DI BOCUSE BUONA! DOPO GUALTIERO MARCHESI SE NE VA A 91 ANNI PAUL BOCUSE, IL PIÙ GRANDE CHEF DELLA NOUVELLE CUISINE – L’ANNUNCIO DELLA SUA MORTE DATO DAL MINISTRO DEGLI INTERNI FRANCESE – MAESTRO INDISCUSSO DELLA CUCINA INTERNAZIONALE, "MONSIEUR PAUL" HA FORMATO GENERAZIONI DI GRANDI CHEF

-

Condividi questo articolo

bocuse bocuse

Da Repubblica.it

 

 

È morto Paul Bocuse. Maestro indiscusso della cucina internazionale, stella tra le più brillanti della gastronomia internazionale, si è spento oggi a 91 anni esattamente dov'era nato, a Collonges-au-Mont-d'Or, nei pressi di Lione. L'alta cucina perde così, a poche settimane dalla scomparsa di Gualtiero Marchesi, un altro dei suoi più grandi esponenti.   

 

Il "papà della cucina", "l'imperatore della gastronomia", oppure semplicemente "Monsieur Paul". Lo chef con alle spalle oltre cinquant'anni di tre stelle Michelin - ha ricevuto il terzo "macarons" nel 1965 e non l'ha più perso -, è in queste ore ricordato in numerosi modi.

 

bocuse bocuse

Legato profondamente al suo territorio - alla regione dell'Alvernia-Rodano -, in cui ha sempre vissuto, è stato per proprio il ministro degli interni francese Gérard Collomb, ex sindaco di Lione, ad annunciare la sua morte con parole sentite e profonde. "Monsieur Paul - ha detto il ministro - era la Francia. Semplicità e generosità, eccellenza e arte nel vivere. Possano i nostri chef, a Lione come in ogni angolo del mondo, coltivare a lungo i frutti della sua passione". 

bocuse bocuse

 

Figlio e nipote di cuochi, il suo rapporto con la cucina parte da molto lontano.  Fin da piccolo "piomba" nella cucina dei suoi genitore George e Irma, all'Auberge du Pont de Collognes, e scopre la passione e il feeling per quel mondo che ben presto si traduce in apprendimento prima e grande talento poi. La prima occasione al di fuori della cucina familiare arriva a soli 20 anni, quando viene assunto presso il ristorante stellato La Mère brazier, già punto di riferimento per la gastronomia, in quegli anni. Dopo l'esordio fortunato, la storia scorre velocemente. 

bocuse bocuse

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

MALETTON! - DI MAIO ATTACCA IL PD E GLI RINFACCIA DI AVER PROROGATO LA CONCESSIONE AD AUTOSTRADE PER L’ITALIA “DI NOTTE” CON UNA “LEGGINA” INSERITA NELLO “SBLOCCA ITALIA” NEL 2015. E LASCIA INTENDERE CHE BENETTON AVREBBE FINANZIATO I PARTITI E LA CAMPAGNA ELETTORALE DEI DEM - RENZI LO ACCUSA DI ESSERE UN “BUGIARDO” E UNO “SCIACALLO” – SAREBBE ANCHE INTERESSANTE SAPERE CON QUANTA PUBBLICITÀ BENETTON HA “SEDOTTO” STAMPA E TV, VISTO CHE NON SI VEDE MAI UNA LORO FOTO IN PRIMA PAGINA...

business

cronache

sport

cafonal