TOMMASSINI, FATTI PIU’ IN LA’ - PARLA IL NEODIRETTORE ARTISTICO DI 'X FACTOR' SIMONE FERRARI: “LE COREOGRAFIE DI TOMMASSINI? TROPPO ANNI ’90. SI SENTE CHE ABBIAMO 20 ANNI DI DIFFERENZA. IO HO DEI GUSTI DIVERSI. CON ME SARA’UNO SHOW PIU’ CINEMATOGRAFICO”- E POI PARLA DI SANREMO, MICHIELETTO, LIBERATO E DEI MANESKIN…

-

Condividi questo articolo

 

Chiara Maffioletti per www.corriere.it

 

simone ferrari simone ferrari

«Solo in Italia succede che mi facciano notare che ho "appena 30 anni" o che guidi team in cui tutti sono più grandi di me. Anche a X Factor credo di essere il più piccolo della squadra creativa». Simone Ferrari non è solo il più piccolo, ma è anche il nuovo direttore artistico del talent di Sky (che riparte giovedì 6 settembre, alle 21.15, su Sky Uno).

 

luca tommassini luca tommassini

Lui, regista di importanti cerimonie sportive - il suo show Wondrous Wind nel 2017 ha chiuso gli Asian Aimag Games, le Olimpiadi d' Oriente -, dal 2013 lavora nella società di Marco Balich, di cui è direttore creativo. Ora, prenderà il posto di Luca Tommassini, passato ad Amici. «È una proposta che non mi aspettavo, mi ha stupito - racconta - . La prima reazione è stata chiedere: ma siete sicuri? Con la partenza di Luca per loro si era chiuso un ciclo e ho stimato il coraggio di dire: cambiamo completamente e prendiamo una persona che non ha mai fatto tv».

 

Ha accettato, perché «volevo confrontarmi con questo mezzo e portare a X Factor un' estetica differente, la mia».

Diversa, dunque, da quella di Tommassini.

 

LUCA TOMMASSINI STUDIO X FACTOR LUCA TOMMASSINI STUDIO X FACTOR

 «Abbiamo percorsi molto differenti. Lui ha fatto la storia della tv, come nessuno ha portato un mondo di internazionalità in quella italiana. Però si sente che abbiamo quasi vent' anni di differenza: Luca ha vissuto i grandi show di Madonna e Prince; quell' estetica anni Novanta che ha contribuito a formare. Io ho dei gusti che mi portano a sottrarre, a raccontare con i video attraverso uno stile meno grafico e più cinematografico, a usare le luci in modo installativo. Differenze che spero si vedranno: spero di portare un' altra voce».

 

Quando X Factor è iniziato in Italia, Ferrari era in quinta superiore: «Me lo ricordo perché un mio conoscente partecipò. No, non è diventato famoso. È lo show più bello che c' è in televisione: è tutto nero, laccato, ci sono i raggi di luce...». Una cura che farebbe bene a tutta la tv italiana, dice: «Siamo un po' indietro: bisognerebbe fidarsi di più della capacità del pubblico di caprie cosa è bello e cosa no e rischiare. Qui mi hanno dato libertà totale: è un grande banco di prova. Ma la tv è un mezzo che voglio esplorare».

Simone Ferrari Simone Ferrari

Le piacerebbe lavorare su Sanremo? «Sarebbe incredibile. Mi piacerebbe sperimentare, dalla tv all' opera. Penso al lavoro di Michieletto: è moderno, bello, coraggioso.

L' opera è il mezzo per eccellenza per un regista per potersi confrontare con complessità espressive molto forti».

 

provino x factor provino x factor

L' obiettivo di Ferrari era curare una cerimonia olimpica entro i 30 anni: «Doveva essere il 24 settembre, il giorno prima del mio compleanno. Poi l' hanno spostata al 27... ma va bene comunque». Entro i 35 cosa sogna? «Mi piacerebbe creare uno spettacolo mio. E poi lavorare su Verdi all' Arena di Verona: quella dinamica da stadio mi divertirebbe molto». Se potesse diventare regista di qualche artista, lavorandone l' immagine, cita Janelle Monáe e Liberato.

 

ASIA ARGENTO A X FACTOR ASIA ARGENTO A X FACTOR

Lui, che a 16 anni si sognava batterista («poi ho aggiunto degli strati al mio desiderio di comunicare»), dei talent non ama «quando viene attaccata la persona e non quello che fa sul palco. A X Factor non succede però. E i talent si sono evoluti: oggi si presentano non solo persone di talento, ma artisti con identità già forti, tipo i Måneskin». Tra le difficoltà del suo nuovo ruolo, c' è il tempo: «È un problema gigantesco che cerco di trasformare in spunto creativo. Si parla di 15, 16 performance a settimana. Parlare di arte, ogni volta, non è semplice, ma devono essere sempre spettacoli di livello, che facciano dire: wow». Tommassini appariva in video. Lei? «Ho sicuramente una personalità diversa, preferisco parlare attraverso quello che faccio. Ma il fatto che esista e venga riconosciuto non mi dispiace, anche per far capire cosa è il mio lavoro. Quindi sì, credo apparirò anche io».

cattelan x factor cattelan x factor

 

luca tommassini luca tommassini x factor x factor luca tommassini luca tommassini LUCA TOMMASSINI LUCA TOMMASSINI LUCA TOMMASSINI LUCA TOMMASSINI Luca Tommassini Luca Tommassini luca tommassini luca tommassini tommassini_cuccarini tommassini_cuccarini claudia gerini tommassini claudia gerini tommassini TOMMASSINI X FACTOR TOMMASSINI X FACTOR luca tommassini luca tommassini Simone Ferrari Simone Ferrari

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

L'ATTACCO AL GOVERNO ITALIANO SI COMPIE. LA COMMISSIONE: ''UNA PROCEDURA PER DEFICIT ECCESSIVO BASATA SUL DEBITO''. MA IL M5S DICE CHE NON INTENDE MODIFICARE LA MANOVRA - LA MINACCIA DELLA CAPO ECONOMISTA BCE, NOUY, CHE EVOCA LA GRECIA: ''INCROCIAMO LE DITA PER LE BANCHE ITALIANE. SAREBBE MOLTO TRISTE SE FINISSERO COME ATENE'' - L'ECONOMISTA FITOUSSI: ''A CHE SERVE IL GOVERNO SE LA POLITICA FISCALE VIENE DECISA DA UNA COMMISSIONE EUROPEA CHE FA ERRORI INCOMPRENSIBILI O DAI MERCATI STRANIERI?''

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute