APPETITI SESSUALI DEI POTENTI DELLA TERRA, DA JFK A GHEDDAFI - “KENNEDY VOLEVA LA SOSIA DI JACKIE, MA CON PIÙ SEX APPEAL, MARLON BRANDO PREFERIVA LE BELLEZZE DI TAHITI CHE NON ERANO FACILI DA TROVARE. LO SCIA' DI PERSIA REGALAVA DIAMANTI, LE RICHIESTE 'DEPRAVATE' DI ARISTOTELE ONASSIS E GIANNI AGNELLI…” - I SERVIZI SEGRETI DELL'ELISEO ARRUOLARONO BEN PRESTO MADAME CLAUDE PERCHÉ...

sport

cafonal