GIRA E RIGIRA A CUBA NON CAMBIA MAI UN CASTRO - L’ASSEMBLEA NAZIONALE E’ STATA CHIAMATA AD APPROVARE IL PROGETTO DI RIFORMA DELLA COSTITUZIONE DA CUI SPARISCE OGNI RIFERIMENTO AL COMUNISMO E, SOPRATTUTTO, SI APRE (TIMIDAMENTE) ALLA PROPRIETÀ PRIVATA - PECCATO CHE CHI VUOLE METTERSI A LAVORARE IN PROPRIO DEVE…

-

Condividi questo articolo

Emiliano Guanella per “la Stampa”

 

havana havana

Cuba apre alla proprietà privata, ma con molte e pesanti riserve. L'Assemblea Nazionale è stata chiamata ad approvare il progetto di riforma della vecchia costituzione del 1976, nell'ambito della spinta moderata al cambiamento iniziata da Raul Castro nel 2008. Al quotidiano ufficiale «Granma», come spesso accade, è stato affidato il compito di anticipare i contenuti della riforma dei 224 articoli, avviata dieci anni fa con una commissione del Partito comunista di cui ha fatto parte anche l' attuale presidente Miguel Diaz-Canel.

 

havana 4 havana 4

La Costituzione ribadisce la centralità del Partito, «forza dirigente superiore» della società e dello Stato, ma scompare la parola «comunismo» (si fa riferimento soltanto al «socialismo») e ammette per la prima volta nella gestione dell' economia nazionale «il ruolo del mercato e di nuove forme di proprietà, tra cui la privata».

 

Potrebbe essere una svolta storica, se non fosse per i tanti «ma» che accompagnano ogni tentativo di riforma sull' isola. La costituzione attualmente vigente riconosce quattro distinte forme di proprietà; quello dello Stato socialista, delle cooperative, dei piccoli agricoltori e la proprietà personale, che comprende l' alloggio, i risparmi e i mezzi di lavoro personale, sempre che non rappresentino «uno strumento di sfruttamento dell' uomo sull' uomo».

 

havana 3 havana 3

RISTORATORI E AUTISTI

Dalla morte di Fidel Castro, nel 2006, è iniziata una certa flessibilità nel concepire il ruolo dei cosiddetti «cuentapropristi», lavoratori indipendenti concentrati soprattutto nei servizi al turismo; taxisti, affittuari di camere per stranieri, gestori dei «paladares», i ristoranti con pochi tavoli sistemati generalmente in casa, parrucchieri e poco più. Una piccola grande rivoluzione, che oggi investe circa 600.000 persone e rappresenta il 13% del Pil cubano.

 

I TIMORI DEI PROPRIETARI

havana 2 havana 2

La nuova Costituzione, che dopo la scontata approvazione del Parlamento, sarà sottoposta al voto popolare mediante referendum, riconosce il lavoro autonomo e la proprietà privata degli strumenti di lavoro, ma riafferma la necessità, per mettersi in proprio, di ottenere un'apposita licenza dallo Stato.

 

Non solo, ed è qui che sorgono i timori dei "cuentapropisti", un terzo dei quali ha meno di 30 anni; il reddito prodotto deve essere registrato, depositato in banca e su questo si devono pagare le relative tasse. Non è chiaro, inoltre, quale sarà il trattamento riservato al capitale iniziale necessario per aprire un' attività. Quasi sempre i soldi per comprare un taxi, sistemare un alloggio per turisti o aprire un «paladar», arriva infatti dalle rimesse di qualche parente emigrato, l' altra grande fonte di ingresso, turismo a parte, di Cuba.

case a l'avana case a l'avana

 

Le perplessità su questo nuovo corso vengono da quello che si è visto ultimi mesi; da quando Diaz-Canel è presidente la concessione dei permessi per le attività in proprio è stata congelata. Il regime, in sostanza, ha partorito l' ennesima riforma a metà e sarà la pratica a dimostrare quanto reale sia la volontà di apertura al mercato da parte di una dirigenza ancora mista.

 

I VECCHI CONTROLLANO

Il «giovane» Diaz-Canel, classe 1960, quindi nato dopo la rivoluzione, è affiancato ancora oggi da una cerchia ristretta di leader della vecchia guardia che «vigilano» sulla velocità dei cambiamenti sull' isola.

cuba 4 cuba 4

 

L'esecutivo attuale è composto da 26 uomini e 8 donne, con una media d' età di 60 anni. La nuova Carta prevede anche l'istaurazione della figura del Primo Ministro e potrebbe permettere l'apertura ai matrimoni tra persone dello stesso sesso, una battaglia storica di Mariela Castro, figlia di Raul e direttrice del Centro cubano di educazione sessuale.

 

LE NOZZE GAY

Il matrimonio diventa «l' atto d'unione di due persone», senza specificare il sesso dei coniugi, un cambiamento fortemente criticato dalle chiese evangeliche che anche in Cuba, come nel resto dell' America Latina, stanno crescendo a vista d' occhio.

 

REPRESSIONE A CUBA REPRESSIONE A CUBA

Dal punto di vista politico la novità più rilevante è la nomina di Alejandro Gil Fernandez, coetaneo di Diaz.Canel che sostituisce l' ottantenne Ricardo Cabrisas. Gil ha costruito tutta la sua carriera nelle sfere economiche del partito ed è considerato molto vicino all' attuale presidente.

 

l avana vecchia l avana vecchia

Nel 2016 a lui è toccato il compito, come vice di Cabrisas, di attutire i colpi della crisi che ha colpito l'isola a causa della recessione del Venezuela, principale alleato oggi in forte decadenza dell'Avana. Undici milioni di cubani, soprattutto i più giovani, si chiedono se la coppia Gil - Diaz Canel sarà capace di modernizzare davvero l' isola, aprendola, se non al capitalismo, che continua ad essere proibito tassativamente, perlomeno ad un' economia più aperta e dinamica.

il ristorante la guarida il ristorante la guarida cubani giocano a domico per strada cubani giocano a domico per strada

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute