LA CAMORRA SA FARE MOVIDA - I BABY BOSS, GUIDATI DAL 20ENNE GIUSEPPE TRONCONE, IL 2 NOVEMBRE SCORSO HANNO OFFERTO 45 BOTTIGLIE DI CHAMPAGNE IN DISCOTECA - VIDEO! - IL FILMATO, CHE HA FATTO IL GIRO DEI SOCIAL, HA SCATENATO L’IRA DEI NEMICI, I FORMICOLA DI SAN GIOVANNI A TEDUCCIO, CHE IL 18 NOVEMBRE GLI HANNO TESO UN AGGUATO E…

-

Condividi questo articolo

 

Fabio Postiglione per “il Corriere della Sera”

 

Il dj abbassa il volume della musica in sala e alza quello del microfono dello speaker.

LO CHAMPAGNE OFFERTO IN DISCOTECA DAI BABY BOSS DELLA CAMORRA LO CHAMPAGNE OFFERTO IN DISCOTECA DAI BABY BOSS DELLA CAMORRA

Un gruppo di ragazzini, poco più che maggiorenni, con magliette firmate e Rolex al polso, catalizza l' attenzione di tutti. Chi è in pista smette di ballare e riprende la scena col cellulare. Il gruppo, una ventina di persone, sale sul palchetto d'onore che la discoteca gli ha riservato. Tutti li guardano da lontano con invidia e curiosità.

 

«Attenzione, voglio dire che Troncone, Gt, Guiscardo, Verde sono arrivati e iniziano così», urla al microfono lo speaker emozionato all'ingresso in pista dei rampolli dei clan più potenti della zona. Un attimo dopo fa partire il conto, scandito dagli olé e dagli applausi di chi, inconsapevole di quanto sta accadendo, assiste allo spettacolo. «Uno, due, tre», fino a «quarantacinque», e lo ripete per tre volte.

 

Quarantacinque sono le bottiglie di champagne G.H. Mumm da 60 euro acquistate da quel gruppo di finti vip, che invece sono figli di camorristi, trattatati da divi e che conquistano la scena a suon di banconote, lasciando a bocca aperta i presenti e anche i nemici che guardano il post su Facebook la notte stessa. Accompagnato da una frase emblematica: «Noi ci divertiamo con poco». Sembra una scena di Gomorra girata in discoteca. Ma è la realtà.

 

LO CHAMPAGNE OFFERTO IN DISCOTECA DAI BABY BOSS DELLA CAMORRA LO CHAMPAGNE OFFERTO IN DISCOTECA DAI BABY BOSS DELLA CAMORRA

I camerieri sfilano con le bottiglie poggiate in cassette di legno, con sopra candele pirotecniche. Come se fosse Capodanno. Invece è un giovedì qualunque, il 2 novembre dell'anno scorso in un locale in provincia di Napoli, alle 2,30 di notte. In sottofondo la musica latina continua a dettare i tempi e la festa riprende tra l' euforia generale, gli applausi e le bottiglie di «Dom Perignon» regalate ad altri tavoli dal gruppo di giovani, che bruciano oltre 3 mila euro in 5 minuti.

 

Uno spot incredibile della camorra per impressionare le nuove generazioni. La scena rimbalza sui social. Gt, più volte richiamato al microfono, viene ripreso mentre distribuisce champagne e regala bottiglie: è Giuseppe Troncone, 20 anni, oggi in carcere per aver provato a uccidere a colpi di pistola un 17enne, durante una rissa.

 

LO CHAMPAGNE OFFERTO IN DISCOTECA DAI BABY BOSS DELLA CAMORRA LO CHAMPAGNE OFFERTO IN DISCOTECA DAI BABY BOSS DELLA CAMORRA

Era il 18 novembre, quando seduto a un tavolo di un night, con un Rolex al polso, venne aggredito da dieci persone. Preso di mira dai ragazzi del clan rivale, i Formicola di San Giovanni a Teduccio, i quali avevano visto il video su Facebook e non potevano reggere alla provocazione dei ragazzi di Fuorigrotta di Troncone, «smargiassi e potenti economicamente», come li ha descritti il Gip che ha acquisito il video della festa. Alla prima occasione utile, i Formicola scatenarono l' inferno sfogando la loro ira sul 20enne e sui suoi amici. Per la Procura di Napoli Troncone era armato e fece fuoco più volte tra la folla ferendo tre persone, due delle quali ignari clienti dei baretti.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal