CRONACA VERA - A TRIESTE UN 17ENNE FA ZIG ZAG TRA I VICOLI CON LO SKATEBOARD E VIENE MULTATO - CON IL VERBALE ANCORA IN MANO, DAVANTI ALLA PATTUGLIA INCREDULA HA RIPRESO A CORRERE SULLA TAVOLA. A QUEL PUNTO GLI AGENTI L’HANNO INSEGUITO E…

-

Condividi questo articolo

E.B. per https://www.ilgazzettino.it

 

lo skateboarder incantato lo skateboarder incantato

Sfrecciava con le skate in via Sette Fontane zigzagando tra i veicoli: è stato multato due volte nel giro di pochi minuti. Già l’anno scorso la Polizia Locale ha sanzionato alcuni skater, con l’abitudine di lanciarsi lungo via Revoltella e poi via Sette Fontane con la tavola sotto ai piedi.

 

Il Codice della Strada lo vieta: lo skateboard, non è un veicolo e non può circolare sulla carreggiata ma nemmeno sui marciapiedi: ci sono campi appositamente predisposti, in sicurezza e con maggior divertimento (giardino di Altura). In mezzo al traffico, invece, è uno strumento pericoloso, sia per chi lo usa ma anche per chi accidentalmente se lo trova sulla propria traiettoria o – peggio ancora – viene colpito.

 

L'ultimo episodio risale a martedì scorso quando, nel pomeriggio, una pattuglia della Polizia locale ha intercettato un ragazzo di 17 anni che scendeva velocemente via Sette Fontane sullo skateboard: gli operatori l’hanno subito fermato e – data la minore età – sono stati raggiunti dalla madre alla quale veniva contestato il verbale e si ribadiva ad entrambi quanto fosse rischioso questo comportamento.

 

Il ragazzo evidentemente non deve aver compreso l’importanza delle raccomandazioni perché, davanti alla pattuglia incredula ed alla madre con in mano il verbale appena consegnato, è risalito sulla tavola riprendendo la discesa.  Gli agenti l’hanno raggiunto, fermato di nuovo e definitivamente, contestando (alla madre) una seconda violazione.

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL CINEMA DEI GIUSTI - ‘IL FILO NASCOSTO’ DI P.T.ANDERSON CON DANIEL DAY-LEWIS (IL SUO ULTIMO FILM?) È UN FILMONE AFFASCINANTE, INTELLIGENTE MA PUÒ LASCIARE DELUSI RISPETTO ALLA STORIA. ANCHE SE NEI GIORNI SUCCESSIVI CI SI RITORNA CON UNA CERTA OSSESSIONE, ALLA RICERCA SE NON DI UN SENSO NASCOSTO CHE VADA OLTRE QUELLO CHE ABBIAMO VISTO, ALMENO DI UNA CUCITURA PARTICOLARE CHE PAUL THOMAS ANDERSON SEMBRA DARE AL TUTTO: E’ L’ECCESSO DI MESSA IN SCENA, IL RIGORE DELLA FOTOGRAFIA

politica

business

cronache

sport

cafonal