CACCIA AL TESORO DEL “CECATO” – QUADRI DI SCHIFANO E MARINETTI, SCULTURE E IMMOBILI: IL PATRIMONIO DI CARMINATI (DA OLTRE 12 MILIONI DI EURO) NEL MIRINO DELLA PROCURA – CHIESTA LA CONFISCA DEI BENI ANCHE DI BUZZI E DEGLI ALTRI IMPUTATI NEL PROCESSO MONDO MEZZO – TRA GLI OBIETTIVI DEI MAGISTRATI ANCHE LE PROPRIETA’ DI GIOVANNI DE CARLO…

-

Condividi questo articolo

Valentina Errante per il Messaggero - Roma

carminati carminati

 

 

La confisca dei beni e misure di prevenzione personali per otto dei 46 imputati. La procura di Roma va avanti e prova ad attaccare il tesoro degli imputati del processo Mondo di Mezzo. In ballo ci sono quasi 74 milioni di euro. Oltre dodici sono di Massimo Carminati. Mentre il patrimonio attribuito al re delle coop Salvatore Buzzi ammonta a un milione.

 

Poco importa, spiega il pm Luca Tescaroli nella lunga memoria depositata ieri al tribunale delle misure di Prevenzione, che il 20 luglio scorso la Corte abbia escluso che l'associazione capeggiata anche dal Nero fosse un sodalizio mafioso: «La riqualificazione del reato - spiega il pm - non comporta automaticamente il riconoscimento del venir meno della pericolosità dei soggetti». E comunque, continua Tescaroli, quella della X sezione «non è una sentenza definitiva».

 

E così nel procedimento entra anche Riccardo Mancini, ex ad di Eur Spa, la cui posizione è stata archiviata dalla stessa procura nel corso delle indagini, ma per il quale adesso vengono chiesti l'obbligo di soggiorno a Roma e quello di firma per due anni. Misure sollecitate anche per gli imputati del processo Mondo di Mezzo - che dovrebbero scontarle alla fine della pena - compresi Carminati, Riccardo Brugia, poi Salvatore Buzzi, Cristiano Guarnera, Agostino Gaglianone, Matteo Calvio, Roberto Lacopo, dei quali i pm vogliono anche aggredire il patrimonio.

 

LA STIMA

buzzi carminati buzzi carminati

Dieci milioni e 741mila euro di opere d'arte e 2 milioni e 296mila euro di immobili. La guardia di Finanza ha valutato in questo modo i quadri, le sculture e gli appartamenti sequestrati a Carminati all'indomani dell'arresto. Da una serigrafia, firmata Mirò all'Astratto di Filippo Tommaso Marinetti, dalla china su carta di Renato Guttuso al vassoio dipinto da Mario Schifano, fino all'opera di Enrico Bay e, ancora, il dipinto olio su tela del pittore del fascismo, il futurista Giacomo Balla.

 

L'elenco, che include lavori di Giuseppe Capogrossi, Giulio Turcato e opere grafiche di Pietro Consagra, conta 95 opere tra sculture e dipinti. Ci sono anche i manifesti di Mimmo Rotella. E a Carminati la procura vuole confiscare anche le due ville di Sacrofano, una intestata alla compagna Alessia Marini, l'altra al commercialista Marco Iannilli. Poi, i conti correnti. Oltre ai beni del figlio Andrea.

 

 

LE TESTE DI LEGNO

CARMINATI CARMINATI

Una costellazione di prestanome, secondo i pm, occulterebbe le proprietà riconducibili a Giovanni De Carlo, condannato, nel maxi processo al Mondo di mezzo, a due anni e sei mesi di reclusione, ufficialmente nullatenente ma, per gli inquirenti, titolare di beni per 33 milioni di euro. Dall'appartamento a piazza Cavour alla Ferrari, fino allo stabilimento balneare Mareusa di Fregene, che comprende il Miraggio club. In mezzo, titoli, obbligazioni e azioni anche di società di diritto inglese. Poi un elenco sterminato di immobili, da Cisterna di Latina a corso Francia fino a via Alessandria. Quindi conti correnti, depositi obbligazioni.

 

IL CASO MANCINI

massimo carminati massimo carminati

La procura sottolinea «l'attuale pericolosità sociale» di Riccardo Mancini, «pregiudicato» (una sentenza definitiva a un anno e 10 mesi per porto illegale di armi e ricettazione risale al 90) e recentemente condannato in secondo grado a due anni di reclusione per tentata estorsione nell'ambito della vicenda Breda Menarini. Per questo motivo, Tescaroli chiede per l'ex ad dell'ente Eur due anni di obbligo di firma e obbligo di soggiorno.

 

Misure di prevenzione personali vengono richieste anche per Carminati (tre anni e otto mesi) per Buzzi, Cristiano Guarnera, Giuseppe Ietto, Matteo Calvio, Roberto Lacopo, Fabio Gaudenzi e Giovanni De Carlo (tre anni).

carminati carminati massimo carminati massimo carminati CARMINATI CARMINATI massimo carminati massimo carminati

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute