VI MERITATE CARLO VANZINA! L’ODIOGRAFIA SOCIAL NEI CONFRONTI DEL REGISTA TRA INSULTI E PREGIUDIZI SNOB: “COME MEDIASET HA SPINTO SUI TASTI PIU’ VOLGARI E IGNORANTI DEGLI ITALIANI”, “I SUOI FILM SONO INGUARDABILI”, “SE SDOGANATE ANCHE VANZINA ALLORA VUOL DIRE CHE VI MERITATE LO SCEMPIO CHE VI CIRCONDA”

-

Condividi questo articolo

de sica carlo vanzina de sica carlo vanzina

Paolo Giordano per il Giornale

 

C' è chi, firmandosi Terra, scrive su Twitter che: «Carlo Vanzina (segue bestemmia) è stato un regista di mmeeeerda!». E chi, come Dioniso, si spinge in una raffinata analisi: «Per me vale la seguente equazione, Vanzina: cinema = Mediaset: tv. Ossia Vanzina ha fatto male al cinema come Mediaset ha fatto male alla tv, spingendo sui tasti più volgari e ignoranti degli italiani». E chisssenefrega se, in realtà, Carlo Vanzina è stato tutt' altro che volgare e che lo salutino con ammirazione (talvolta inattesa) persino quei critici che hanno trascorso decenni a stroncare i suoi film.

UN GIORNO IN PRETURA STENO CON CARLO ED ENRICO VANZINA UN GIORNO IN PRETURA STENO CON CARLO ED ENRICO VANZINA

 

Di solito, almeno quando muore, un artista entra momentaneamente in una «free zone» che lo esenta da insulti, critiche, cattiverie. Diciamo che per qualche giorno se ne rispetta la morte, almeno in quell' arena sanguinaria che sono i social. Una convenzione moderna. Poi, naturalmente, liberi tutti. Invece con Vanzina no.

 

Domenica, mentre stavano ancora allestendo la camera ardente, è iniziata la lunga processione di tweet intrisi di disprezzo.

de sica carlo vanzina de sica carlo vanzina

 

Per carità, mica bisogna per forza commuoversi per la morte di un artista al quale si è sempre stati indifferenti. Si può anche stabilire con biblica certezza, come ha fatto tale Francesco Pecoraro, che «i suoi film, anche quelli belli, sono inguardabili. Ripeto: inguardabili». Giudizio insindacabile e tanti saluti. Però c' è un limite.

 

Per Totò, amico di Steno padre di Carlo ed Enrico Vanzina, la morte è «'A livella» che pone tutti sullo stesso piano. Per Twitter mediamente il tempo si è accorciato e personaggi, amati, odiati o invidiati rimangono sullo stesso piano giusto per qualche giorno post mortem, salvo poi tornare a essere quel che erano nell' universo talvolta distorto e sempre esagerato dei giudizi liquidi. Stavolta molti hanno ingiustamente sfogato un legittimo dissenso, corredandolo con il tipico guardaroba del pregiudizio.

 

sordi carlo enrico vanzina sordi carlo enrico vanzina

Ad esempio Pier Paolo Polcari (uno dei pochi a mettere legittimamente il nome e non un nickname inventato) scrive che «se mi sdoganate anche Vanzina allora vuol dire che vi meritate lo scempio che vi circonda». Sembra la parodia di una battuta di Nanni Moretti dei tempi d' oro: «Vi meritate Alberto Sordi». In sostanza è lo stesso snobismo (stavolta funereo) sul quale i Vanzina hanno fatto quarant' anni di film.

in ricordo di carlo vanzina 8 in ricordo di carlo vanzina 8 in ricordo di carlo vanzina 4 in ricordo di carlo vanzina 4 in ricordo di carlo vanzina 3 in ricordo di carlo vanzina 3 in ricordo di carlo vanzina 1 in ricordo di carlo vanzina 1 enrico e carlo vanzina con steno enrico e carlo vanzina con steno in ricordo di carlo vanzina 6 in ricordo di carlo vanzina 6

 

Condividi questo articolo

media e tv

CHIARA FERRAGNI, REGINA DI IBIZA - UNA CORONA IN TESTA, LA FASHION BLOGGER CONTINUA I FESTEGGIAMENTI. LA SECONDA (E ULTIMA) NOTTE DI ADDIO AL CELIBATO A IBIZA L’HA TRASCORSA AL PACHA, SULLE NOTE DI BOB SINCLAR. E IL RACCONTO CORRE SEMPRE SUI SOCIAL - SE NE IMPIPPA SE SCIVOLA SUL LATTE ARTIFICIALE IN CUI LO RECLAMIZZAVA INSIEME AL FIGLIO LEONE, POPPANTE INCONSAPEVOLE. E FEDEZ? HA PROVATO A ORGANIZZARE UN “CONTRO ADDIO AL NUBILATO”. MA LA FUTURA SPOSA SEMBRA DIVERTIRSI DI PIÙ...

politica

business

cronache

sport

cafonal