CHI E’ SENZA PECCATO, SCAGLI LA PRIMA SENTENZA - DA ALESSANDRA MUSSOLINI A STEFANIA PRESTIGIACOMO, LE DONNE DEL CENTRODESTRA SI SCHIERANO CONTRO LA DICHIARAZIONE DI ELISA ISOARDI SU SALVINI (“PER AMORE UNA DONNA, PER QUANTO IN VISTA, DEVE SEMPRE DARE LUCE AL SUO COMPAGNO. E IL SOSTEGNO SPESSO SI DÀ ARRETRANDO”)

-

Condividi questo articolo

Anticipazione stampa da “Chi”

 

elisa isoardi elisa isoardi

“Per amore una donna, per quanto in vista, deve sempre dare luce al suo compagno. E il sostegno spesso si dà arretrando”. Così ha dichiarato Elisa Isoardi all'indomani della vittoria elettorale del compagno, il leader leghista Matteo Salvini: dichiarazioni che hanno sollevato un polverone.

 

Il settimanale Chi, in edicola da mercoledì 21 marzo, ha chiesto a diverse importanti donne della politica italiana che cosa ne pensassero delle dichiarazioni della Isoardi. Sorprendentemente le più scatenate sono risultate le rappresentanti del  centrodestra, come la europarlamentare Alessandra Mussolini, che ha detto: «Se avesse parlato solo per se stessa, potrebbero essere dichiarazioni discutibili, ma libere. Ma se avesse voluto lanciare un messaggio a tutte le donne allora ha proprio sbagliato. Ta l'altro non mi sembra che stia a casa a fare la maglia, ma ha una bella visibilità in tv».

salvini isoardi 25 salvini isoardi 25

 

Le dà manforte l'ex ministro Stefania Prestigiacomo: «Sono convinta che la Isoardi non abbia riflettuto abbastanza prima di parlare, soprattutto sull'impatto che avrebbe avuto in questo momento storico. Di certo non condivido il significato delle sue parole».  Lo stesso per la deputata di Forza Italia Laura Ravetto: «Le donne non devono fare passi indietro, ma prendersi il loro posto al sole in ogni caso».

 

ALESSANDRA MUSSOLINI ALESSANDRA MUSSOLINI

E rispondono a Chi anche alcune esponenti del Pd, che non sono certo da meno nello stigmatizzare le dichiarazioni della conduttrice: «Continuare a fare il proprio lavoro in silenzio sarebbe stato sufficiente. Dichiarare che le donne devono fare un passo indietro non è sano», dice l'ex senatrice Anna Maria Serafini, moglie dell'ex segretario del PD Piero Fassino.

«Basta con questi stereotipi antichi, altro che passo indietro!», risponde l'economista Irene Tinagli. E l'assessore e scrittrice Lidia Ravera aggiunge: «Beh, mi è sembrato solo un modo macchinoso per mettersi in mostra».

STEFANIA PRESTIGIACOMO STEFANIA PRESTIGIACOMO

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

“SONO IL TOTTI DELLE TV ROMANE” – LAMBERTO GIORGI: "MI VOLEVANO RAI E MEDIASET. MA NON ME LA SONO MAI SENTITA DI ABBANDONARE ‘TELEROMA 56’ - PICCININI FACEVA LE RADIOCRONACHE ANCHE CON IL TELEFONO A GETTONI O DAL BALCONE - GRAZIANI MI SALUTAVA COSÌ: “A LAMBÈ MA NON CE POI PORTÀ TU SORELLA ELEONORA. GLI PORTAI UNA FOTO CON DEDICA E LUI DISSE: 'QUANTO È BONA” – E POI LIEDHOLM, CARESSA, UGO RUSSO, PARDO (“MI HA FATTO COMMUOVERE”) E IL CAFFE’ “D’AUTORE” CHE BEVEVA ALLA FINE DEL PRIMO TEMPO - VIDEO

cafonal

CHI È DAVVERO DANIELA DEL SECCO D’ARAGONA? DAGOSPIA LO HA SVELATO NEL LONTANO 2013 - LA SIMPATICA DANI NON È AFFATTO UNA MARCHESA CON “DUEMILA ANNI DI STORIA FAMILIARE, DISCENDENTE DA SETTIMIO SEVERO” MA UNA VISPA ESTETISTA CHE SU UN'EMITTENTE PRIVATA LAZIALE NEGLI ANNI ‘90 TELE-VENDEVA LE SUE CREME DI BELLEZZA ESORDENDO SEMPLICEMENTE COME "SONO DANIELA DEL SECCO…" - A COLPI DI CAFONAL S’È TRASFORMATA IN “MARCHESA D’ARAGONA” TALMENTE SCIROCCATA DA DIVENTARE PIÙ VERA DELLA FICTION

viaggi

salute