UN CLASSICO: TESTIMONE DELLO SPOSO FA SESSO CON LA DAMIGELLA DOPO LA FESTA DI NOZZE A PITTSBURGH – LEI PERO’ HA SOLO 15 ANNI E LUI 30. E DOPO AVERLE PASSATO UNA MALATTIA VENEREA DOVRA’ FARE ANCHE DUE ANNI DI GALERA

-

Condividi questo articolo

 

Federica Macagnone per il Messaggero

 

sesso matrimonio1 sesso matrimonio1

La confusione tipica di una festa di matrimonio prima e le ombre della notte dopo: pensava che tutto questo sarebbe bastato a far passare inosservata la sua storia proibita con una 15enne, cominciata con baci e palpeggiamenti durante il party e terminata con una notte bollente a base di sesso nella sua camera d'albergo, quando tutti gli invitati erano ormai andati a dormire e la ragazza, alle quattro, era andata a trovarlo in camera sua.

 

Si sbagliava di grosso: per quella storia che risale al settembre scorso, il 29enne John Sylvester Young è stato ora condannato a due anni di carcere dopo essersi dichiarato colpevole di aggressione sessuale e corruzione di minori. John, testimone e amico di lunga data degli sposi, e la ragazza, parente dello sposo e damigella d'onore, erano stati abbinati nel corso della cerimonia che si è svolta a Pittsburgh, in Pennsylvania.

sesso matrimonio John Sylvester Young sesso matrimonio John Sylvester Young

 

Attratto da quell'adolescente, non ha saputo resistere e già durante la festa ha cominciato a farle bere diversi cocktail alcolici, baciandola e toccandola. Una tensione erotica cresciuta sempre più ed esplosa in piena notte, quando tutti gli invitati erano rientrati in albergo per dormire lasciandoli liberi di scatenarsi. Intorno alle 4 la ragazza lo ha raggiunto in camera per fare sesso con lui fino al mattino. Da allora, come ha appurato l'inchiesta, la relazione è andata avanti per almeno due settimane in cui lei inviava in continuazione a John le proprio foto nude.

 

damigelle damigelle

Il tutto, però, evidentemente non era passato inosservato e alla fine qualcuno ha "parlato": lo sposo, informato della questione, a gennaio ha affrontato John mettendolo all'angolo e, ottenuta una confessione piena, ha immediatamente denunciato la vicenda alla polizia.

 

I genitori della ragazza, choccati per l'accaduto, sono rimasti ancor più devastati quando hanno scoperto che alla figlia era stata diagnosticata la clamidia, infezione sessuale che le era stata presumibilmente trasmessa proprio da John, visto che la ragazza ha raccontato di aver avuto rapporti solo con lui. In questi giorni la sentenza del giudice della Contea di Allegheny: John dovrà scontare tra gli 11 e i 23 mesi di carcere, verrà iscritto a vita nel registro dei "predatori sessuali" e non potrà più avere contatti con la ragazza.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal