AD ANDAR PER FUNGHI SI VA LUNGHI – INSIDIE E RISCHI DI INTOSSICAZIONE SONO SEMPRE IN AGGUATO PER CHI AMA RACCOGLIERE I PRODOTTI SIMBOLI DELL’AUTUNNO – LE FALSE CREDENZE, I CONSIGLI DA SEGUIRE - IL TOSSICOLOGO: "NEI CASI GRAVI DI INTOSSICAZIONE LA GASTROENTERITE SI PRESENTA PIÙ FORTE E COMPARE DOPO 6 ORE DALL’INGESTIONE. IN QUESTO CASO È BENE ANDARE IN OSPEDALE PER EVITARE…”

-

Condividi questo articolo

Da www.gazzettadisondrio.it

Andar per funghi 'con testa'. Consigli anche per chi si sente 'professore'

funghi funghi

 

Stanno arrivando i funghi, anzi qualcuno è già arrivato. Il segnale è arrivato dai tre che non pensavano certo di arrivare a casa in simile compagnia (anche se scarsa d i porcini) e persino via cielo

E ogni anno ripetiamo la stessa storia ovvero che non ci va affatto di dovere, nel corso di questi mesi, pubblicare notizie funebri per chi ha pagato con la vita la sua passione per i funghi, spesso per esser venuto meno a quanto tanti, ma in particolare il servizio micologico dell'ATS, sono soliti consigliare. Vediamoli questi consiglio riportando quanto scrivevamo il 21 luglio dello scorso anno:

 

Consigli da seguire per evitare inutili incidenti mentre si è intenti nella raccolta:

 

1. SEMPRE IN COMPAGNIA: se sei solo, anche un piccolo inconveniente può degenerare in pericolo grave.

funghi matsutake funghi matsutake

 

2. ATTREZZATI ADEGUATAMENTE: prevedi scarponi, pantaloni alla caviglia, abbigliamento con colori identificabili nella vegetazione; porta un cestino a tracolla per avere almeno sempre una mano libera.

3. TIENI CONTO DELLE TUE POSSIBILITA’: evita luoghi pericolosi o sconosciuti, riposati appena ti senti stanco.

 

4. DAI NOTIZIE: lascia sempre detto dove sei diretto ed avvisa dell’ora prevista per il  ritorno; se possibile porta un telefono cellulare.

5. RESTA IN FORMA: porta con te liquidi ricchi di sali minerali; cibi energetici e leggeri possono aiutarti in caso di contrattempi (ritardo nel rientro, cambiamento di condizioni metereologiche, affaticamento, ecc.); evita di consumare alcolici.

 

6. OCCHIO ALLE NUVOLE: in montagna le condizioni atmosferiche e la temperatura cambiano velocemente; se c’è rischio di maltempo meglio tornare a casa.

7. DIVERTITI: vivi la ricerca dei funghi come un momento di serenità e di contatto con la natura; non farti prendere dalla frenesia del “bottino” a tutti i costi.

funghi funghi

 

8. NON FARE IL CINGHIALE: i funghi si staccano delicatamente dal terreno pulendoli un po’. Non raccogliere funghi in stato di alterazione (ammuffiti, fradici, etc.).

9. BUON APPETITO: informati sulla commestibilità dei funghi

 

Evitare le false credenze

 

1. non esistono trucchi per stabilire la commestibilità dei funghi. E’ molto pericoloso affidarsi a tradizioni popolari: non è vero che aglio o argento anneriscono durante la cottura di funghi velenosi.

2. non è vero che sono tutti velenosi i funghi che cambiano colore al taglio o al tocco: l’Amanita Phalloides, fungo velenoso mortale, se sezionato non cambia colore ed ha un sapore gradevole.

3. non sempre un fungo mangiato da lumache e/o animali del bosco è commestibile  anche per l’uomo.

funghi 3 funghi 3

 

4. mai credere che funghi che crescono nei giardini o nei prati sono sempre commestibili; l’Amanita Phalloides cresce ovunque.

5. è crudele e sbagliato “far assaggiare” i funghi ad animali domestici e tenerli sotto  controllo; esistono infatti dei funghi che se ingeriti, manifestano la loro mortale tossicità  anche dopo diversi giorni (Cortinarius orellanus).

 

6. se hai raccolto un fungo che non conosci non mangiarlo anche se un amico o  conoscente ti assicura che è buono.

7. non fidarti mai del tuo istinto, del colore o dell’eleganza di un fungo: il micologo ATS per certificarti un fungo ne verifica tante caratteristiche.

 

8. non è vero che i funghi diventano velenosi se cresciuti in prossimità di ferro arrugginito, di tane di vipere o al passaggio di vipere o serpenti

 

2. FUNGHI, PERICOLOSA PASSIONE

Estratto dell’articolo di Valentina Arcovio per il Messaggero

funghi 2 funghi 2

 

Un’intossicazione da funghi può avere conseguenze più o meno gravi. In quelle lievi i sintomi compaiono entro 6 ore dal loro consumo, causano gastroenterite e si risolvono nel giro di 24-48 ore. Nei casi gravi la gastroenterite si presenta più forte e compare dopo 6 ore dall’ingestione. In questo caso è bene andare in ospedale per evitare che le tossine del fungo compromettano la funzione del fegato….

 

E’ sempre bene cuocere i funghi ma bisogna ricordare che la cottura di quelli non commestibili non elimina le tossine e quindi il pericolo intossicazione

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute