CLINTON E WEINSTEIN, ME LI CUCINO IO - ANTHONY BOURDAIN, IN UNA INTERVISTA POSTUMA, SPARA A ZERO SUI CLINTON E DESCRIVE COME VORREBBE VEDERE MORTO HARVEY WEINSTEIN – “BILL È UNO STUPRATORE DISGUSTOSO CHE, INSIEME ALLA MOGLIE, HA DISTRUTTO LE DONNE CHE SI ERANO FATTE AVANTI PER ACCUSARLO” – “WEINSTEIN LO IMMAGINO MORIRE DA SOLO IN UN BAGNO: HA UN INFARTO, INCIAMPA ALL’INDIETRO E FINISCE A GAMBE PER ARIA NELLA VASCA...”

-

Condividi questo articolo

DAGONEWS

 

bourdain e argento bourdain e argento

L’ultima intervista di Anthony Bourdain esplode come una bomba a orologeria a poco più di un mese di distanza dalla morte: una chiacchierata fatta a febbraio con la giornalista Maria Bustillos e pubblicata poche ore fa sulla rivista 'Popula' in cui lo chef spara a zero sui Clinton e augura a Harvey Weinstein di morire da solo in una vasca da bagno.

 

L'intervista è stata fatta a febbraio in uno dei pub irlandesi preferiti di Bourdain a New York ed è stata pubblicata solo domenica. Bourdain, uno dei più infuocati sostenitori maschili del movimento #MeToo, ha parlato di Clinton e di come, se lo scandalo con Monica Lewinsky fosse esploso oggi, non l’avrebbe passata liscia.

 

hillary clinton hillary clinton

«Bill Clinton è fottutamente mostruoso - dice - è un pezzo di m*rda, un molestatore disgustoso, uno stupratore». Bourdain ha poi continuato condannando il modo in cui i Clinton “hanno distrutto le donne che si sono fatte avanti per accusare l’ex presidente”.

 

«È un uomo molto affascinante, l'ho incontrato, è magnetico. Come lo è Hillary. Quando sei nella stanza insieme a lei, pensi wow, è davvero calorosa, simpatica e divertente. Ma hanno efficientemente smantellato, distrutto e spudoratamente screditato quelle donne per aver detto la loro verità».

 

i clinton i clinton

Bourdain, che era fidanzato con l'attrice Asia Argento, racconta anche della risposta di Hillary all'ondata di accuse di violenza sessuale contro il produttore di Hollywood, Harvey Weinstein. «Hillary ha detto di essere inorridita e ha negato di essere a conoscenza di ciò che stava accadendo. Ha detto che era qualcosa di intollerabile, ma strideva con come si era comportata in passato».

bill clinton bill clinton

 

Weinstein ha ospitato eventi e ha fatto donazioni ai Clinton sin da quando Hillary iniziò a ricoprire cariche pubbliche nel 1999 come senatrice per lo stato di New York. Alla luce di tutto questo, Bourdain ha criticato pubblicamente i suoi commenti relativi a Weinstein su Twitter, tacciando il post come “evasivo e ingenuo”.

 

«La gente sperava davvero che se ne sarebbe uscita con qualcosa di diverso. Ho subito twittato la mia delusione… Sai, ho votato per lei».

 

harvey weinstein harvey weinstein

Ma le vere parole al vetriolo sono state per Harvey Weinstein: «Vorrei vederlo picchiato a morte nella sua cella o in un’altra situazione: mi immagino che si sta lavando i denti, è nudo, avvolto nel suo accappatoio con il cellulare in mano mentre tenta di scoprire quale persona lo abbia tradito di recente.

anthony bourdain anthony bourdain

 

Improvvisamente ha un attacco di cuore, inciampa all’indietro nella vasca e si ritrova a gambe aperte all’aria mentre cerca di capire chi potrà chiamare per chiedere aiuto».

asia argento e anthony bourdain 10 asia argento e anthony bourdain 10 Bourdain Bourdain ANTHONY BOURDAIN ANTHONY BOURDAIN anthony bourdain anthony bourdain Anthony Bourdain, Lidia Bastianich, Christopher Walken Anthony Bourdain, Lidia Bastianich, Christopher Walken anthony bourdain anthony bourdain Bourdain Bourdain anthony bourdain anthony bourdain anthony bourdain anthony bourdain asia argento e anthony bourdain 1 9 asia argento e anthony bourdain 1 9

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

I GIORNALI? NON SOLO SERVONO MA APPARECCHIANO IL CONSENSO AL TAVOLO DEI BENETTON - TRAVAGLIO: “CI SCUSIAMO CON I BENETTON E I LORO COMPARI POLITICI SE LI ABBIAMO OFFESI ANCHE SOLO NOMINANDOLI INVANO O PUBBLICANDO LORO FOTO SENZA ATTENDERE CHE, FRA QUINDICI ANNI, LA CASSAZIONE SI PRONUNCI SUI LORO EVENTUALI REATI. ORA SAPPIAMO DAI GIORNALONI (CORRIERE DELLA SERA, LA REPUBBLICA, LA STAMPA, IL GIORNALE) CHE ESSI NON SOLO NON VANNO INCOLPATI, MA NEPPURE NOMINATI. AL MASSIMO - CI INSEGNA EZIO MAURO - SI PUÒ PARLARE DI "UNA DELLE PIÙ GRANDI SOCIETÀ AUTOSTRADALI PRIVATE DEL MONDO" CHE, "IN ATTESA CHE LA MAGISTRATURA FACCIA LUCE", NON PUÒ DIVENTARE "IL CAPRO ESPIATORIO DI PROCESSI SOMMARI E RITI DI PIAZZA", "SCIACALLAGGINE  E BARBARIE TIPICI DEL POPULISMO" 

business

cronache

sport

cafonal