SIGNORINI ALL'OPERA – DOPO L'ALLESTIMENTO DELLA 'TURANDOT', APPLAUSI A SCENA APERTA A TORRE DEL LAGO PER LA PRIMA DELLA "BOHÈME". E ORA IL DIRETTORE DI "CHI" SOGNA DI CAMBIARE MESTIERE: "VORREI DEDICARMI ALL'OPERA ANCHE A COSTO DI RINUNCIARE A UN PO' DI TV. E SE GRAZIE ALLA MIA NOTORIETA’ SI AVVICINERÀ UN NUOVO PUBBLICO, SARÒ SOLO CONTENTO" - VIDEO

-

Condividi questo articolo

Enrico Parola per il Corriere della Sera

 

signorini boheme signorini boheme

Non entra avvolta nello scialle, avanza da spigliata ventenne e non si trascina come una malata cronica, è lei e non Rodolfo a spegnere il lume, porgendogli non casualmente la sua «gelida manina». Così si presenta Mimì nella «Bohème» firmata da Alfonso Signorini per il Festival Pucciniano che ha debuttato a Torre del Lago venerdì.

 

Applausi entusiastici per tutti: il direttore Alberto Veronesi (già volato al Festival di Savonlinna per concertare «Tosca» e «Turandot» in due allestimenti creati a Torre del Lago), i protagonisti Elena Mosuc e Francesco Demuro e la regia «impressionista» di Signorini.

 

signorini valeria marini boheme signorini valeria marini boheme

«Murger nel suo romanzo e Puccini con la sua musica raccontano la Parigi che fu degli impressionisti, partire da loro mi è sembrata la prospettiva più naturale - racconta -. Per la Barriera d' Enfer del terzo quadro ho chiesto di dipingere la scena come "La Gare Saint-Lazare" di Monet, il vestito di Musetta, rosso con la serpe che l' avvolge tutta fino a morderle il seno, è preso da un manifesto di Toulouse-Lautrec: citazioni palesi, non voglio essere originale ma fedele all' originale perché la sfida è parlare al presente seguendo il dettato dell' autore, troppo facile colpire facendo morire Mimì di Aids».

signorini prima boheme signorini prima boheme

 

Per commuovere, Signorini ha lavorato invece sulla partitura: «Conosco la musica: ho studiato pianoforte al Conservatorio. Nel primo incontro dei due giovani c' è una citazione quasi integrale del tema della seduzione di "Manon Lescaut", senza contare che Mimì è andata a convivere col viscontino sapendo bene il significato che aveva a quel tempo una simile scelta: non è una figura angelicata ma è una donna vera, consapevole della sua femminilità. E non tengo Mimì inchiodata al letto per tutta l' ultima scena: quando vuol confessare a Rodolfo una cosa "sola, ma grande come il mare" la musica evoca proprio un moto ondoso; lì Mimì, facendo faticosamente leva sulla ringhiera del letto, si alza, per morire abbandonandosi tra le braccia dell' amato».

signorini prima boheme signorini prima boheme

 

Dopo il debutto dello scorso anno con «Turandot» sempre al Festival Pucciniano («dove ho imparato il mestiere, capendo tante cose sui cantanti e sui riti della lirica») il felice ritorno a Torre del Lago apre a Signorini nuovi scenari: «La lirica è un mondo meraviglioso, vorrei dedicarmi all' opera anche a costo di rinunciare a un po' di televisione: sto definendo alcuni progetti futuri. E se il fatto di essere noto grazie alla televisione avvicinerà un nuovo pubblico, sarò solo contento».

 

signorini signorini signorini prima boheme signorini prima boheme signorini amici signorini amici turandot turandot signorini boheme signorini boheme signorini turandot signorini turandot signorini turandot signorini turandot signorini turandot signorini turandot SIGNORINI COVER SIGNORINI COVER SIGNORINI 5 SIGNORINI 5 SIGNORINI 11 SIGNORINI 11 signorini turandot signorini turandot signorini signorini SIGNORINI 12 SIGNORINI 12 signorini prima boheme signorini prima boheme

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal