DIECI POSTI A DISPOSIZIONE, 3600 DOMANDE, ANCHE DI LAUREATI. PER COSA? PER FARE IL BIDELLO A MESTRE! LO STIPENDIO E’ DI CIRCA 1500 EURO AL MESE, SABATO E DOMENICA A CASA. TRA I REQUISITI RICHIESTI PER LAVORARE NELLE SCUOLE ANCHE Il POSSESSO DELLA PATENTE B. L’UNICO PROBLEMA E’…

-

Condividi questo articolo

Elisio Trevisan per il Messaggero

 

bidello bidello

Dieci posti a disposizione, 3600 domande, anche di laureati. Per cosa? Per fare il bidello negli asili nido e nelle scuole dell' infanzia gestite dal Comune di Mestre. Lavoro a tempo pieno, 36 ore settimanali, sabato e domenica a casa, e anche tutto il mese di agosto; l' unico problema è che la sede non è fissa e può capitare di dover andare a lavorare in terraferma, in centro storico e nelle isole; lo stipendio è di circa 1.500 euro lordi al mese.

 

LA SCADENZA La scadenza originaria per presentare le domande era venerdì scorso, ma il termine è stato prorogato a mezzogiorno di martedì 4 settembre anche perché c' era un errore nell' elenco dei requisiti richiesti: oltre alla sana e robusta costituzione, al diploma di terza media, a una precedente esperienza di almeno due anni in attività a contatto con l' utenza, e all' ottima conoscenza parlata e scritta della lingua italiana, era originariamente richiesta la patente di guida di categoria B o superiore; siccome, però, un bidello non deve per forza saper guidare una macchina, il bando è stato rettificato e la patente B non è più requisito essenziale ma preferenziale.

bidello bidello

 

Insomma, chi ha la patente per l' auto, chi ha altri titoli di studio oltre alla terza media e chi ha più esperienze lavorative precedenti prenderà più punti fino a un massimo di 10. Questo concorso spopola, molto più di quelli per vigile urbano che promettono una carriera più dinamica e stipendi più alti, anche a causa di turni e ore straordinarie richieste, ma che ogni volta che vengono banditi faticano a raccogliere il numero di candidati per coprire il fabbisogno.

 

LE RICERCHE Per lo stesso giorno è stata fissata la scadenza anche della seconda gara che selezionerà aspiranti al ruolo di Collaboratore ai servizi di cucina ma in questo caso la partecipazione sarà sicuramente più ristretta dato che i titoli di studio richiesti sono specifici di operatore o tecnico dei servizi della ristorazione, oppure di esperto in enograstronomia e ospitalità alberghiera. Per fare l' esecutore scolastico, o bidello appunto, ci vuole almeno la terza media ma qualsiasi altro titolo di studio superiore è valido, anzi, porta più punti.

 

bidello bidello

E così ogni volta che si aprono gare per graduatorie simili, pure i laureati si presentano a frotte: giovani che non sono riusciti a coronare il sogno di intraprendere la professione per la quale hanno studiato e che temono un futuro sempre più incerto, vedono come un miraggio anche il posto fisso negli asili nido e nelle scuole dell' infanzia, sapendo che un impiego precario, ormai la maggioranza nel panorama lavorativo italiano, rende molto meno dei 1500 euro mensili lordi garantiti da un livello B1 a tempo pieno.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal