NEL BLU DIPINTO DI BLU - ANGELA RAFANELLI (‘DOMENICA IN’) AI GENITORI DELLA BIMBA CHIAMATA BLU: ‘IL MIO COMPAGNO STAVA MORENDO DI LEUCEMIA E MIA FIGLIA NON SI POTEVA NEMMENO CHIAMARE CON IL NOME CHE AVEVAMO SCELTO PER LEI. LA MIA VITA SI STAVA FRANTUMANDO NEI MINIMI DETTAGLI. MA POI…’ - VITTORIO E LUCA SONO STATI CHIAMATI DAI PM PER LA LORO FIGLIA DI UN ANNO E MEZZO

-

Condividi questo articolo

 

1. ANGELA RAFANELLI: ‘NON PERDETE TEMPO IN AULA, FATE COME NOI’

Angela Rafanelli (ex ‘Iene’, oggi ‘Domenica In’) commenta su Facebook la decisione sulla bimba Blu:

 

angela rafanelli angela rafanelli

Ho chiamato mia figlia Blu 5 anni fa: a quindici giorni dalla sua nascita l'anagrafe mi ha chiamato dicendomi che il nome non era identificativo del genere e che avrei dovuto o cambiarlo o farlo precedere da un nome femminile. Il mondo mi è crollato addosso: il mio compagno stava morendo di leucemia (diagnosticata al mio 8° mese di gravidanza) e mia figlia non si poteva nemmeno chiamare come l'avevamo sempre chiamata per mesi....

 

La mia vita, da sempre sognata si stava frantumando nei minimi dettagli....ma poi, abbiamo rilanciato, come sempre e anche quel nome negato, quell'ennesimo 'cambio di programma' è diventato una opportunità....tu, mia piccola Blu, sei nata mentre il tuo Papà Claudio Sinatti stava lottando per non morire, sei stata il nostro faro, la nostra luce nel buio della disperazione e sei diventata Stella Blu.

rocco tanica angela rafanelli rocco tanica angela rafanelli

 

Tutti ti chiamano da sempre, solo Blu, ma per me, adesso che babbo non c'è più, sarai sempre la Stella che brilla di più. Cari genitori non abbattetevi....non perdete tempo in aula e godetevi tutti e tre insieme una bella giornata di sole....

 

 

2. CHIAMANO LA FIGLIA BLU, GENITORI CONVOCATI IN PROCURA: "NOME NON CORRISPONDE AL SESSO, RETTIFICATELO"

Franco Vanni per http://milano.repubblica.it/

 

angela rafanelli angela rafanelli

I genitori di una bambina di un anno e mezzo che hanno chiamato la figlia Blu sono stati convocati dalla procura di Milano per rettificare l'atto di nascita. Altrimenti, spiega il padre Luca, "rischia di essere il giudice a decidere il nome di nostra figlia, se non ne indicheremo noi uno. Sembra che la legge non lo impedisca". Secondo i genitori di Blu, la magistratura si rifà all'articolo 35 del Dpr 396/2000 in base al quale "il nome imposto al bambino deve corrispondere al sesso". Vittoria e Luca, entrambi milanesi, si dividono fra la città e un piccolo paese fra Liguria e Piemonte.

 

Ma l'interpretazione non è affatto univoca. Tanto che - incredibile ma vero - nel Palazzo di giustizia di Milano oggi si discuteva un caso fotocopia relativo, di nuovo, a una bambina che i genitori hanno deciso di chiamare Blu. In questo caso però il pm Luisa Baima Bollone ha rinunciato al ricorso e così il giudice Maria Rita Cordova ha convalidato il nome per la piccolina che era nata il 29 dicembre. "La questione del nome è molto grande - è stato il commento della mamma che ha già due figli, Luna e Leone - dietro la scelta di un nome si nascondono principi molto più grandi che sono quello della libertà, dell'identità e del rispetto dell'identità".

 

"Considerato che si tratta di nome moderno legato al termine inglese Blue, ossia il colore blu, e che non può ritenersi attribuibile in modo inequivoco a persona di sesso femminile - si legge nella lettera di convocazione in tribunale - l'atto di nascita deve essere rettificato". Una soluzione potrebbe essere anteporre "altro nome onomastico femminile che potrà essere indicato dai genitori nel corso del giudizio". Ma il padre non ci sta: "Andrea, che in greco significa uomo, è accettato come nome femminile. Non si vede perchè Blu non sia accettato. È una discriminazione assurda".

 

vittoria e luca genitori di blu vittoria e luca genitori di blu

In anagrafe a Milano, Luca e Vittoria erano stati messi in guardia dal personale amministrativo sul fatto che il nome sarebbe potuto essere contestato. Ed è stato lo stesso personale dell'anagrafe ad avere inviato la segnalazione in procura. "Questo è successo oltre un anno fa - dice Luca - pensavamo che tutto fosse a posto. Invece, abbiamo avuto la brutta sorpresa. Giovedì dovremo andare in tribunale a Milano per conoscere la decisione del giudice, che si aspettano da noi un nuovo nome, da mettere prima di blu. Cosa che non abbiamo intenzione di fare".

 

Vittoria e Luca si sono informati sulla storia di Blu come nome femminile: "La figlia di Beyoncé si chiama Blu. Così una bambina di Genova, e anche una trentenne che abita sempre in Liguria. Di Blu in Italia ce ne sono tante e sembra si chiamasse così anche la figlia di Rossella O'Hara".

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

CONTRO LA MORTIFICAZIONE DELLA CARNE E L'AVVILIMENTO DELLO SPIRITO C’E’ SOLO CAFONAL - “EYES WIDE SHUT” ALL’AMATRICIANA ALL’EXCELSIOR DI VIA VENETO PER LA FESTA DI MARIA FRANCESCA PROTANI, COMPAGNA DEL RE DELLE FARMACIE ROMANE, VINCENZO CRIMI - TRECENTO INVITATI. TUTTI IN MASCHERA, PIZZO E MERLETTI COME NEL FILM HOT DI KUBRICK: BONAZZE RIGONFIE, MILF D’ASSALTO, MANDRILLONI INCRAVATTATI, SCOSCIATISSIME PISCHELLE: DALLA BERLUSCHINA FRANCESCA IMPIGLIA A LILIAN RAMOS, DALLA 51ENNE KATIA NOVENTA A GIOVANNA DEODATO