VOLANO STRACCI IN RAI! FRANCESCO MERLO ATTACCA VIALE MAZZINI: “CONTRO ME E VERDELLI C’E’ STATO UNO STALKING CORPORATIVO DA SINDACATO, CDA E COMMISSIONE DI VIGILANZA PERCHÉ CI CONSIDERAVANO INTRUSI” - L’USIGRAI REPLICA: “NON CONOSCE VERGOGNA: HA CONTRATTATO UNO STIPENDIO DA 240 MILA EURO E HA ABBANDONATO LA NAVE PRIMA DEL NAUFRAGIO”

Condividi questo articolo

FRANCESCO MERLO FRANCESCO MERLO

1 - MERLO, CONTRO ME E VERDELLI STALKING DA CDA E SINDACATO

(ANSA) - Uno "stalking corporativo, da parte di sindacato, Cda e commissione di Vigilanza contro di me e Verdelli perchè ci consideravano degli intrusi e hanno fatto di tutto perchè ci dimettessimo". Francesco Merlo, editorialista di Repubblica e un recente passato da consulente Rai, spiega così, con accuse mirate, l'esito della sua avventura e di quella di Verdelli (licenziatosi martedì scorso) a viale Mazzini.

 

Merlo lo ha fatto a 'In mezz'ora' di Lucia Annunziata su Rai3, sottolineando che ciò che ha causato l'ostracismo nei loro confronti è anche "il rapporto malato tra informazione e politica" che in Rai "ha la sua sublimazione". Rai che, ha aggiunto, "è la sintesi hegeliana di tutti i giornali di partito".

 

2 - USIGRAI REPLICA A MERLO, NON CONOSCE VERGOGNA

carlo verdelli carlo verdelli

(ANSA) - ''Francesco Merlo non conosce vergogna. È venuto in Rai, ha contrattato uno stipendio da 240 mila euro e clausole uniche nella storia del Servizio Pubblico, come il peggiore dei marinai ha abbandonato la nave un attimo prima del naufragio. E ora utilizza la cortesia di un invito a "In Mezz'ora" per sparare a zero sulla Rai.

 

francesco merlo francesco merlo

Atteggiamento tipico di chi non è in grado di ammettere il proprio fallimento'': così l'esecutivo Usigrai replica con durezza alle dichiarazioni dell'ex collaboratore Rai ospite del programma di Lucia Annunziata. ''Lasci perdere le sedi regionali: mentre noi eravamo al lavoro sul campo per l'emergenza terremoto, lui - consulente Rai - invece di coordinare il lavoro, era a scrivere pezzi per il gruppo L'Espresso, per arrotondare lo stipendio da 240mila euro. E infatti non ha mai varcato le porte di una sede regionale per vedere come e quanto si lavora in quelle redazioni.

 

carlo verdelli carlo verdelli

E la conduttrice Lucia Annunziata avrebbe ben potuto smentire Merlo e ricordarlo'', sottolinea la nota Usigrai. ''L'unico che si è accorto del passaggio di Merlo in Rai è il cassiere che gli ha dovuto pagare il lauto stipendio. Se noi siamo stati i suoi stalker, lui è stato il mobbizzatore della Rai che vuole le riforme: insulta, si fa chiamare in Rai, prende i soldi (tanti!), non produce nulla e scappa. Il vertice della Rai - dal Dg al CdA - che lo ha voluto come consulente, esca dal corresponsabile silenzio, chieda scusa ai cittadini per come hanno speso i loro soldi, e valuti se esistono gli estremi per chiedere i danni per le affermazioni di oggi'', conclude aspramente il sindacato Rai.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

DAGO-FIXER - IL "PATTO DOPPIO" (ANZI IL "PIATTO DOPPIO"). DA UNA PARTE IL SALVATAGGIO POLITICO (FORZA ITALIA AL GOVERNO) E INDUSTRIALE (ACCORDO MEDIASET-VIVENDI) DI BERLUSCONI; DALL'ALTRA LA CESSIONE DELLA RETE TELECOM A UNA SOCIETÀ PUBBLICA - LO STATO PAGHEREBBE A BOLLORE' UN PREZZO SUFFICIENTE PER COMPRARSI MEDIASET, SUA VERA PREDA MERCATO ITALIANO - L'OPERAZIONE È GIÀ STATA RISERVATAMENTE PRESENTATA AL GOVERNO DA BASSANINI E BERNABÈ - IL SILENZIO ASSORDANTE DEL M5S, IL MAGGIORE PARTITO DI OPPOSIZIONE

cronache

sport

cafonal