ATTACCATI AL DUCASSE – GUERRA DEGLI CHEF STELLATI IN CIMA ALLA TORRE EIFFEL: ALAIN DUCASSE (DETENTORE DEL RECORD DI STELLE MICHELIN) RISCHIA DI PERDERE LA CONCESSIONE DEL SUO “JULES VERNE”, DOVE MACRON HA PORTATO TRUMP LO SCORSO ANNO – IL BANDO È STATO VINTO DA THIERRY MARX E FREDERIC ANTON CON LA “SODEXO”, MA L’ATTUALE INQUILINO PROMETTE UNA GUERRA LEGALE

-

Condividi questo articolo

Estratto dell’articolo di Anais Ginori per “la Repubblica”

 

alain ducasse alain ducasse

Guerra degli chef sulla Tour Eiffel. Il pluristellato Alain Ducasse rischia di perdere la concessione del prestigioso ristorante in cima alla Torre, il Jules Verne. A vincere il bando è la coppia Thierry Marx-Frederic Anton, con la società Sodexo. (…) sono loro i vincitori dell' appalto per i prossimi 10 anni.

 

donald e melania trump cenano sulla torre eiffel con brigitte ed emmanuel macron donald e melania trump cenano sulla torre eiffel con brigitte ed emmanuel macron

Il cambio non avverrà subito, ma dovrebbe essere operativo a partire dal 1° ottobre. Marx, 55 anni, ex ragazzo di banlieue diventato un popolare chef francese, molto presente in televisione, è lo storico rivale di Ducasse, 61 anni, monegasco di adozione, a capo di un gruppo di 1.400 dipendenti e 20 ristoranti, forse oggi il più acclamato ambasciatore della gastronomia francese.

 

thierry marx thierry marx

Il titolare attuale del Jules Verne non si arrende anzi denuncia un vizio di procedura e un conflitto d' interessi. I suoi avvocati hanno già presentato ricorso in tribunale per fermare la società concorrente, sottolineando anche incongruenze al livello dei ribassi proposti.

 

Il famoso chef francese - detentore del record di stelle Michelin - è alla guida del locale da oltre dieci anni. È riuscito a dare alla cucina con sapori mediterranei una nuova fama internazionale e buone recensioni, a differenza del passato.

 

donald e melania trump cenano sulla torre eiffel con brigitte ed emmanuel macron donald e melania trump cenano sulla torre eiffel con brigitte ed emmanuel macron

(…) È in questi saloni con pavimento in vetro al secondo piano della Tour Eiffel che Emmanuel Macron aveva invitato a cena Donald Trump l' anno scorso.

Alain Ducasse Alain Ducasse

 

La concessione comporta la gestione della brasserie '58 Tour Eiffel' aperta l' anno scorso e qualsiasi cibo da asporto: insomma un gigantesco business per il monumento vistato ogni anno da sette milioni di turisti.

 

(…) La sindaca Anne Hidalgo avrà probabilmente l' ultima parola sulla vicenda e dovrà schierarsi entro la fine dell' estate con uno chef o con l' altro.(…)

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

CAIRO, L'EX MARITO DEI SOGNI - SUL ''CORRIERE'' UNA PAGINATA IN GLORIA DEL LIBRO DI ANNA CATALDI, CHE NON SOLO PORTÒ A HOLLYWOOD ''LA MIA AFRICA'', MA È STATA ANCHE SPOSATA CON L'EDITORE DEL QUOTIDIANO - LEGGIAMO CHE ''NON È SOLTANTO IL ROMANZO DI UNA GRANDE INTUIZIONE E DELLA CAPARBIETÀ CON CUI È STATA CONDOTTA A BUON FINE (SALVO SUL PIANO FINANZIARIO), MA ANCHE UN SAPORITO VIAGGIO TRA GLI INGRANAGGI DELLO STAR SYSTEM''. NOTARE L'INCISO ''SALVO SUL PIANO FINANZIARIO'' CHE PER UNA PRODUTTRICE…

politica

AMERICA FATTA A MAGLIE - CHE FIGURA BARBINA HA FATTO ELIZABETH WARREN, LA SENATRICE ''POCAHONTAS'' CHE VOLEVA INFILZARE TRUMP E FINÌ INFILZATA DA UN TEST DEL DNA CHE HA RIVELATO LA SUA FARLOCCA APPARTENENZA ALLA TRIBÙ DEI CHEROKEE (1%), CON I CAPI INDIANI CHE PRENDONO UFFICIALMENTE LE DISTANZE - ORA TUTTA LA SUA CARRIERA, AIUTATA DALL'ESSERE UNA SEDICENTE ''DONNA DI COLORE'' VIENE MESSA IN DISCUSSIONE. COME DA NOI CERTI FALSI INVALIDI. UNA FINE INGLORIOSA PER UNA CHE PUNTAVA ALLA NOMINATION NEL 2020

business

cronache

sport

JUVE, L’AFFARE S’INGROSSA - “IL NAPOLISTA” TIRA FUORI LE INTERCETTAZIONI DI MAROTTA, NELL’AMBITO DELL’INCHIESTA SULLE INFILTRAZIONI CRIMINALI NELLA CURVA DELLA JUVENTUS - EMERGONO LE PRESSIONI DELL'EX DIRIGENTE SU “REPUBBLICA” (“LÌ C’È IL ‘NOSTRO’ DIRETTORE…”) E “GAZZETTA DELLO SPORT” (“SE ESCE QUELL’ARTICOLO, MI COMPORTERÒ DI CONSEGUENZA…”. E INFATTI POI L’ARTICOLO DIVENTA UN TRAFILETTO) - ZILIANI: “A 12 ANNI DA CALCIOPOLI ABBIAMO UN GIORNALE, LA 'GAZZETTA', CHE DECIDE AL TELEFONO CON I DIRIGENTI DELLA JUVENTUS COSA SCRIVERE E COSA NO SU TEMI SCABROSISSIMI E..."

cafonal

viaggi

salute