DASPO FAMIGLIARE – A ROVIGO UN PADRE ULTRÀ ALLONTANATO DAI CAMPI DI RUGBY PER GLI INSULTI ALL'ARBITRO – VIETATE ANCHE LE TRASFERTE – IL BAMBINO PRIMA SOSPESO E POI REINTEGRATO, POTRÀ GIOCARE, MA SOLO SE LO ACCOMPAGNA LA MAMMA…

-

Condividi questo articolo

 

Natascia Celeghin per il Corriere del Veneto

 

Papà e figlio allontanati dai campi dalla «Monti Rugby Junior» di Rovigo. Motivazione: il genitore tifa in maniera eccessiva e si comporta «da ultrà» ogni volta che il figlio gioca una partita. Una decisione comunicata dalla società alla famiglia con tanto di telegramma arrivato a destinazione lunedì scorso.

 

Il caso

Il caso non ha mancato di far discutere e una parte della decisione sarebbe già stata rivista. La sospensione è durata solo qualche giorno e ieri il piccolo rossoblù è tornato ad allenarsi con i compagni. Il ragazzino è iscritto alla «Monti Rugby Rovigo Junior» società che allena nel capoluogo polesano squadre che vanno dall’Under 6 all’Under 16. Non sono cambiate invece le decisioni nei confronti del genitore per il quale resta il divieto di ingresso, una sorta di Daspo casalingo limitato agli impianti sportivi del «Battaglini» di Rovigo.

 

monti rugby junior monti rugby junior

«Troppo esagitato»: in punizione

In teoria la società vorrebbe evitare che si presenti anche in trasferta ai match che vedono coinvolta la squadra e per questo lo ha caldamente consigliato a restare a casa. Sarà il Consiglio direttivo della Società lunedì prossimo a stabilire se e quando potrà ritornare a bordo campo.

 

Di sicuro in questi giorni ad accompagnare agli allenamenti il piccolo ci sarà la mamma come concordato tra la famiglia e i vertici della società rodigina che cura il vivaio. Il papà protagonista della vicenda, raggiunto al telefono, preferisce non rilasciare dichiarazioni ma si dice sereno, soprattutto alla luce del fatto che il suo bambino è già stato riammesso in squadra. A indurre la società giovanile rodigina a punire con una sorta di Daspo il padre tifoso è stato l’eccessivo tifo e calore dimostrato lo scorso weekend sugli spalti, durante una partita in trasferta, a San Donà di Piave.

 

La comunicazione via telegramma

rovigo rugby rovigo rugby

La comunicazione ufficiale della sospensione è arrivata alla famiglia polesana mediante un telegramma spedito lunedì scorso. Il provvedimento è stato preso dalla società presieduta dal presidente Attilio Roversi, una società che ha già conosciuto episodi di intemperanza e persino di bullismo. Anche se questa volta il bullo, pare, sia il genitore e non un giovane atleta. Anche il rugby, come del resto molti sport, ogni tanto carica eccessivamente gli animi dei tifosi. E’ la passione.

 

A maggior ragione quando a giocare in campo c’è il proprio figlio. Il papà del piccolo giocatore rossoblù deve aver ecceduto in entusiasmo e aver spronato il proprio figlio a dare il meglio durante la partita usando parole pesanti. Suggerimenti e consigli oltremodo coloriti che hanno coinvolto anche i compagni.

 

Un comportamento che ha fatto probabilmente storcere il naso agli altri genitori in tribuna che se ne sono più volte lamentati con i dirigenti. E dopo il ripetersi di situazioni di questo genere la Società si è sentita in dovere di intervenire.

monti rugby junior 1 monti rugby junior 1

 

I precedenti

A quanto pare nessuno vuole chiarire fino in fondo la natura delle intemperanze: «Il genitore in questione non ha insultato o minacciato pesantemente l’arbitro e nemmeno l’allenatore - fanno sapere dalla società Monti - Ma rileviamo che ha avuto nel corso del tempo comportamenti pressanti e reiterati non in linea con i principi e i valori del rugby». Da qui la scelta di vietargli l’ingresso per assistere agli allenamenti del bambino. L’anno scorso due giovani atleti della «Monti» vennero ritirati dai propri genitori dopo che il più grande venne sottoposto al cosiddetto rito delle matricole con la rasatura dei capelli. Episodio di bullismo che scatenò l’ira dei genitori. Questa volta il comportamento sopra le righe è invece quello di un papà. Ma dopo la breve sospensione non ci saranno ripercussioni per il piccolo e incolpevole atleta che continuerà a giocare.

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“ABBIAMO L’ACCORDO SUL DECRETO FISCALE: NON CI SONO SCUDI DI SORTA ALL’ESTERO” - GIUSEPPE CONTE ANNUNCIA L’INTESA DOPO IL CONSIGLIO DEI MINISTRI: “NON CI SARA’ NESSUNA CAUSA DI NON PUNIBILITÀ: POTEVA PRESTARSI A EQUIVOCI. HO RIFERITO DELLE INTERLOCUZIONI CON MERKEL E MACRON, 50 MINUTI E NON IN PIEDI. IL CLIMA CHE ABBIAMO IN EUROPA È DI DIALOGO E DI DISPONIBILITÀ” - SALVINI RASSICURA I MERCATI: "NON ABBIAMO VOGLIA DI USCIRE DALL'UNIONE O DI USCIRE DALL'EURO" - DI MAIO LO SEGUE: "FINCHE' CI SARO' IO COME CAPO POLITICO DEL M5S, NON CI SARA' NESSUNO PROGETTO DI USCIRE DALL'EURO"

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute