CHI HA AIUTATO GLI AGGRESSORI DI MANUEL BORTUZZO? – I DUE TEPPISTI DI ACILIA HANNO PAGATO PER OTTENERE UN RIFUGIO LA NOTTE IN CUI HANNO SPARATO AL NUOTATORE -  DANIEL BAZZANO E LORENZO MARINELLI STAVANO IPOTIZZANDO UNA FUGA IN SICILIA DA ALCUNI PARENTI – E NEL FRATTEMPO SI ERANO AFFIDATI AD ALCUNI PREGIUDICATI DELLA ZONA

-

Condividi questo articolo

Alessia Marani e Mirko Polisano per “il Messaggero”

 

lorenzo marinelli lorenzo marinelli

Chi ha dato la copertura a Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, i banditi del villaggio San Giorgio di Acilia che hanno sparato «per errore» contro Manuel Bortuzzo quel sabato notte in via Menandro all' Axa? Su questo si sta concentrando ora l' inchiesta della Squadra Mobile di Roma. Gli investigatori stanno ricostruendo la rete criminale che ha dato ospitalità ai due sicari nelle ore successive all' agguato.

 

daniel bazzano 2 daniel bazzano 2

I due, secondo quanto stanno appurando gli inquirenti, avrebbero pagato la retta per la latitanza. Soldi in cambio di un nascondiglio per il tempo di una notte. Sarebbero stati diversi, infatti, i covi dei due ricercati che, non avendo disponibilità economica per pagarsi la copertura, stavano ipotizzando una fuga verso il sud Italia, in Sicilia - per la precisione - presso alcuni parenti.

 

LA LISTA

manuel bortuzzo manuel bortuzzo

Nelle mani degli agenti della Mobile ci sarebbe una lista di pregiudicati, tra cui persone costrette agli arresti domiciliari, a cui Marinelli e Bazzano si sarebbero rivolti. Tutte persone che saranno ascoltate nelle prossime ore. Il primo ad essere sentito potrebbe essere un noto pregiudicato della zona: a pochi passi dalla sua abitazione è stato rinvenuto lo scooter utilizzato per la sparatoria e dato alle fiamme.

cuore di acilia foto mezzelani gmt 049 cuore di acilia foto mezzelani gmt 049

 

È a casa di questo coetaneo di Marinelli e Bazzano, con numerosi precedenti per droga, che i due avrebbero passato la notte. Una copertura fornita dietro compenso economico. La cosiddetta «retta». Ma Marinelli e Bazzano erano a corto di soldi e avevano difficoltà a reperire denaro. Così avevano ipotizzato la fuga al Sud. Un piano, però, non semplice da mettere in atto con la polizia alle costole.

 

via di acilia ritrovamento pistola foto mezzelani gmt 018 via di acilia ritrovamento pistola foto mezzelani gmt 018

C' è anche chi si sarebbe rifiutato di far soggiornare in casa propria la coppia di banditi. Si tratta di un altro pregiudicato, uscito pochi mesi fa dal carcere sempre per questioni di droga, a cui si sono rivolti Marinelli e Bazzano. L' uomo, rintracciato e ascoltato dagli inquirenti, ha negato l' ospitalità. Molto probabilmente per non avere altri problemi con i «rivali» del pub dell' Axa, dove è scoppiata la rissa tra «quelli del Villaggio» e «i pugili» amici di esponenti dei clan legati alla Camorra.

MARINELLI BAZZANO MARINELLI BAZZANO

 

Una catena di criminali avrebbe favorito la latitanza, a partire dalla notte del sabato della sparatoria. Quattro giorni di fuga e nelle prossime ore saranno messi sotto torchio dagli inquirenti i pregiudicati che hanno avuto contatti con Marinelli e Bazzano. I nomi saranno incrociati con i dati dei tabulati telefonici. Potrebbe scattare la denuncia per favoreggiamento.

 

I CONTROLLI

MANUEL BORTUZZO MANUEL BORTUZZO

Intanto, un controllo amministrativo è stato disposto per il locale dove è scoppiata la rissa che potrebbe ricevere un provvedimento di chiusura o sospensione della licenza. Per gli investigatori sarebbe questione di ore. Al centro dell' inchiesta, ora, il pre e il post sparatoria. Chi era presente alla rissa del pub e i motivi che hanno portato alla violenza. Anche su questo ci sarebbero pochi dubbi. Forse c' era chi era pronto a spartirsi la piazza di spaccio di Acilia.

piazza eschilo axa foto mezzelani gmt 033 piazza eschilo axa foto mezzelani gmt 033 MANUEL BORTUZZO MANUEL BORTUZZO MANUEL BORTUZZO MANUEL BORTUZZO tabaccaio ferimento axa foto mezzelani gmt 046 tabaccaio ferimento axa foto mezzelani gmt 046

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

CHI HA UCCISO SERENA MOLLICONE? – SECONDO L’INFORMATIVA DEI CARABINIERI È STATO MARCO MOTTOLA, IL FIGLIO DELL’EX COMANDANTE DEI CARABINIERI DI ARCE – DOPO LA RIAPERTURA DELL’INDAGINE EMERGONO DETTAGLI INQUIETANTI SULL’OMICIDIO DELLA RAGAZZA TROVATA MORTA NEL 2001 NELLE CAMPAGNE CIOCIARE – LEI ERA ANDATA A DENUNCIARE UN GIRO DI SPACCIO IN CUI ERA COINVOLTO MOTTOLA, E HA SBATTUTO LA TESTA. LA FAMIGLIA DELL’ALLORA COMANDANTE L’HA PORTATA IN UN BOSCHETTO E…. – VIDEO + FOTO CHOC DELLA SCENA DEL CRIMINE

sport

cafonal

viaggi

salute