ANCHE MADRE TERESA HA IL COPYRIGHT! - IL SARI DI COTONE BIANCO E AZZURRO, RESO FAMOSO DALLA SANTA, DIVENTA DI ESCLUSIVA PROPRIETÀ INTELLETTUALE DEI MISSIONARI DELLA CARITÀ, ORDINE CHE FONDO’ 70 ANNI FA – E’ IL PRIMO CASO DI REGISTRAZIONE DI UN ABITO RELIGIOSO AL MONDO

-

Condividi questo articolo

1- L’ABITO DI MADRE TERESA DIVENTA DI MARCA

Da Libero

 

MADRE TERESA DI CALCUTTA MADRE TERESA DI CALCUTTA

Il sari di cotone bianco azzurro reso famoso da Madre Teresa di Calcutta è ora un marchio registrato di esclusiva proprietà intellettuale dei Missionari della Carità, l' ordine che la suora fondò circa 70 anni fa. Lo ha annunciato l' avvocato dell' ordine, Biswajit Sarkar, spiegando che si tratta del primo caso di registrazione per un abito religioso in tutto il mondo.

 

 

2 - COPYRIGHT PER SARI SUORE MADRE TERESA

Da ANSA

 

Il sari bianco con il bordo blu, abito delle suore di Madre Teresa, è ora un marchio registrato. La tipica veste indiana, che le Missionarie della Carità hanno adottato in ogni parte del mondo dal 1950, ha ottenuto - riferisce Asianews - il riconoscimento della "proprietà intellettuale" da parte della congregazione fondata dalla santa di Calcutta.

 

MADRE TERESA DI CALCUTTA MADRE TERESA DI CALCUTTA

Biswajit Sarkar, rappresentante legale, ha riferito che il "Trade Marks Registry del governo dell'India ha permesso la registrazione del copyright". L'avvocato ha spiegato che le pratiche per il riconoscimento sono iniziate nel 2013. Dopo "un rigido esame delle procedure legali", esso è stato accordato in concomitanza con la canonizzazione della "Madre dei poveri", avvenuta il 4 settembre 2016 in Vaticano.

 

giulia salemi versione madre teresa giulia salemi versione madre teresa

Sarkar aggiunge che le Missionarie non amano "la pubblicità e per questo non avevano reso pubblica la notizia. Ma dal momento si assiste ad un uso improprio e senza scrupoli dell'abito, vogliamo far sapere alle persone che il marchio è registrato".

MADRE TERESA DI CALCUTTA MADRE TERESA DI CALCUTTA

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal